PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Christie’s ONE, l’asta d’arte globale entra nella storia

Christie’s ONE, l’asta d’arte globale entra nella storia

Salva
Salva
Condividi
Alessandro Montinari
Alessandro Montinari

11 Luglio 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva

La vendita globale di arte cross-category e transfrontaliera in un’unica visione finale, un evento senza precedenti in questo momento straordinario e che lo rimarrà per molto tempo a venire. ONE di Christie’s, l’asta che si è tenuta il 10 luglio contemporaneamente a Hong Kong, Parigi, Londra e New York

Aggiudicazioni per 373 milioni di euro, 7 record di artisti, più di 80 mila persone collegate, quattro hub internazionali dell’arte coinvolti contemporaneamente. Chi frequenta il mondo dell’arte e delle grandi aste è abituato alle clamorose aggiudicazioni, ai colpi di scena inattesi e alle straordinarie opere d’arte che affascinano appassionati e investitori di tutto il mondo.

Ebbene nella giornata del 10 luglio Christie’s è andata oltre e con “ONE”, ha realizzato un evento senza precedenti che ha registrato un clamoroso successo internazionale. Si è trattato della prima asta d’arte globale del XX secolo che si è tenuta contemporaneamente in un unico formato nei principali hub del mondo dell’arte: Hong Kong, Parigi, Londra e New York. Guidata dai principali banditori della casa in ognuna delle sale, questa esperienza di vendita ha catturato l’emozione e il dramma della vendita serale di gala sia per il pubblico presente in sala sia online in tutto il mondo.

Con le opere di Picasso, Lichtenstein e sao Wou-Ki, la vendita globale ha riunito l’arte cross-category e transfrontaliera in un’unica visione finale, segnando un evento senza precedenti in questo momento straordinario e che lo rimarrà per molto tempo a venire.

Roy Liechtenstein, 46.242.500 di dollari

Tra le aggiudicazioni più importanti iniziamo con New York in cui “Nude with Joyous Painting” di Roy Lichtenstein è stata battuta all’incredibile cifra di Euro 40.840.800 (stima iniziale solo su richiesta), top price dell’intera asta, mentre “Les femmes d’Alger” di Pablo Picasso ha segnato un hammer price di Euro 25.804.500 (anche in questo caso stima solo su richiesta). Ci spostiamo in Europa, dove a Parigi è stata aggiudicata un’opera del nostro Amedeo Modigliani, “Ritratto di Maurice Drovard”, per Euro 4.485.500 (stima iniziale Euro 3.500.000 – Euro 5.500.000) e un’opera di Jean Dubuffet, “Pourleche fistan”, per Euro 6.528.500 (stima iniziale Euro 3.000.000 – Euro 5.000.000).

Wayne Thiebaud, 20.137.500 di dollari

A Londra è Renè Magritte con “L’Arc de Triomphe” a registrare la straordinaria cifra di Euro 19.846.900 (stima iniziale Euro 7.247.980 – Euro 10.593.200) accompagnato da David Hockney con la sua opera “Jade Plant” aggiudicata a Euro 4.659.610 (stima iniziale Euro 1.672.610 – Euro 2.787.680). Infine Hong Kong dove troviamo Gerhard Richter con “Frost” aggiudicato a Euro 9.031.460 (stima iniziale Euro 5.469.810 – Euro 7.748.900) in compagnia di Yayoi Kusama che con l’opera “Pampkin” ha registrato un realizzo di Euro 1.655.190 (stima iniziale euro 968.912 – Euro 1.367.540).

René Magritte, 17.798.750 di dollari

Tra gli artisti italiani aggiudicati in asta, oltre a Modigliani, sono stati battuti Alberto Burri con “Rosso Plastica” a Euro 3.759.190 nell’asta di Londra, Lucio Fontana con “Concetto spaziale” a Euro 7.761000 e Maurizio Cattelan con “”Daddy Daddy” a Euro 1.094.270 entrambi nell’asta di New York.

Si è trattato di un evento straordinario che affascina, stupisce e insegna. Proprio come ciò che è chiamato a rappresentare: l’arte ai suoi massimi livelli.

Brice Marden, 30.920.000 di dollari
Questo concetto di asta in formato ibrido è un modo per adattarsi e innovare. Volevamo mettere in scena qualcosa che adeguato alla situazione attuale, che servisse i nostri clienti ovunque si trovassero e in qualsiasi modo volessero partecipare
BY Guillaume Cerutti, amministratore delegato di Christie's
Gerhard Richter, 79.255.000 di dollari HK
Pablo Picasso, 29.217.500 dollari
Takeo Yamaguchi, 15.125.000 di dollari HK
Jean Dubuffet, 6.528.500 di dollari
Manolo Millares, 1.091.250 di sterline
Amedeo Modigliani, 4.485.500 di euro
Ruth Asawa, 5.382.500 di dollari
Alessandro Montinari
Alessandro Montinari
Specializzato in diritto tributario presso la Business School de Il Sole 24 ore e poi in diritto e fiscalità dell’arte, dal 2004 è iscritto all’Albo degli Avvocati di Milano ed è abilitato alla difesa in Corte di Cassazione. La sua attività si incentra prevalentemente sulla consulenza giuridica e fiscale applicata all’impiego del capitale, agli investimenti e al business. Collabora da più di un decennio con uno studio boutique del centro di Milano.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Opere d’ArteAsteChristie’sEventi
Se non vuoi mancare aggiornamenti importanti per te, registrati e segui gli argomenti che ti interessano.
ALTRI ARTICOLI SU "Opere d’Arte"
ALTRI ARTICOLI SU "Aste"
ALTRI ARTICOLI SU "Christie’s"