Le preferenze degli italiani in tema di investimenti

28 Gennaio 2019 · 3 min

Quali tipologie di investimento preferiscono i risparmiatori italiani? Risponde Davide Gatti, responsabile divisione retail e private di Anima Sgr

Come emerge dal nostro Osservatorio con GfK, i risparmiatori italiani continuano a preferire i prodotti finanziari rispetto agli immobili. Tuttavia, evidenziamo un ritorno all’investimento immobiliare, che negli ultimi tre anni era sceso in modo particolare. Infatti, in questo settore, oggi siamo tornati al livello del 2015 ma i prodotti finanziari – anche in virtù del fatto che una certa progettualità degli italiani è in ripresa e di conseguenza si guarda verso il futuro in modo più positivo – possono rappresentare un’ottima destinazione per cercare di crescere e avere più risparmi per il futuro.

Su quali soluzioni di investimento puntare nel corso del 2019?

Veniamo da un 2018 particolarmente critico per la maggior parte delle asset class, in quanto la quasi totalità sono state in territorio negativo, per cui effettivamente è molto difficile guardare al 2019 con positività. Tuttavia, riteniamo anche che – visti quelli che sono stati gli andamenti degli ultimi 9-10 anni dove la maggior parte delle asset class ha avuto una crescita lineare – quest’anno bisogna guardare a prodotti che facciano molta attenzione alla selezione delle attività finanziarie, come le azioni e alle obbligazioni, ovvero quella che si chiama “gestione attiva“. All’interno di questa gamma di prodotti di gestione attiva, quello che gli italiani preferiscono sono il mondo dei bilanciati e multi-asset, quelli che prevedono al loro interno azioni e obbligazioni distribuiti secondo diversi profili di rischio-rendimento.

In ottica Mifid 2, come è cambiata la relazione tra intermediario e cliente?

L’avvento di questa nuova normativa sicuramente imposterà la relazione su criteri di trasparenza maggiori rispetto al passato. Tuttavia, come si evince dall’Osservatorio, sarà sempre più importante avere un consulente finanziario che aiuti le famiglie a scegliere i prodotti da inserire all’interno dei propri portafogli perché, tra tantissime attività, l’attività di scelta per parcheggiare i propri risparmi resta una tra le più difficili. Quindi, ancora nel 2019-2020, il consulente finanziario sarà una figura chiave per i risparmiatori italiani.