Fare la differenza sui mercati azionari con le strategie unconstrained

23 Aprile 2019 · 3 min

Qual è la vostra view per i mercati azionari? Risponde Matteo Lenardon, deputy country head Italia di Legg Mason

L’anno che abbiamo di fronte sarà molto probabilmente volatile. Siamo a fine ciclo economico e il venire meno dell’espansione monetaria, la normalizzazione dei vari quantitative easing e la marea della liquidità che si sta ritirando, porteranno a maggiori rischi, ma soprattutto a tensioni nell’ambito azionario. Crediamo che gli investitori in questo contesto torneranno a focalizzarsi sulla selezione forte, seguendo i principi di un’analisi approfondita dei fondamentali e cercando di pagare prezzi ragionevoli se non attraenti. Questo è il tipico approccio di molti gestori attivi in ambito azionario.

Come fare la differenza in questo contesto?

Crediamo possa fare la differenza un approccio che guarda ai macrotemi che sono presenti sul mercato e che si accompagna a driver di crescita pluridecennali molto forti. Il primo – che impatta su molte aziende e settori – è il cambiamento demografico, in primis legato all’espansione della classe media presso i Paesi emergenti. Inoltre, la scarsità delle risorse accompagnata a una crescente consapevolezza delle questioni ambientali vanno a creare delle opportunità nei settori dell’energia e del trasporto pulito. Infine, un tema già molto dibattuto è quello della robotica e dell’intelligenza artificiale. Per concludere, sarà importante fare una forte selezione insieme a un’analisi esg integrata nel processo di investimento, ovvero un’analisi di sostenibilità ambientale, sociale e di governance che alzerà il livello di guardia all’investitore  per permettergli di evitare o essere più preparato ad affrontare dei rischi che potrebbero impattare sulla crescita delle aziende nel prossimo futuro.

Strategie unconstrained: quali sono i vantaggi?

Nell’unconstrained abbiamo raccolto significativi risultati e riscontri per quanto riguarda la parte obbligazionaria. Abbiamo investito su strategie alternative svincolate da benchmark, che hanno puntato e sono riuscite a generare alpha decorrelato. Inoltre, stiamo investendo sull’applicazione di uno stile unconstrained svincolato da benchmark anche nel mondo azionario, in primis con il nostro operatore specializzato in azionario internazionale Martin Currie. In questo caso, “approccio svincolato” significa libero di posizionarsi laddove sia estremamente interessante essere presente, senza rischiare di disperdere valore. Con la nostra analisi proprietaria, cercheremo di mantenere un portafoglio diversificato da un punto di vista multifattoriale, ma in grado di produrre vero alpha rispetto ai mercati globali ed europei azionari.