PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Yayoi Kusama e il suo tappeto di stelle

Yayoi Kusama e il suo tappeto di stelle

Salva
Salva
Condividi
Chiara Massimello
Chiara Massimello

29 Gennaio 2021
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Se si dice “Yayoi Kusama”, si schiudono un tappeto di stelle, un cielo di fiori. Luce e infinito, sogno e magia, proprio quello di cui abbiamo tutti bisogno in quest’anno nuovo appena iniziato

Un tappeto di stelle, un cielo di fiori. Luce e infinito, sogno e magia, proprio quello di cui abbiamo tutti bisogno in quest’anno nuovo appena iniziato.

Nelle installazioni di Yayoi Kusama si entra in silenzio, quasi in punta di piedi, a volte camminando su una piccola passerella, un guado che lascia alle spalle la realtà. D’improvviso, ci si ritrova in uno spazio sospeso, amplificato e riflesso dalle superfici specchiate, dalle piccole luci o dagli oggetti che l’artista ha scelto di inserire all’interno dell’installazione. Si perde ogni confine e la sensazione è di leggerezza e felicità.

Molti avranno visitato una delle sue Infinity Mirrored Room, come quella alLouisiana Museum di Copenhagen, “Gleaming Lights of the Souls” (2008), che bel titolo! Le pareti e il soffitto sono ricoperte di specchi, mentre il pavimento è una superficie d’acqua riflettente. Lo spettatore è sospeso nel buio, su una piattaforma sopraelevata in uno spazio di 4metri per 4, nel mezzo del nulla, un nulla fiabesco, di infinite piccole luci colorate, lampeggianti. Un prato di lucciole.

Meno poetica e quasi psichedelica, l’opera esposta alla Fondazione Louis Vuitton a Parigi nel 2019, dal titolo evocativo “Phalli’s field”. Una foresta colorata di “funghi” bianchi a pois rossi realizzati in cotone soffice che circondano lo spettatore, sparsi a grappoli ovunque, in una stanza interamente ricoperta di specchi. Si perde completamente il senso dello spazio e il posto del proprio corpo nella realtà. Si sparisce, come un piccolo punto tra milioni di punti, come un piccolo pianeta in una galassia sterminata. Ma non ci si perde nel nulla, ci si armonizza, si diventa piuttosto una parte del tutto.

Yayoi Kusama, Phalli’s Field 1965/2013, Fondation Louis Vuitton

Yayoi Kusama è un’artista eccentrica e geniale nata più di novant’anni fa a Matsumoto, in Giappone (1929). Non si può non conoscere un po’ della sua vita se si vuole comprendere la sua arte, il suo lavoro infatti rispecchia la complessità della sua personalità e del mondo in cui è cresciuta. Una famiglia rigidamente borghese e tradizionalista, in Giappone, durante la Seconda Guerra Mondiale, negli anni della bomba atomica.

Inizia a disegnare da bambina, a dieci anni. Nel disegno trova pace alle allucinazioni che la tormentano. Racconta lei stessa come i motivi floreali di una tovaglia sul tavolo potessero ricoprire improvvisamente tutta la stanza, o come una grande zucca dell’orto iniziasse inaspettatamente a parlarle, terrorizzandola. Il suo smarrimento si placa solo nel disegno. Fogli e fogli, fittamente ricoperti di punti, linee e griglie perfettamente disegnati. L’arte come cura, un aiuto a dominare un mondo interiore inquieto.

Il suo lavoro non sarebbe stato lo stesso senza la parentesi newyorkese nella seconda metà degli anni Cinquanta (dal 1958). Entra in contatto con Warhol, Rosenquist e Oldenburg e, pur essendo sempre un’outsider, donna giapponese in un mondo di artisti prevalentemente uomini, con la sua creatività ricopre un ruolo importante nel panorama artistico di quegli anni e diventa un link tra la pop art e il minimalismo. Nascono a New York le installazioni, gli happenings, e le “Infinity Nets”, dipinti monocromatici, spesso di grandi dimensioni, in cui, partendo da un angolo della tela, senza esitazioni né bozze, dipinge trame di pois e reticolati ripetuti all’infinito.

All’inizio degli anni Settanta torna in Giappone e dal 1977 vive volontariamente in un ospedale psichiatrico. Ancora oggi il suo studio è dall’altra parte della strada e tutti i giorni va a lavorare con un piccolo team di assistenti. “Se non fosse stato per l’arte, mi sarei uccisa molto tempo fa”.

yayoi kusama stelle
Yayoi Kusama, Yellow Pumpkin, Naoshima Island, Japan

La zucca, vista da bambina nel campo con il nonno, è oggi il suo elemento più riconoscibile. La dipinge la prima volta all’età di undici anni, affascinata dall’armonia della forma, buffa ma accogliente. Da allora è diventata una sorta di alter ego. L’ha rappresentata in tantissimi dipinti e sculture, a volte in grandi dimensioni e in colori spesso sgargianti. A dicembre 2020, Christie’s a Hong Kong, ha venduto una sua tela con questo soggetto, A-PUMPKIN-SPW 2014 (112×145,5 cm) per poco meno di $5milioni. Ma la “Zucca” più nota è forse quella installata sull’isola museo di Naoshima (un luogo da visitare se si viaggia in Giappone), posta su un piccolo pontile che guarda il mare. L’infinito dei suoi punti, nell’infinito del mare.

Il senso di stupore fiabesco, la fantasia a volte allucinatoria e il colore delle sue opere hanno un impatto immediato su chi le guarda. Nelle Infinity Mirror Rooms poi, lo spettatore diventa anche parte dell’opera, libero di perdersi in un mondo fuori dal mondo. Tutto questo rende il lavoro di Kusama molto riconoscibile, fotografato e pubblicato (soprattutto su Instagram). Da qui è nata molta della sua notorietà.

Victoria Miro di Londra, una delle gallerie che la rappresenta, racconta che nel 1998 (la preistoria del digitale) quasi nessuno visitò l’installazione di Kusama. L’ultima esposizione ha avuto 80.000 visitatori (un numero enorme per uno spazio privato). D’altra parte, per una sua mostra, The Broad Museum di Los Angeles ha recentemente venduto in un pomeriggio 90.000 biglietti e si stima che più di 5 milioni di persone abbiano visitato le sue installazioni negli ultimi cinque anni.

Il 29 Marzo, La Tate Modern di Londra, dopo un anno di attesa, dovrebbe (speriamo) inaugurare una delle sue più grandi installazioni: “Infinity Mirrored Room – Filled with the Brilliance of Life”, insieme a “Chandelier of Grief”, uno sconfinato universo di lampadari di cristallo rotanti. Una sua retrospettiva è anche in programma nel 2021 al Gropius Bau di Berlino e al Giardino Botanico di New York. Non ci resta che sperare di poter rivedere i musei aperti per ritrovare anche noi un po’ di infinito.

Yayoi Kusama al lavoro
Yayoi Kusama e il suo tappeto di stelle
Yayoi Kusama, “Gleaming Lights of the Souls” (2008), Louisiana Museum
Chiara Massimello
Chiara Massimello
L’arte è un elemento fondante della mia personalità, del mio lavoro, delle mie giornate. Sono storica dell’arte e dal 2013 lavoro come consulente per Christie’s. Ho curato e curo mostre e progetti editoriali e da anni seguo come advisor clienti privati con cui condivido il piacere per un bel dipinto, una bella mostra, o l’acquisto di un’opera importante per la loro collezione. Vivo tra Torino e Londra e viaggio molto per il mio lavoro.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Opere d’ArteDonne