PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Chagall e Bella, una passeggiata d'amore

Chagall e Bella, una passeggiata d'amore

Salva
Salva
Condividi
Chiara Massimello
Chiara Massimello

11 Febbraio 2021
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Quale, dei tanti sublimi, è il quadro che meglio dipinge l’amore di Marc Chagall per la sua Bella? Probabilmente La Passeggiata. Dipinta nel 1918 e conservata nel Museo di Stato Russo di San Pietroburgo, l’opera rappresenta il pittore con l’adorata moglie e musa Bella Rosenfeld…

In un mare di cuori, rose rosse e cioccolatini, anche quest’anno, nonostante tutto, arriva San Valentino. Per chi ha passato l’età del primo bacio, o perso un po’ di romanticismo lungo la strada, questo giorno ha un fondo di malinconia, ma nonostante tutto non passa mai inosservato. Sotto sotto, speriamo sempre in un gesto d’amore, una sorpresa, come Charlie Brown sogna che la ragazzina dai capelli rossi gli mandi un biglietto sigillato da un grande cuore rosso.

Di tutte le opere d’arte che raccontano l’amore, una è per me la sua rappresentazione ideale: “La Passeggiata” di Marc Chagall. E sfido chiunque a dire che già il titolo non sia perfetto. Una passeggiata insieme lungo il corso della vita.

Dipinta nel 1918 e conservata nel Museo di Stato Russo di San Pietroburgo, l’opera rappresenta il pittore con la moglie Bella Rosenfeld.

Marc, in primo piano, sorridente e vestito nel suo abito migliore, guarda felice lo spettatore. La sua mano sinistra, la mano del cuore, è intrecciata a quella di sua moglie che, incantevole nel suo morbido abito lilla, posa lo sguardo su di lui. Per entrambi non è per nulla insolito che lei stia volando nel cielo, non c’è nulla da temere perché sono saldamente uniti e lui si prenderà cura di lei qualsiasi cosa accada. Anzi, è proprio il volare leggero di Bella che lo solleva un po’ da terra, facendogli perdere ogni pesantezza. Tutto è armonia con ciò che li circonda e, forse proprio a conferma di ciò, Marc tiene nella mano destra un uccellino, simbolo della pace nella natura.

chagall bella amore La Passeggiata
Marc Chagall, La Passeggiata 1917-1918, Museo di Stato Russo, San Pietroburgo

Lo sfondo è verde. Sono verdi i prati e tutte le case di Vitebsk, la loro città natale in cui ancora vivevano in quegli anni. Solo la Sinagoga, simbolo della spiritualità e del divino è dipinta di rosa, mentre il cielo è l’unico elemento incolore del dipinto. Nell’angolo di sinistra, un’allegra tovaglia a fiori distesa sul prato. Sopra, una caraffa ed un bicchiere di vino rosso, l’allegria dei giorni di festa. La felicità perfetta.

Chagall Bella amore
Chagall e Bella Rosenfeld, una storia d'amore

Marc e Bella si erano conosciuti nel 1909 a Vitebsk. Lui, poco più che ventenne, di umili origini, stava per partire per Parigi “alla ricerca del colore”. Lei, era una giovane e brillante studentessa di famiglia benestante (allora quattordicenne), poi laureata in letteratura a Mosca. Entrambi hanno descritto il loro primo incontro. Nella sua autobiografia, Chagall scrive… Il suo silenzio è il mio. I suoi occhi, i miei. È come se mi conoscesse da sempre, come se sapesse tutto della mia infanzia, del mio presente, del mio avvenire,mentre Bella, nel 1939, gli anni dell’odio antisemita, racconta la sua vita per non dimenticarla e descrive così quel momentoNessuno di noi dice una parola. Ognuno di noi sente battere il cuore dell’altro.  Una voce nuova mi risuona dentro, simile all’eco di un pozzo profondo…comincio a vivere tutta un’altra vita.

Dopo quell’incontro, Chagall parte per Parigi. Dipinge instancabilmente, visita gallerie e musei, frequenta artisti e poeti d’avanguardia. Torna a Vitebsk per sposarla nel 1915. Seguono trent’anni d’amore in cui ritrae la moglie infinite volte, come fosse sempre quel primo giorno.

Bella e Marc vivono la loro storia d’amore, al riparo da quello che accade intorno a loro. La Grande Guerra, la Rivoluzione russa, l’ascesa al potere di Hitler, l’olocausto. Lontano dal fermento storico del tempo, dalla paura e dalle ingiustizie, Chagall dipinge un mondo onirico in cui i violinisti suonano sui tetti, le capre sono blu, profeti viandanti volano sulla città e l’amore è eterno. E anche quando il sogno si interrompe tragicamente, e nel 1944 a causa di un’infezione virale Bella muore, lei continua a vivere nelle sue opere, come spirito, angelo e musa.

Sono passati più di 100 anni da quella “passeggiata”, ma non so trovare in nessuno degli artisti contemporanei che conosco un’idea più vicina alla perfezione di quell’attimo di eterno in cui tutto sembra possibile e vero. Forse l’arte contemporanea trascura l’amore. Forse tutto passa così veloce che è difficile credere che qualcosa possa durare “per sempre”.

Marc Chagall, Compleanno, 1915, Museum of Modern Art New York
Marc Chagall, Compleanno, 1915, Museum of Modern Art New York
Marc Chagall, Bouquet aux amoureux volants, 1947, Tate, London
M. Chagall, Bouquet aux amoureux volants, 1947, Tate, London
Chiara Massimello
Chiara Massimello
L’arte è un elemento fondante della mia personalità, del mio lavoro, delle mie giornate. Sono storica dell’arte e dal 2013 lavoro come consulente per Christie’s. Ho curato e curo mostre e progetti editoriali e da anni seguo come advisor clienti privati con cui condivido il piacere per un bel dipinto, una bella mostra, o l’acquisto di un’opera importante per la loro collezione. Vivo tra Torino e Londra e viaggio molto per il mio lavoro.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Opere d’ArteConsulentiEventiDonne
Se non vuoi mancare aggiornamenti importanti per te, registrati e segui gli argomenti che ti interessano.