Eltif vs Pir, concorrenza in arrivo?

26 Marzo 2019 · 3 min

Eltif, cosa sono e quali vantaggi presentano? Risponde Sergio Zocchi, ceo di October Italia

Gli Eltif (European Long Term Investments Funds) sono dei fondi chiusi promossi con il regolamento europeo del 2015 con l’obiettivo di costituire dei veicoli di investimento di lungo periodo con un orizzonte temporale adatto a investimenti sia in equity che con strumenti di debito. Essi sono prevalentemente rivolti all’economia reale, come capitale di medio-lungo periodo a supporto delle piccole e medie imprese europee. I vantaggi principali sono dovuti alla loro natura di lungo periodo, ovvero alla possibilità di veicolare capitali permanenti alle imprese raccogliendo sia da investitori professionali che retail.

Un punto sul mercato italiano

In Italia il regolamento Eltif è stato recepito soltanto recentemente con la legge di bilancio 2018. Di conseguenza, soltanto dal 2019 abbiamo visto la costituzione dei primi Eltif di diritto italiano. In altri Paesi europei, invece, il regolamento è stato recepito più rapidamente. Questo modello di raccolta e di impieghi sulla piccola e media impresa, dunque, è già utilizzato da tempo e si è dimostrato essere un canale ottimale per portare risorse sotto forma di equity o di debito alle imprese europee.

Qual è il loro potenziale?

I piani individuali di risparmio, cioè i Pir, hanno avuto un grande successo di raccolta negli ultimi anni con oltre 19 miliardi di euro raccolti soltanto nel 2018. Tuttavia, non hanno avuto altrettanto successo in termini di reimpieghi, poiché vincoli di destinazione molto stringenti hanno limitato l’impatto che le risorse raccolte attraverso questi strumenti potessero avere sull’economia reale. Oggi c’è un grande interesse riguardo agli Eltif come potenziali alternative ai Pir, ovvero come veicoli chiusi con un orizzonte temporale di investimento di medio-lungo periodo che potrebbero essere strumenti ottimali per veicolare risparmio privato o risorse di investitori istituzionali. Chiaramente, affinché questo possa avvenire con successo, sarebbe opportuno che i vantaggi fiscali oggi concessi ai piani individuali di risparmio possano essere estesi anche ad altri veicoli come gli Eltif o i fondi chiusi di medio-lungo termine.