Cos'è il value investing

04 Gennaio 2019 · 3 min

Cos’è e quali sono i vantaggi del value investing? Risponde Roberto Russo, ad di Assiteca Sim

Definizione

Il value investing è una metodologia di investimento di matrice americana basata sull’analisi fondamentale, ovvero sulla ricerca del valore di impresa e sul differenziale tra ciò che esprime la borsa attraverso il prezzo e ciò che esprimono i risultati operativi di un’azienda. La logica di fondo è selezionare aziende dove si possa individuare un differenziale di almeno il 30-40% tra prezzo (ciò che esprime il mercato) e valore sottostante l’investimento.

Vantaggi

I vantaggi del value investing sono innanzitutto il fatto che tale metodologia di investimento è estranea dall’andamento di breve termine dei mercati finanziari e quindi dall’aspetto emotivo, che è uno degli fattori che – specialmente in questo periodo – sta coinvolgendo e influenzando moltissimo le decisioni di investimento. Proprio perché il value investing si basa sull’analisi dei risultati operativi delle aziende, spesso accade che il mercato faccia di tutta l’erba un fascio, e quindi siano colpite aziende indipendentemente dai loro risultati operativi. Questo sicuramente è un elemento determinante, perché sposta l’analisi nel medio-lungo termine rispetto all’analisi di breve termine che spesso induce a degli errori molto gravi.

Esempi

In questa fase di mercato, esempi tipici di value investing possono essere le aziende del lusso, perché sappiamo che recentemente una nota casa di investimento ha downgradato il settore, che è stato colpito improvvisamente da vendite repentine. Analizzando alcune aziende in particolare, infatti, all’interno di questo settore è possibile profittare delle cadute di breve termine per investire sempre in un’ottica di medio-lungo termine. Alcuni esempi classici potrebbero essere Tods, che è stata molto penalizzata nell’ultimo periodo, e Salvatore Ferragamo. Ma anche la Ferrari che, pur essendo un titolo che ha performato molto negli ultimi anni per la sua unicità e per le sue peculiari caratteristiche, si presta a essere un investimento di medio-lungo termine all’interno dei portafogli. Quindi, in una fase di forte correzione, tramite questa metodologia si ha l’opportunità di metterla o ricomprarla nei portafogli con un vantaggio discreto.