Robot advisor: nuova frontiera della consulenza?

19 Giugno 2018 · 3 min

Giuseppe D’Agostino, vicedirettore generale della Consob, affronta il tema dei “robot advisor” e spiega come si pone questa nuova tecnologia rispetto alla figura del consulente.

Cosa sono i robot advisor?

I servizi dirobo-adviceconsistono in un modello di consulenza in materia di investimenti, prestata al pubblico mediante piattaforme internet. I robot advisor sfruttano, attraverso algoritmi, una raccolta di dati per profilare il cliente e fornire raccomandazioni su strumenti finanziari o su portafogli di strumenti finanziari.

Come si pone questa nuova tecnologia, rispetto alla figura del consulente?

Considerare la tematica dal punto di vista dello scontro tra uomo e macchina è scorretto. La questione riguardala definizione del modello di servizio. Abbiamo grandi vantaggi dall’uso della tecnologia digitale, come la possibilità di raggiungere un pubblico più vasto, ma anche alcune problematiche.

Le macchine, infatti, hanno difficoltà a gestire l’emotività del cliente o possono non comprendere le informazioni. Da qui, l’importanza dell’intervento umano, il consulente finanziario in grado di cogliere meglio gli aspetti emotivi e psicologici e capire i limiti dell’informazione fornita.

Inoltre, l’algoritmo affronta analisi su tematiche semplici e ben strutturate. Tanto più il problema sottoposto al consulente è complesso (ad esempio, quando introduce profili di tipo legale e fiscale, intergenerazionale o assicurativo), tanto più utile è l’intervento del consulente finanziario.