Un salvagente chiamato "Scrigno per la vita"

Tempo di lettura: 5'
La vita è una scatola di cioccolatini, non sai mai cosa può riservarti, la perdita del lavoro, un incidente, una qualsiasi altra cosa negativa , che a sentirla dire tocchiamo subito ferro e cambiamo discorso

Perché se non si può per tempo prevedere un evento che va al di fuori delle nostre aspettative, si può però costruire il proprio salvagente di vita

Ci accorgiamo sempre dopo di quanto sia importante avere un cassetto salva vita

La pandemia ha cambiato molti aspetti della nostra vita.

Ci ha sbattuto in faccia quella cruda e nuda realtà di essere impotenti riguardo a ciò che accade.

Nessuno poteva prevedere questo evento esogeno, chiamato cigno nero.

 
Il cigno nero non è atterrato soltanto in finanza, ma si è intrufolato nelle nostre vite.

Un lockdown che non ha permesso a molti di noi di lavorare, aziende, commercianti, artigiani, liberi professionisti, tutti ferma a casa per colpa di un virus.

Aiutati da parte dello Stato che tardano ad arrivare e mancanza di liquidità per andare avanti.

Oggi mi sento di urlare a gran voce e con tutta me stessa che il nostro vero ruolo e valore aggiunto che possiamo dare ad una persona è "il percorso guidato della pianificazione finanziaria".

Io, ti prendo per mano e insieme attraversiamo le vari fasi della vita e ti preparo ad aprire l'ombrello in caso di pioggia e grandine.

Perché se non si può per tempo prevedere un evento che va al di fuori delle nostre aspettative, si può però costruire il proprio salvagente di vita.

Il più delle volte mi sento dire: "Quando ne avrò bisogno ci penserò", ed ecco che il bisogno arriva così velocemente che non abbiamo più tempo di pensarci.

Parecchie persone si trovano a non avere delle entrate, fanno fatica a pagare gli stipendi, a pagare affitti, mutui, bollette, ed alcuni non arrivano neanche a poter dar da mangiare ai propri figli.

 

Un defibrillatore per la vita finanziaria.

Ci accorgiamo sempre dopo di quanto sia importante avere un cassetto salva vita.Un cassetto salva vita? Ma stai scherzando Alessandra? 

No Alessandra non scherza!

Hai presente il defibrillatore che si hanno nelle strutture, nei campi da calcio, nei centri commerciali? Ecco quel cassetto deve essere paragonato proprio a  lui.

Può sembrare macabra  come metafora, ma il vero ruolo del defibrillatore  e' quello di salvatarti la vita quando il tuo cuore sta per cedere.

Idem il tuo scrigno finanziario.

Bisogna partire dalle cose semplici, se si lavora e si ha un entrata non bisogna azzerare il proprio stipendio, per comprare ogni santo mese vestiti, telefoni di ultima generazione e una corsa al consumismo sfrenato di massa.

Questo momento storico ci ha insegnato davvero quello che può essere un bene di necessità e non. E la necessità primaria siamo proprio noi, non gli oggetti che arricchiscono solo in parte le nostre vite.

Abbiamo bisogno anche di quello certamente, ma prima di tutto veniamo noi nella gerarchia dei nostri  bisogni primari.

PAROLA DI DONNA! Amante di scarpe e borse per poi decidermi che una borsa al mese non vale la pena. Ma un piano di accumulo di si!

Quindi  una parte, piccola o grande o minuscola che sia deve essere accantonata.

Accantonare? Si hai sentito proprio bene accantonareeeeee!!! Togliere e mettere via e far fruttare i propri risparmi, con strumenti liquidabili al momento del bisogno.

Questo invece è l'errore che fanno in molti e credetemi che è davvero così.

 

Formica si grazie!

Ricordiamoci sempre che colui che poco a poco leva una parte della sua retribuzione,  soldi che sono stati sudati con tante ore di lavoro e di sacrifici lo renderà una persona più responsabile e attenta alla propria vita e ai propri cari.

Atto di amor proprio e di amore verso le persone che amiamo. Con delle piccole accortezze possiamo bloccare l'imprevedibile finanziario per tempo.

E come in una fiaba c'è sempre un lieto il fine. 

Il lieto fine è proprio quel momento di prendere le chiavi per aprire quello scrigno a noi tanto caro, che ci aiuterà proprio a sopperire qui momenti difficili dove facciamo fatica anche a respirare.

Senza paura, come la bella addormentata che dopo un lungo sonno profondo può  aprire di nuovo gli occhi.

Un mondo che cambia, uno Stato quasi al collasso che non riesce a far fede alle promesse mantenute, e soprattutto un Welfare che non sarà più capace di erogare pensioni degne per una vita dopo il pensionamento.

Abbiamo lavorato 40 anni e ancor di più per ritrovarci cosa? Briciole…se non polvere!

E mi domando con il cuore in mano perché stai li ad aspettare impietrito che tutto questo accade quando basterebbe davvero poco, con piccoli passi per contrastare ciò?

Ognuno di noi deve avere accanto una professionista con il quale  costruire il proprio scrigno.

Le fasi da analizzare per costruire uno scrigno ben protetto sono parecchie,non demordere però, con l'aiuto di un professionista  prenderai coscienza di situazioni che non avresti mai pensato.

Il primo comandamento  è partire dal capitale umano, noi siamo la prima fonte di reddito e produciamo quel reddito alzandoci ogni santa mattina.

La vita è una scatola di cioccolatini, non sai mai cosa può riservarti, la perdita del lavoro, un incidente, una qualsiasi altra cosa negativa , che a sentirla dire tocchiamo subito ferro e cambiamo discorso.

Invece se tu ti vuoi bene devi sapere che queste sono le basi per affrontare il tuo futuro in maniera più consapevole e migliore.

Noi dobbiamo diventare come la Rosa della Bella e la bestia. Protetti in tutto il nostro splendore.

Questo è il momento di agire.

 
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti