PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

D’Annunzio, il Soffio di Satana torna al Vittoriale

D’Annunzio, il Soffio di Satana torna al Vittoriale

Salva
Salva
Condividi
Teresa Scarale
Teresa Scarale

29 Novembre 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Un’azione della magistratura ha riconosciuto Soffio di Satana di D’Annunzio come un bene inalienabile del Vittoriale, disponendone il sequestro e il ritorno a casa

Il museo L’automobile è femmina, allestito all’ingresso del Vittoriale degli Italiani, ha assistito il 26 novembre 2019 a un grande ritorno. L’Alfa Romeo “Soffio di Satana” è rientrata infatti ufficialmente nella scuderia di Gardone Riviera, per esservi ammirata assieme alle sue sorelle, la Fiat T4 e l’Isotta Fraschini.

D’Annunzio e il Soffio di Satana, il primo incontro

È il 28 aprile 1932 e Tazio Nuvolari e Gabriele d’Annunzio conversano nella piazzetta del Vittoriale, seduti sul predellino di un’Alfa Berlina 6C 1750, presentata al poeta per la prima volta in quell’occasione.

Inizia proprio da questo incontro la grande passione di d’Annunzio per l’Alfa Romeo. Alla 6C 1750 quarta serie seguiranno, in poco più di due anni, una 6C 1750 GT quinta serie e una 6 cilindri 2300 T carrozzeria berlina Touring 4 posti. Targa BS 10764, si tratta del “Soffio di Satana”. Soprannome questo dovuto alla sua linea leggerissima.

È su questa auto, guidata dall’autista del Vittoriale, che d’Annunzio farà viaggiare da e per Milano la contessa Evelina Scapinelli Morasso, sua ultima amante, soprannominata Manah, Maya e Titti.

Le traversie

Dopo la morte del poeta, nell’estate del 1938, Soffio di Satana viene venduta alla Società Autotrasporti Industriali di Busto Arsizio dall’allora Commissario Straordinario della Fondazione Il Vittoriale degli Italiani, per appianare parte dei debiti accumulatisi durante il periodo di guerra. Dopo molti anni e un ulteriore passaggio di proprietà, nel settembre 2017 Soffio di Satana riappare in uno dei lotti di punta dell’asta di “Auto classiche” organizzata da Pandolfini di Firenze, con una base d’asta di mezzo milione di euro. Un’azione della magistratura ha riconosciuto Soffio di Satana come un bene inalienabile del Vittoriale, ne ha disposto il sequestro e il ritorno a casa.

Giordano Bruno Guerri, Presidente della Fondazione Il Vittoriale degli Italiani, ha commentato quanto segue. “Abbiamo aggiunto un altro – prezioso – tassello alla ‘Riconquista’ di tutto il Vittoriale e dei suoi beni. E l’operazione portata a compimento oggi è tanto più importante perché la mostra L’automobile è femmina è accessibile a tutti, gratuitamente.”

Teresa Scarale
Teresa Scarale
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Auto d’EpocaItalia