PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

È tempo di slow art. Per riappropriarci dei nostri tesori

È tempo di slow art. Per riappropriarci dei nostri tesori

Salva
Salva
Condividi
Andrea Concas
Andrea Concas

22 Maggio 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

È arrivato il momento della slow art, il giusto tempo per vivere l’arte. Senza i turisti, numeri alla mano, l’Italia della cultura dovrà fare i conti con musei vuoti. Però, c’è un aspetto positivo: gli italiani hanno la rara opportunità di riappropriarsi e godere dei propri “tesori” culturali

Ventisette secondi: questa, risulta da alcuni studi, la permanenza media davanti a un’opera d’arte esposta in un museo, una regola che vale per lo Sposalizio della Vergine di Raffaello come per Les Demoiselles d’Avignon di Picasso.

L’eccezione è solo per l’iconica Gioconda, davanti alla quale il pubblico sosta per ben novanta minuti, ottantanove dei quali in fila per poterla raggiungere, meno di uno per ammirarla, prima che il solerte custode del Louvre, dopo il tempo di uno scatto fotografico, inviti il visitatore a proseguire solerte verso altre sale e opere.

Terminato, almeno in parte, in Italia il lockdown, ora si pensa a ritrovare la fisicità perduta con la riapertura anche di musei, gallerie, sedi culturali per riconquistare l’arte e la storia. Peccato che al momento, come documentano la stampa e i social, l’attenzione delle persone sia rivolta più ai centri commerciali e fast food che non ai musei.

In attesa delle risposte sulle ripartenze per i diversi settori, e non sapendo realmente come andrà, un’analisi della fruizione museale-espositiva pre-Coronavirus potrebbe essere utile per organizzare l’offerta nel post-pandemia.

55 milioni di visitatori

I dati Istat pubblicati a dicembre 2019 relativi alle visite nei musei del 2018, registrano che solo le 5.000 strutture museali statali del Mibact, inclusi parchi archeologici e monumenti, hanno avuto oltre 55 milioni di visitatori, incassando dalla biglietteria poco meno di 230 milioni di euro.

Sono numeri consistenti che hanno contribuito a configurare l’offerta turistica “Italia” in risposta alla domanda esterna e interna, peraltro in costante crescita, che ha registrato anche 128,1 milioni di arrivi.

Ipotizzando un rapido calcolo, fermo il blocco attuale dei trasporti aerei, le limitazioni agli spostamenti regionali ed internazionali, insieme alla chiusura delle scuole, si potrebbe prevedere che i visitatori museali, in Italia, scenderebbero a meno di sei milioni annuali, 500.000 ingressi mensili e poche decine al giorno.

Evitando i facili claim motivazionali, è chiaro che la ripresa del settore della cultura avrà bisogno di ben altri numeri e nuove dinamiche per poter parlare di una vera ripartenza.

Tuttavia è bene pensare positivo, considerando il fatto che si parla prevalentemente di strutture pubbliche, le cui economie e i bilanci gravano sullo Stato, il quale ha previsto ingenti finanziamenti, come il “Pacchetto Cultura” del Decreto Rilancio con 5 miliardi di euro, a supporto e potenziamento, tra digitalizzazione e fisico, per i musei statali e privati con l’obiettivo di superare questo delicato momento.

Il lusso raro della slow art

Nel frattempo, in attesa della riapertura dei confini regionali e internazionali, riconquistiamo le piazze, le strade, i monumenti e i musei vuoti, aperti per una nuova, vivibile e inedita fruizione per tutti, bambini e anziani compresi.

Finalmente potremo superare la soglia dei 27 secondi fatidici, senza che altri visitatori o il personale addetto premano per spostarci nella prossima vetrina o sala!

È arrivato il momento della slow art, prendiamoci tutto il tempo necessario, proviamo finalmente a conoscere meglio l’arte, l’archeologia e la cultura, senza fretta, ammirando e riflettendo, interpretando i millenni di storia.

Le limitazioni precauzionali diventano quindi una grande opportunità per poter ritrovare inedite passioni e spazi, ma anche per cambiare quella che sarà la fruizione della cultura e delle visite museali, ingegnandosi nel trasformare un qualcosa di limitate e negativo, forse in un’occasione irripetibile da cogliere.

Questo vale anche per le gallerie d’arte private dove i numeri di visitatori, superati i vernissage ed i finissage, sono sempre stati contenuti a poco più di quattro, cinque visitatori nelle giornate più affollate, eppure anche per loro è giusto porsi delle domande su come cambierà l’esperienza di visita.

Per questo e con grande compiacimento, nelle nostre gallerie sono comparse, al centro della sala, due bellissime poltrone, un tavolino ed un buon bicchiere di vino, con i cataloghi delle mostre e degli artisti riservati ai nostri visitatori, perché per me, e per noi, l’Arte va vissuta con il giusto tempo, ora è quello della slow art.

Andrea Concas
Andrea Concas
"Fondatore e CEO della startup dell’arte Art Backers e di Art Rights, piattaforma per la gestione e certificazione delle opere d’arte e di ArtCollateral, primo escrow agent per l’Art Lending. Autore di libri, docente e speaker, ogni giorno parla e scrive di Arte & Innovazione come divulgatore e tramite ProfessioneARTE, la prima community online per i professionisti del mondo dell’arte".
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Altri beni di lussoMillennials