PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Tassonomia, in arrivo il primo rinvio

Tassonomia, in arrivo il primo rinvio

Salva
Salva
Condividi
Contributor
Contributor, Costanza Fitzroy

22 Ottobre 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva

I Consiglio d’Europa ha rinviato di due anni la votazione delle nuove regole sulla tassonomia delle attività economiche sostenibili.

La decisione è stata presa il 23 settembre scorso quando l’organismo che riunisce i rappresentanti dei governi dell’Unione ha licenziato la bozza di regolamento che dovrà ora essere condivisa dal cosiddetto trilogo (Commissione, Consiglio e Parlamento europei). La definizione delle nuove norme dovrà concludersi entro il 2021 affinchè queste ultime possano trovare applicazione entro la fine dell’anno successivo. In precedenza la Commissione europea aveva indicato nel suo Action Plan un termine più ristretto, il terzo trimestre di quest’anno, per mettere a punto il nuovo quadro normativo. Sul rinvio hanno pesato le pressioni delle lobby finanziarie europee che, in una lettera comune alla commissione di Bruxelles, avevano chiesto una timetable più rilassata per avere il tempo di adattarsi a regole che cambieranno in profondità i business model delle imprese ed anche le policy di investimento dei gestori finanziari. Va anche aggiunto che, nel merito, i pareri su ciò che si debba intendere per attività sostenibili o non sostenibili sono tutt’altro che concordi. Un esempio riguarda l’energia nucleare. Fino alla fine alcuni paesi (Germania, Lussemburgo e Austria) hanno cercato di imporre l’esclusione dell’energia prodotta dall’atomo dalle attività sostenibili, in aperto contrasto con la Francia, che dipende fortemente dalle centrali nucleari. Alla fine il documento del Consiglio è stato approvato all’unanimità in una forma edulcorata ma naturalmente le discussioni sono destinate a riproposti nel successivo trilogo. Quanto più si affrontano temi concreti il formale unanimismo che finora ha circondato i temi di sostenibilità è destinato insomma ad infrangersi contro il muro degli interessi nazionali e delle diverse lobby economiche. We Wealth ha chiesto un commento a Pietro Negri, presidente del Forum della finanza sostenibile, membro della segreteria tecnica del Comitato per la Corporate governance di Borsa Italiana e Responsabile Servizio Sostenibilità e Corporate governance di Ania. Il rinvio dei termini era inevitabile? L’Action Plan iniziale della commissione non era forse troppo ambizioso?

“In realtà siamo già andati troppo lunghi, ogni tempo che noi trascorriamo senza applicare queste normative è tempo sprecato. Non può esserci una transizione sine die. Come industria assicurativa italiana siamo decisi a percorrere la strada, come si vede ogni giorno la situazione è sempre più grave, e ogni giorno potrebbe essere tempo perso se non si implementano queste scelte. Bisogna lavorare per mitigare gli effetti del cambiamento climatico in fretta. La difficolta sta in questo, quindi, nella necessità di coniugare un intervento più possibile tempestivo con la necessaria tempistica per l’implementazione tecnica, che non è banale”.

Parlando quindi di implementazione tecnica e operativa, voi state già valutando quali effetti avranno le nuove regole sulla tassonomia?
No, siamo ancora in una fase precedente in cui le associazioni d’interesse, ed anche i regulator, stanno sforzandosi di capire a che livello di consapevolezza e apprendimento sono arrivati i consigli di amministrazione delle società.

C’è secondo lei un gap culturale sul tema della sostenibilità?

Nel mondo assicurativo noi abbiamo avuto un vantaggio soprattutto in Italia, perché abbiamo una normativa dettata dall’Ivass nel 2018 che è il regolamento n.38 che già impone ai Cda delle imprese di assicurazione di tener conto delle conseguenze generate o subite delle attività di impresa rispetto ai cambiamenti climatici e ai cambiamenti sociali.

È un principio pervasivo perché impone di pianificare all’interno dell’azienda la declinazione di questi concetti, stabilendo precisi compiti e responsabilità. E si prevede anche di introdurre sistemi di remunerazione del top management (Mbo), collegati a fattori non finanziari.

Sempre nel mondo assicurativo in questa direzione sono entrate in vigore quest’anno la Iorp2, d.Lgs. 147/2018, che impone ai fondi pensione tutti, quindi anche le imprese di assicurazione, di tener conto delle conseguenze derivanti dai cambiamenti climatici sul proprio portafoglio, di integrare i fattori Esg nell’attività di risk managment del fondo e di dare una valutazione dei rischi di portafoglio in un’ottica prospettica di medio lungo periodo.

Anche la direttiva sugli “Shareholder Right”, è altrettanto importante perché dal 2020 tutti i fondi pensione, imprese di assicurazione e gestori dovranno definire una propria policy da sottoporre all’Assemblea dei soci, in cui dichiarano in che modo intendono votare nelle aziende in cui investono, tenendo conto dell’impatto ambientale e sociale delle stesse aziende. E’ un effetto indiretto particolarmente rilevante perché vuol dire esercitare un’azione di engagement sulle società eligible per gli investimenti in un’ottica – si raccomanda – di medio-lungo periodo. Esma ha recentemente chiuso una consultazione sul concetto di “shortermismo” per capire se ci sia correlazione negativa tra investimenti short term e aggravamento delle conseguenze sui fattori Esg. È una correlazione spesso contestata perché siamo ancora in una fase di fortissima transizione, ma nel futuro sarà necessario giungere a best practice operative per stabilizzare gli investimenti e appoggiare le aziende che vogliono modificare i processi produttivi. La stessa Confindustria invoca un team di sustainability manager al suo interno, che supporti le piccole medie imprese a modificare i propri processi produttivi, altrimenti le aziende staranno fuori dal mercato.

Alla fine si torna sempre alla tassonomia.

Già. Sono al lavoro un gruppo di massimi esperti (biologi, fisici, ingegneri…), che stanno studiando gli impatti tecnologici e fisici di tutte le attività produttive dell’uomo sulla produzione di Co2. Pero l’impressione che se ne trae è che la tassonomia sia in fondo un discorso politico. È la politica che deve indirizzare il futuro che vogliamo, decidere di accelerare o rallentare le scelte, e dire come gestire il periodo di transizione. Il tema fondamentale è il gas e il nucleare. Il nucleare non produce Co2, ma ha conseguenze estremamente impattanti di altra natura e lo stesso vale per il gas, anche se il problema sarà in primis di costi. Serve dunque una politica strategica. Il mondo finanziario ha capito la posta in gioco quello che manca è il decisore pubblico”.

Contributor
Contributor , Costanza Fitzroy
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:SRI-Impact investing