Pianifichiamo il futuro insieme, ecco come

BELLOTTI MASSIMO
MASSIMO BELLOTTI
16.6.2020
Tempo di lettura: 3'
Oggi gli individui hanno sempre più bisogno di pianificare il loro futuro di vita e di proteggere il proprio patrimonio

Questo nuovo scenario si è ancor più manifestato con l'attuale emergenza sanitaria

Bisogna perciò sempre più ridefinire le scelte di protezione

Gli obiettivi personali e familiari sono raggiungibili funzionalmente alla disponibilità economica e alla capacità di risparmio che ciascuno possiede. Questi due elementi non sono però sufficienti da soli a raggiungere gli obiettivi.
Occorre altresì una strategia in grado di gestire al meglio le risorse con una visione lungimirante. In sostanza la capacità di pianificare il futuro.

Se dovessimo pensare quale possa essere il primo ambito nel quale costruire una pianificazione corretta, mi viene in aiuto il sostantivo,protezione.

Ovvero l'obiettivo primario è quello di proteggere se stessi, il proprio patrimonio e la propria famiglia.

Sapere prevenire e saper programmare sono i temi a cui deve tendere una corretta pianificazione.

La realtà ci dice però che le persone siano portate a ragionare su brevi spazi di tempo e difficilmente proiettare troppo in là le proprie scelte d'investimento.

In psicologia tale atteggiamento mentale è interpretabile come paura del futuro, perché incerto.

Il compito che ci attende e invece sollecitare immagini che riproducano nel denaro un nome e un tempo, ossia un utilizzo condiviso per raggiungere obiettivi concreti e reali.

Credo che passando attraverso questa via il nostro operato non verrà messo in discussione in ogni momento da difficoltà generate dai mercati o da fattori emotivi.

Altresì occorre distinguere come la risoluzione di certe esigenze di vita si concretizzino  attraverso strumenti assicurativi ,si pensi ad esigenze di tutela patrimoniale, altri trovano risposte in strumenti di natura finanziaria, si pensi ad esigenze di spesa nel medio termine.

La teoria del ciclo di vita di Modigliani, ci spiega molto bene come le persone tendano a risparmiare il proprio reddito per fronteggiare esigenze di consumo, al termine della propria vita lavorativa.

Modigliani sostiene con la sua teoria che il ciclo del risparmio di ogni individuo sia positivo durante l'attività lavorativa, e negativo durante l'approdo all'età pensionabile.

Partendo da qui, i passaggi chiave che bisogna saper portare per una corretta pianificazione è far passare il concetto di bisogno in luogo a quello di prodotto e il concetto di efficacia in luogo a rendimento.

Stiamo assistendo da diverso tempo ad una veloce traslazione del rischio dai Governi agli individui.

In sostanza i Governi non sono più in grado di dare risposte adeguate ai bisogni degli individui. Bisogna perciò sempre più ridefinire le scelte di protezione.

Questo nuovo scenario si è ancor più manifestato con l'attuale emergenza sanitaria. Se non  penso a come garantirmi un minimo di protezione, se non penso a come garantirmi in futuro lo stesso tenore di vita, se non riesco a proteggere il gap tra pensione pubblica e privata, non ho nello Stato un interlocutore efficiente in grado di rispondere a queste esigenze.

Credo che un compito ci attenda da qui ai prossimi anni e sicuramente un compito anche di natura sociale ma estremamente coinvolgente.

Oggi gli individui hanno sempre più bisogno di pianificare il loro futuro di vita e di proteggere il proprio patrimonio. Il salto mentale va fatto occorre rendersi conto che lo Stato non ha le risorse per svolgere questo compito. Oggi tocca a noi.
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti