PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Musei chiusi, ma non troppo: rubato un Van Gogh prestato

Musei chiusi, ma non troppo: rubato un Van Gogh prestato

Salva
Salva
Condividi
Teresa Scarale
Teresa Scarale

31 Marzo 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva

Il lockdown non ha giovato al “Giardino della canonica di Neunen in primavera” di Van Gogh, rubato proprio nell’anniversario della sua nascita

La quarantena nuoce a Van Gogh. Nella notte di lunedì 30/03/2020 suona l’allarme nel museo Singer Laren nei Paesi Bassi, a est di Amsterdam. Sono circa le 3.15. All’arrivo delle guardie, il Giardino della canonica di Neunen in primavera (1884) di Van Gogh è sparito.

La dinamica del furto è banale: le forze dell’ordine trovano la porta a vetri dell’ingresso sfondata, semplicemente. Le conseguenze legali del furto però non lo saranno altrettanto. Il quadro infatti, non solo era in prestito al Singer Laren da parte di un altro museo olandese, il Groninger Museum voor Stad en Lande, ma era anche l’unico Van Gogh nella collezione di quest’ultimo. C’è poi una curiosa coincidenza: il furto è avvenuto il 30 marzo, giorno in cui nel 1853 nacque il tormentato artista olandese.

Gli esperti stimano che l’opera abbia un valore di sei milioni di euro; essa si colloca nei primi anni dell’attività del pittore olandese, prima del suo exploit francese. Realizzato con la tecnica del marouflage, il dipinto risale al periodo in cui Vincent viveva con i suoi genitori nella cittadina di Nuenen. Là, suo padre era pastore protestante della chiesa che appare sullo sfondo.

Secondo quanto riporta Associated Press, Jan Rudolph de Lorm, direttore del museo, afferma che la perdita è “terribile per tutti perché l’arte esiste per essere vista e condivisa, per trarne gioia, ispirazione e conforto. Specialmente in questi tempi difficili”. Il museo di Groninga si dice solo “shockato per l’accaduto”, non aggiungendo altri commenti.

La cittadina di Laren è una delle più ricche dell’Olanda. Il museo Singer Laren nasce nel 1954 per accogliere i 3000 pezzi della collezione privata del pittore William Singer e di sua moglie Anna. È quest’ultima, vedova, a volerlo. Il museo è chiuso dal 14 marzo u.s. per la quarantena del coronavirus, e lo resterà fino al 1° giugno.

Vincent Van Gogh, Giardino della canonica di Neunen, 1884
Teresa Scarale
Teresa Scarale
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Opere d’Arte Europa coronavirus
ALTRI ARTICOLI SU "Opere d’Arte"
ALTRI ARTICOLI SU "Europa"
ALTRI ARTICOLI SU "coronavirus"