Patrimoniale: se la conosci la eviti?

IMG_20220609_095414_edit_5380460097615
Fausto Balmas
3.11.2021
Tempo di lettura: 2'
Ni.. cos'è e come funziona
Cos'è la patrimoniale?

La patrimoniale è un'imposta che può colpire sia il patrimonio mobile che quello immobile.

Cosa colpisce la patrimoniale?

Il patrimonio può essere inteso come qualsiasi genere di bene posseduto da una persona fisica o giuridica, come ad esempio:

  • liquidità/conti correnti

  • immobili

  • denaro

  • fondi

  • obbligazioni

  • valori preziosi

  • azioni


La patrimoniale può colpire indistintamente tutte queste categorie di beni, oppure alcune di esse.

La patrimoniale è una tassa o un'imposta?

In linea generale, si può fare questa distinzione:

le tasse vengono corrisposte a fronte di un servizio ricevuto (ad es. la tassa sui rifiuti, le tasse universitarie, etc.);

le imposte non trovano un riscontro immediato in termini di servizi, ma sono utilizzate per servizi che lo Stato o gli Enti pubblici corrispondono alla collettività nel tempo.

Conseguentemente, la patrimoniale è un'imposta.

Quali tipi di patrimoniali esistono?

L'imposta patrimoniale può essere distinta sotto due aspetti:

Ammontare dell'imposta

fissa, se viene versata indistintamente da tutti i contribuenti in importo fisso;

variabile, se varia in funzione del patrimonio dei contribuenti.

Nel caso di patrimoniale variabile è spesso prevista una soglia di protezione, la cosiddetta franchigia, entro cui non è previsto alcun prelievo.

Le imposte di successione, ad esempio, prevedono, per gli eredi in linea retta (coniuge, figli, genitori) una franchigia pari ad un milione di euro; superato tale importo, devono essere versate.

Non sempre però le imposte patrimoniali variabili prevedono una franchigia. L'imposta di bollo sugli investimenti (pari allo 0,20% l'anno sul patrimonio investito) non prevede alcuna franchigia.

Non trovi tutte le informazioni che ti servono? Consulta direttamente i nostri esperti gratuitamente.

Frequenza dell'imposta

La patrimoniale, inoltre, può essere:

una tantum, ossia applicata una sola volta e senza alcuna periodicità (ad es., un prelievo "forzoso" sui conti correnti applicato una sola volta per "rimpinguare" le casse dello stato);

periodica, quando viene versata con cadenza regolare, tipicamente annuale (ad es., l'imposta di bollo sul conto corrente, e quella sugli investimenti).

Esempi di patrimoniale

Esempi classici di patrimoniale sono

  • l'Imposta Comunale sugli Immobili (ICI), sostituita nel 2012 dall'Imposta Municipale Unica (IMU);

  • l'imposta di Successione;

  • l'imposta di bollo sui conti correnti;

  • l'imposta di bollo sugli investimenti.


L'esempio più noto, e più (dolorosamente) ricordato, di imposta patrimoniale una tantum è quello dell'imposta introdotta dal Governo Amato nel 1992, che colpì tutti i conti correnti di persone fisiche e giuridiche con un prelievo pari al 6 per mille delle somme depositate.

All'estero, e in particolare nei paesi nordici, le patrimoniali sono normalmente in uso e vengono versate con cadenza annuale. Servono principalmente a sostenere la redistribuzione del reddito.

Perché secondo molti l'applicazione di una patrimoniale sarebbe ingiusta?

La patrimoniale colpisce il patrimonio che, generalmente, è stato accumulato attraverso redditi già assoggettati a prelievo fiscale. Per questo motivo appare ingiusta a molti.

Esistono strategie per evitare eventuali patrimoniali?
In linea di massima no, in quanto su un piano teorico la patrimoniale potrebbe colpire, come detto, qualsiasi forma di patrimonio detenuto da privati e imprese.

In linea pratica, però, ci sono vari accorgimenti che possono, in modi diversi, attutire gli effetti di un'eventuale patrimoniale


  • dare spazio a investimenti che, storicamente, non sono mai stati oggetto di patrimoniali, in particolare:


Forme pensionistiche complementari (fondi pensione di categoria e aziendali, fondi pensione aperti, piani individuali pensionistici);

Gestioni separate assicurative;

  • Non accumulare troppo denaro su depositi in conto corrente, e soprattutto costruire una pianificazione finanziaria che consenta la ricerca di rendimenti attesi coerenti con la propria propensione al rischio e i propri orizzonti temporali, affidandosi a un Consulente Finanziario di fiducia.


Se il patrimonio è fermo sul conto, infatti, è esposto, oltre al rischio di una patrimoniale “in stile Amato”, ad altri importanti rischi:

  • la perdita del valore reale del patrimonio. Il conto corrente difatti non remunera o remunera assai poco, per cui il capitale perde potere di acquisto a causa dell'inflazione;

  • sopra determinate soglie, al c.d. “Bail In”, ossia la perdita parziale o totale del patrimonio in caso di fallimento della Banca su cui è stato aperto il deposito.

Vorresti approfondire la tematica trattata contattando uno dei nostri esperti? E' gratuito, facile e veloce!

Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti