2021: cronaca di un anno vissuto ad alta tensione

La Spina Marco
Marco La Spina
22.12.2021
Tempo di lettura: 3'
Dopo il 2020 segnato dall'esplosione della pandemia di Covid-19 e dal lockdown globale, il 2021 è stato caratterizzato dal lento ritorno alla normalità, dal boom economico, dalla carenza di materie prime e componenti tecnologiche. Il 2021 sarà ricordato anche per il ritorno dell'inflazione, le tensioni geopolitiche e in Italia dal governo Draghi.
Giovedì 7 Gennaio 2021, rientro al lavoro dopo la pausa natalizia: sonno, sonno, sonno. Ho passato la notte davanti alla TV a seguire la diretta dell'assalto a Capitol Hill. Ero incredulo: ancora oggi non è ben chiaro come sia stato possibile che uno sparuto gruppo di manifestanti abbia potuto violare uno dei templi sacri della democrazia più importante del mondo. Da lì dovevo capire che, dopo un 2020 ad alta tensione, anche il 2021 non ci avrebbe fatto annoiare.

Nei libri di storia ricorderemo per sempre l'anno 2020: la pandemia di Covid, il lockdown globale, la terza recessione peggiore della storia (-10,8% la contrazione del PIL italiano, peggio si è fatto solo nel 1943 e 1944). Il 2020 ha cambiato per sempre il nostro modo di vivere, comunicare, lavorare ed ha accelerato alcuni trend che erano già in atto: il boom tecnologico, lo smartworking, l'e-commerce, lo streming, la diffusione della moneta elettronica, la gig economy…

Poi sono arrivati i vaccini e cure contro il Covid e con essi la speranza di un ritorno alla normalità

Le borse nel 2020 avevano vissuto un vero e proprio tracollo tra febbraio e marzo, per poi dar vita ad una rapida risalita per tutto l'anno. Nel 2021 questa salita è proseguita, facendo toccare a molti mercati nuovi livelli record. Chi ha saputo mantenere il sangue freddo, oggi sta festeggiando guadagni importanti.

Sul fronte pandemia, il 2021 è partito con nuovi lockdown, soprattutto nei paesi più lenti con la campagna vaccinale, tra cui l'Italia che prima di Pasqua era praticamente tutta in zona rossa con i ragazzi di nuovo in DAD: un triste remake della primavera 2020.

Con l'arrivo di Draghi al governo la musica è cambiata, sia sul fronte vaccinale, sia su quello della ripresa economica: le stime iniziali di una crescita intorno al 4% sono state riviste al rialzo mese dopo mese e il dato definitivo dovrebbe attestarsi intorno al 6,2%.

Praticamente il Pil italiano è cresciuto più nel solo 2020 che negli ultimi 20 anni messi insieme.

L'Italia sarà il paese che riceverà più soldi dall'Europa, all'interno del piano PNRR e se si sapranno spendere bene, si potrebbe avere un'ulteriore spinta alla crescita del paese.

Dopo 2 decenni di continui downgrade è arrivata per la prima volta una promozione da parte di un'agenzia di rating, Fitch, che ha migliorato il suo giudizio sull'Italia.

A corollario di questo momento d'oro per il nostro paese, mi piace ricordare anche i successi sportivi, con la vittoria agli Europei di calcio e alle olimpiadi di Tokio, e quelli musicali, con i Maneskin sul tetto del mondo.

Le notizie positive sono state intervallate da momenti di tensione dovute alla paura per le varianti di Covid-19: in primavera la variante Inglese, poi la Delta ed infine la Omicron. Alla fine però non si è arrivati più a situazioni di vera criticità, soprattutto nei paesi con alto tasso di vaccinati.

Altri motivi di tensione  sono arrivati dal settore delle materie prime e dei microchip, praticamente introvabili e con prezzi schizzati alle stelle.

Non sono mancati anche numerosi focolai sul fronte geopolitico.

Tutti abbiamo in mente le immagini della fuga rocambolesca degli Americani dall'Afghanistan ed il ritorno al potere dei Talebani

Delle ultime settimane è lo scontro tra Unione Europea e Bielorussia, che usa i migranti prelevati in Siria e Iraq come arma di ricatto

Sempre in quell'area, la Russia schiera truppe al suo confine e si prepara ad invadere l'Ucraina

La stessa minaccia pende su Taiwan, da parte della Cina.

Per rimanere nell'area del Pacifico, si rafforza un'alleanza Usa-Regno Unito-Australia in chiave anticinese, a farne le spese per ora è la Francia che perde un'importante commessa di sottomarini.

Il 2021 è anche l'anno di Brexit ed i primi effetti per i consumatori britannici sono scaffali dei supermercati vuoti,  le code ai distributori di benzina e prezzi alle stelle.

A proposito di inflazione, una parola va spesa anche per la Turchia, paese sull'orlo del collasso, valuta a picco a causa di una banca centrale asservita al potere politico, come piacerebbe a molti sovranisti nostrani.

Concludo questa rapida carrellata con quello che è stato il motivo di maggior tensione in questo 2021: la Cina. 

La borsa cinese è l'unica (insieme al Brasile) con performance negative da inizio anno. Questo a causa della regolamentazione sempre più stringente nei settori dell'istruzione e del tech, delle tasse sui super-ricchi e della bolla del settore immobiliare, col probabile default del colosso Evergrande.

Insomma anche quest'anno ci sono stati tanti avvenimenti che avrebbero potuto portare un crollo del mercato, ma ancora una volta abbiamo imparato che il mercato non crolla quando pensiamo noi, ma in momenti imprevisti e imprevedibili

Il mercato nel lungo periodo cresce sempre, ogni tanto ci sono dei momenti con dei cali, spesso brevi e violenti, per far spaventare i più, per poi ripartire al rialzo verso nuovi record.

Il mercato premia chi è più paziente e chi è più coraggioso, premia chi riesce a mantenere la calma in questi momenti di calo e aspettare i successivi rialzi.

Come fare ad essere pazienti e coraggiosi, quando vorremmo scappare dal mercato? Grazie all'educazione informazione e cultura finanziaria, che da anni i consulenti finanziari cercano di portare nelle case delle famiglie italiane.

Infatti un risparmiatore preparato, con accanto un professionista di fiducia, conosce il comportamento corretto da tenere nei momenti “difficili”  e sa che proprio in questi momenti costruiscono le basi per i successi futuri.

Le performance di un portafoglio d'investimento derivano dai mercati, dai prodotti, ma soprattutto dai comportamenti corretti degli investitori.

Comportamenti corretti che si possono avere solo con risparmiatori preparati e consapevoli.

Viviamo anni di grandi cambiamenti, non sappiamo cosa ci riserverà il 2022, ma qualunque cosa dovesse accadere, dovremo essere pronti ad affrontarla e trasformare ogni sfida in un'opportunità.

Tanti auguri di buone feste,

Marco
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti