PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Esg chiama, consulenti rispondono: italiani pronti a investire

Esg chiama, consulenti rispondono: italiani pronti a investire

Salva
Salva
Condividi
Rita Annunziata
Rita Annunziata

11 Settembre 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Solo il 29% degli investitori a livello mondiale ha preso decisioni in termini di risparmio e investimenti legate a un approccio Esg

  • Il 23% degli investitori italiani sostiene che le aziende che assumono un atteggiamento etico saranno più redditizie nel lungo termine

  • “Dobbiamo dimostrare che Esg non sacrifica la performance”, commenta Matteo Villani di Vontobel Asset Management

Gli investitori italiani sono pronti a destinare il 49% di un ipotetico portafoglio di 100.000 euro agli investimenti sostenibili, ma desiderano ricevere maggiori informazioni dai propri consulenti finanziari in merito alle opportunità Esg. E a livello globale? Lo rivela una ricerca di Vontobel Asset Management

Esg chiama, consulenti rispondono: gli investitori italiani sono pronti a destinare il 49% di un ipotetico portafoglio di 100.000 euro agli investimenti sostenibili. A disegnare il quadro è un sondaggio di Vontobel Asset Management, che ha coinvolto 4.600 soggetti appartenenti a 14 paesi per comprendere qual è il punto di vista dei clienti privati nei confronti dei prodotti “green”.

In un’epoca in cui la tematica della sostenibilità pervade il mondo dell’asset management, si aprono dunque nuove finestre di opportunità per i fornitori di prodotti e i consulenti finanziari, che devono impegnarsi a colmare il gap di conoscenza esistente per afferrare la scia del cambiamento. Il 47% degli investitori intervistati desidera infatti maggiori informazioni dai propri intermediari in merito alle opportunità Esg, ma solo il 17% dichiara di aver ricevuto proposte in merito. Una percentuale che tende a salire lievemente in Italia, sfiorando il 18%. Il Belpaese, infatti, scala la classifica dei Paesi interessati dallo studio e si posiziona in prima fila: se a livello mondiale solo il 29% degli intervistati ha preso decisioni in termini di risparmio e investimenti legate a un approccio Esg, in Italia la percentuale sale al 41%.

Fonte: Vontobel Esg survey 2019

Secondo i dati emersi dalla ricerca, gli investitori della Norvegia e del Regno Unito sono i meno propensi nei confronti degli investimenti sostenibili: il 75% e il 61% di questi ultimi, rispettivamente, non hanno mai sentito parlare dell’argomento (contro il 49% degli italiani e il 59% della media globale).

“Dobbiamo dimostrare che Esg non sacrifica la performance – commenta Matteo Villani, responsabile di Vontobel Asset Management – Infatti, investire in aziende che affrontano aspetti sostenibili è in grado di mitigare i rischi ed è più redditizio nel lungo termine”. Ad avvalorarlo sono, anche in questo caso, gli stessi investitori italiani: il 23% sostiene che le aziende che assumono un atteggiamento etico saranno più redditizie nel tempo, accanto a un 43% che afferma che abbandonerebbe i propri investimenti qualora l’azienda interessata non si comportasse in modo etico.

In definitiva, i risultati su base globale sono dunque positivi. Anche se la consapevolezza delle opportunità di investimento sostenibile risulta ancora ridotta, gli investitori rispettano già i principi sostenibili nella loro vita quotidiana: tutti gli sforzi devono dunque essere concentrati affinché i criteri Esg diventino focali anche per gli interessi degli investitori al dettaglio.

Rita Annunziata
Rita Annunziata
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: SRI-Impact investing Esg Consulenti
ALTRI ARTICOLI SU "SRI-Impact investing"
ALTRI ARTICOLI SU "Esg"
ALTRI ARTICOLI SU "Consulenti"