Cbdc, Visa collabora con le banche centrali per testarle sul campo

alberto-battaglia
Alberto Battaglia
13.1.2022
Tempo di lettura: 3'
Dalla prossima primavera Visa offrirà alle banche centrali un sistema per sperimentare sul campo le proprie monete digitali Cbdc

"Le banche centrali si stanno spostando dalla ricerca [sulle Cbdc] al desiderio di avere un prodotto tangibile da sperimentare", ha dichiarato Chuy Sheffield, capo dei progetti crypto di Visa

I clienti alla fine saranno in grado di utilizzare la loro carta Visa legata alla Cbdc o al portafoglio digitale ovunque Visa viene accettata, ha dichiarato Catherine Gu, capo dei progetti Cbdc della società di pagamenti. Lo scorso settembre anche Mastercard aveva annunciato un progetto analogo

E' evidente, quindi, che l'impegno di Mastercard e Visa nel sostegno allo sviluppo delle Cbdc rappresenta il tentativo di mantenere un ruolo in una tecnologia nata proprio per eludere i circuiti di pagamento tradizionali, gli intermediari e i relativi costi

Nonostante le notevoli differenze, le monete digitali delle banche centrali (Cbdc) e le criptovalute hanno in comune un obiettivo: fornire un'alternativa più efficiente per trasferire valore. Più efficiente rispetto a cosa? Rispetto agli esistenti circuiti di pagamento, naturalmente. Eppure, Mastercard e Visa, leader nel mondo dei pagamenti “tradizionali” sono in prima linea per fornire una piattaforma di sperimentazione per le Cbdc che le banche centrali potrebbero introdurre. Da ultimo, giovedì 13 gennaio, Visa ha annunciato che, a partire dalla prossima primavera, sarà lanciato un programma sperimentale per mettere alla prova l'utilizzo pratico delle monete digitali “pubbliche”, assieme alla blockchain company Consensys .
La notizia è arrivata al termine di un confronto fra Visa e circa 30 banche centrali, in merito agli obiettivi che le autorità intendono raggiungere tramite le nuove monete digitali.

"Le banche centrali si stanno spostando dalla ricerca al desiderio di avere un prodotto tangibile da sperimentare", ha dichiarato Chuy Sheffield, capo dei progetti crypto di Visa. Una volta operativo il progetto si articolerebbe nel seguente modo: la banca centrale mette a punto le caratteristiche della sua Cbdc sul sistema Consensys Quorum basato sulla blockchain Ethereum; in seguito, l'infrastruttura di Visa viene utilizzata per distribuire la moneta digitale attraverso le banche commerciali.

I clienti alla fine saranno in grado di utilizzare la loro carta Visa legata alla Cbdc o al portafoglio digitale ovunque Visa viene accettata, ha dichiarato Catherine Gu, capo dei progetti Cbdc della società di pagamenti, in post sul blog di Consensys.

"Se avrà successo, la Cbdc potrebbe espandere l'accesso ai servizi finanziari e rendere gli esborsi del governo più efficienti, mirati e sicuri - questa è una proposta attraente per i politici", ha detto Gu. Ad esempio, si potrebbe immaginare una politica dei sussidi mirata, che vincola le somme ricevute a determinati utilizzi o pone vincoli di tempo oltrepassato il quale il sussidio decade, ha specificato la responsabile di Visa.

Lo scorso settembre Mastercard aveva annunciato un progetto analogo, volto a simulare “l'emissione, distribuzione e scambio di Cbdc tra banche, fornitori di servizi finanziari e consumatori” in modo da “valutare l'interoperabilità con i circuiti di pagamento esistenti disponibili oggi per i consumatori e le imprese”.
Le Cbdc, una versione digitale della moneta “ufficiale” e non una moneta parallela, sono attualmente in fase di esplorazione presso le banche centrali di 87 Paesi, secondo l'Atlantic Council Cbdc Traker. In Nigeria e nelle Bahamas le Cbdc sono già state lanciate, mentre in Cina l'inaugurazione ufficiale dello yuan digitale è attesa in occasione delle imminenti Olimpiadi invernali di Pechino. Gli obiettivi delle Cbdc sono molteplici, fra cui fornire uno strumento “di Stato” in grado assicurare la centralità della moneta ufficiale negli scambi, potenzialmente minacciati dalla concorrenza delle stablecoin come mezzo di pagamento. Non solo: il membro del comitato esecutivo Banca centrale europea, Fabio Panetta, fra i protagonisti nella ricerca sull'euro digitale, aveva citato apertamente i rischi di un'eccessiva concentrazione nel mercato dei pagamenti digitali, oggi dominato da PayPal, Visa e Mastercard. L'euro digitale, pertanto, è stato presentato anche come uno strumento in grado di arginare questo oligopolio – in un mondo che pian piano usa sempre meno il denaro fisico (e sempre di più le carte di pagamento).

E' evidente, quindi, che l'impegno di Mastercard e Visa nel sostegno allo sviluppo delle Cbdc rappresenta il tentativo di mantenere un ruolo in una tecnologia, la moneta digitale, nata proprio per escludere i circuiti di pagamento tradizionali, gli intermediari e i relativi costi. Già oggi Visa permette di veicolare transazioni condotte in una stablecoin ancorata al valore del dollaro, Usdc, nell'ambito di una partnership con Crypto.com, un exchange che offre la possibilità di richiedere a una carta prepagata Visa. Inoltre, la società ha lanciato un servizio di consulenza sul mondo delle criptovalute per le banche che intendono lanciare nuove offerte alla propria clientela.
"Pensiamo che le stablecoin e le Cbdc coesisteranno in futuro e ci saranno diversi approcci per creare prodotti basati su questo”, ha dichiarato Chuy Sheffield di Visa. Per i colossi del mondo dei pagamenti attuale la scommessa è, tramite l'offerta di nuovi servizi, quella di riuscire ad incunearsi in un nuovo sistema di scambi che, altrimenti, rischia di tagliarli fuori.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti