PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Visco: il ruolo chiave della finanza nella transizione sostenibile

Visco: il ruolo chiave della finanza nella transizione sostenibile

Salva
Salva
Condividi
Virginia Bizzarri
Virginia Bizzarri

28 Febbraio 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Visco delinea il ruolo delle banche centrali nella transizione verso un’economia sostenibile

  • Le modifiche in ottica Esg ai portafogli della Banca d’Italia

Il governatore della Banca d’Italia sottolinea il ruolo decisivo del settore finanziario e in particolare delle banche centrali, nella transizione verso un’economia a emissioni zero.

Il settore finanziario, esercitando un ruolo centrale nell’allocazione delle risorse, può essere decisivo nell’ influenzare la transizione verso un’economia a emissioni zero. Questo, il messaggio lanciato dal governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, intervenuto a Londra in occasione del lancio da parte della Bank of England della ‘COP26 Private Finance Agenda’ che introduce i criteri per tenere conto dei cambiamenti climatici in ogni decisione finanziaria.

Nel corso del suo intervento, Visco si sofferma nel delineare il ruolo strategico delle banche centrali, che costituiscono un tassello importante nel percorso verso la sostenibilità.

“In primo luogo – spiega Visco – (ndr le banche centrali) possono aiutare far crescere la consapevolezza dei rischi relativi ai fattori di sostenibilità e ai canali attraverso cui vengono trasmessi dall’economia reale al sistema finanziario”. “In secondo luogo –aggiunge – possono promuovere la diffusione di maggiori informazioni sui rischi ambientali e favorire una migliore gestione dei rischi legati al clima da parte degli intermediari finanziari. In terzo luogo, possono essere d’ esempio per gli investitori, adottando politiche adeguate nella gestione delle proprie risorse finanziarie”.

Il governatore ha poi colto l’occasione per descrivere alcuni dei cambiamenti intrapresi dalla Banca d’Italia in merito alla propria strategia per gli investimenti, ricordando come lo scorso anno siano stati integrati nella gestione del portafoglio azionario i fattori ESG (Environmental, Social and Governance) e spiegando come questa decisione, in termini di performance, non abbia impattato negativamente sui risultati del portafoglio, ma bensì portato a un miglioramento rispetto al vecchio portafoglio, sia in termini di rendimento che di volatilità.

Questo a conferma del fatto che, come evidenziato da diversi studi, gli investimenti sostenibili possono portare a rendimenti aggiustati per il rischio “spesso maggiori di quelli raggiunti con l’uso dei modelli finanziari tradizionali”. Visco ha poi anticipato che quest’anno è previsto il lancio di un’ iniziativa analoga per il portafoglio di obbligazioni societarie.

Virginia Bizzarri
Virginia Bizzarri
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: SRI-Impact investing Bankitalia