Finanza ed economia reale, il ruolo degli investimenti alternativi

29 Aprile 2019 · 3 min

In che modo il mondo della finanza può contribuire alla crescita dell’economia reale? Risponde Gianluca La Calce, amministratore delegato e direttore generale di Fideuram Investimenti

Il ruolo della finanza è quello di allocare nel mondo più efficace ed efficiente dei capitali. Di conseguenza, può impattare sull’economia reale perché è in grado di determinare quali progetti possono essere portati avanti, quale offerta merita di essere favorita e può incontrare la domanda degli investitori, e qual è il comportamento delle aziende, sia nella governance che assumono sia negli investimenti che intendono fare. In altre parole, la finanza dà la benzina o l’energia pulita alle aziende che lo meritano.

Qual è il ruolo degli investimenti alternativi?

Il ruolo degli investimenti alternativi per l’investitore è quello di avere una nuova fonte di rendimento, che costituisce anche una fonte di diversificazione. Vuol dire, inoltre, investire su mercati privati, ovvero aziende non quotate che appartengono a imprenditori privati. Questo tipo di investimento è totalmente diverso da quello che si può effettuare nei mercati pubblici, perché si entra nel governo delle aziende e si contribuisce direttamente alla creazione di valore, aiutandole a rivedere i propri processi produttivi, il management e i mercati di sbocco; in altre parole, si lavora per incrementare l’utile che le aziende sono in grado di produrre. Non è semplicemente una scommessa su dove andrà l’economia, i tassi di interesse, o come si comporteranno gli altri investitori, ma vuol dire trasformare l’azienda affinché crei più valore.

Quale strategia adottare?

Nel nostro caso crediamo che sia molto importante oggi avere un atteggiamento diversificato fra mercati e fra strategie. Fra strategie, in particolare, vuol dire investire sia sull’equity, sia sul debito, ma anche su infrastrutture e real estate. Fra mercati, invece, vuol dire avere la possibilità di investire a livello internazionale dove si trovano le opportunità. Oggi è più importante avere un atteggiamento diversificato rispetto ad altre fasi del ciclo economico perché si tratta di un ciclo abbastanza avanzato e i rendimenti attesi rischiano di essere un po’ più bassi che non in passato. Di conseguenza, avere le opportunità laddove si generano senza limiti importanti è la cosa più rilevante. Il nostro obiettivo è quello di dare l’alpha – ovvero la generazione di valore – che viene dal private market e non fare una scommessa sulla singola strategia o sul singolo mercato.