Troppa liquidità sui conti correnti: un'occasione mancata. Ma non è troppo tardi

andrea_preti_nuovo
Andrea Preti
29.6.2021
Tempo di lettura: 3'
L'emergenza sanitaria è stata la principale conseguenza della pandemia, ma tra le ripercussioni non va sottovalutato l'aumento delle preoccupazioni sul fronte economico e finanziario. In particolare, l'incertezza sulla possibile evoluzione della situazione ha fatto sì che la liquidità detenuta sui conti correnti degli italiani aumentasse in maniera notevole, principalmente a causa di due fattori: 

  • la paralisi decisionale di tante famiglie e imprese, che non sono state in grado di decidere come impiegare le proprie risorse finanziarie

  •  il risparmio forzoso causato dai lockdown e dai provvedimenti restrittivi, che hanno limitato fortemente i consumi.


 

Questa situazione ha portato la liquidità sui conti correnti degli italiani, ferma e improduttiva, a crescere fino a sfiorare quota 2000 miliardi di euro: il totale, stando ai dati dell'Abi, a maggio ammontava a 1774 miliardi, 8 in più rispetto ad aprile. E se i consumi si stanno riprendendo, grazie all'avanzamento delle campagne vaccinali e alla progressiva riapertura delle attività, non si può dire la stessa cosa per l'impiego del risparmio. A pesare, anche in questo caso, sono diversi fattori: la paura per il futuro, la diffidenza nei confronti del sistema bancario, che in molti casi non è stato in grado di stare al fianco dei clienti nei momenti più difficili, e la scarsa educazione finanziaria dei risparmiatori.

Sarebbe invece molto importante che queste risorse entrassero nel circuito economico, per almeno due ragioni: anzitutto gli investimenti in azioni e obbligazioni rappresenterebbero un sostegno finanziario cruciale per il sistema delle imprese, che in questo modo potrebbero avviare progetti di sviluppo in grado di creare posti di lavoro e ricchezza per tutto il Paese. Inoltre, non bisogna dimenticare che in questo momento storico i governi di tutto il mondo sono stati costretti ad aumentare il debito pubblico per sostenere l'economia, le famiglie e le imprese e aiutarle a superare la fase più critica. In Italia, ad esempio, secondo i dati Bankitalia ad aprile il debito pubblico è aumentato di 29,3 miliardi rispetto al mese precedente, arrivando alla cifra di 2.680,5 miliardi di euro: il rapporto debito/Pil, in base alle stime dell'Ocse, nel 2021 è arrivato alla mostruosa percentuale del 160%.
Una volta superata la fase emergenziale, è lecito quindi aspettarsi l'adozione di una serie di misure fiscali finalizzate a ridurre, almeno in parte, questo debito: si potrebbe trattare di un aumento delle tasse e delle imposte, oppure di tagli alle prestazioni sanitarie e pensionistiche garantite ai cittadini. 

Riflettere sull'opportunità di diventare investitore e impiegare i propri risparmi in modo utile a provvedere ai propri bisogni presenti e futuri dovrebbe essere quindi una priorità per ogni cittadino. Ciascuno di noi deve pensare a costruirsi un welfare personale, per potersi garantire un avvenire sereno anche laddove lo Stato non dovesse più essere in grado di fornire prestazioni adeguate.

Per convincere i risparmiatori a investire parte della liquidità detenuta sui conti correnti alcune banche hanno di recente deciso di ricorrere a misure drastiche: alcuni istituti hanno infatti comunicato che avrebbero chiuso i conti correnti dei clienti che detenevano grosse cifre senza avere in essere investimenti o finanziamenti, mentre altri hanno aumentato i costi dei loro servizi per i clienti che non investono e altri ancora hanno scelto di applicare un tasso di interesse passivo a questi risparmiatori pigri, indecisi o timorosi.

Personalmente ritengo questi sistemi antipatici e controproducenti: la soluzione migliore sarebbe proporre ai risparmiatori un incontro con un consulente – non un venditore di prodotti finanziari – per chiarire la situazione e capire quali siano le decisioni più opportune da prendere. 

Il consulente può aiutare il cliente a comprendere quali risultati potrebbero essere raggiunti nel tempo, quale processo di investimento è meglio perseguire, quali rischi potrebbero comportare le diverse opportunità e come questi rischi potrebbero essere gestiti. 

Ai risparmiatori serve insomma qualcuno che sappia aiutarli a prendere decisioni e che li possa accompagnare passo a passo verso i loro obiettivi: in questo modo i cittadini sarebbero in grado di fare delle scelte di risparmio in un senso o nell'altro, ma in modo consapevole, senza farsi influenzare da false credenze e pregiudizi.
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti