PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Immobili di lusso in sicurezza, il cotone non è cachemire

Immobili di lusso in sicurezza, il cotone non è cachemire

Salva
Salva
Condividi
Simone Strummiello
Simone Strummiello

09 Ottobre 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Esistono polizze non particolarmente costose capaci di mettere del tutto in sicurezza gli immobili di lusso? Una storia che racconta di un meraviglioso parquet intarsiato e dei danni da rottura delle tubature racconta che sì, ci sono

Qualche anno fa un imprenditore di Cuneo mi coinvolse nella ricerca di una nuova polizza per le sue abitazioni, scontento di quanto successo con il suo precedente broker e assicuratore in occasione del verificarsi di un sinistro. Alcuni mesi prima una gelata di particolare intensità ruppe le tubature dell’acqua che si infiltrò nel pavimento del salone. Il bagnamento aveva ormai irrimediabilmente compromesso alcuni metri quadri di un meraviglioso parquet intarsiato: il costo stimato per riprenderlo era di circa un migliaio di euro per ognuno dei cinque metri quadri danneggiati.

Purtroppo però la polizza scelta dal cliente era quel che si dice in gergo un prodotto “da scaffale”, una polizza standard per immobili certamente non di pregio. L’efficacia risarcitoria di quel contratto era limitata alle finiture standard, nel caso specifico era calibrata secondo dei normali criteri previsti per i costi di ricostruzione: nel particolare, il ripristino di 5 mq di un dozzinale gress porcellanato e non di un parquet intarsiato. Il risultato fu un risarcimento totale di 100 euro, ovvero di circa venti euro a metro quadro danneggiato.

Chiunque potrà immaginare l’espressione del cliente quando ebbe evidenza del magro risarcimento ottenuto. Io ho avuto modo di ascoltare le sue accese rimostranze in dialetto cuneese che non capii molto, ma l’ira mista a sconcerto arrivò a me in modo molto chiaro e netto.

Oggi finalmente le statistiche rivelano che gli italiani stanno dimostrando una forte sensibilità rispetto ai rischi naturali, che potrebbero colpire uno dei nostri beni più preziosi: la casa. La percentuale di abitazioni assicurate è infatti in linea con quella del resto d’Europa.

Alcune particolarità della nostra penisola, come l’elevata sismicità, avrebbero dovuto indurci prima degli altri Paesi a questa pratica assicurativa, ma l’importante è che ne abbiamo preso consapevolezza anche noi.

La domanda fondamentale da porsi però riguarda gli aspetti qualitativi della copertura scelta per proteggere la nostra casa: la mia polizza sarà in grado di risarcirmi al meglio?

Per rispondere a questa domanda, dobbiamo prima capire se la polizza scelta sia o meno in grado di distinguere tra una casa qualsiasi da una casa di pregio. Potrebbe sembrare un aspetto futile e superficiale, invece è una delle principali insidie capaci di svelarsi con drammaticità al momento del sinistro, finanche impedendolo o limitandolo in modo drastico.

In Italia sono piuttosto diffuse le polizze ‘fabbricato’ o ‘multi rischi abitazione’, sicuramente valide ed efficaci per abitazioni comuni, che non sono state oggetto di importanti e onerose ristrutturazioni, senza particolari finiture di pregio e prive di tratti distintivi quali un bel pavimento in marmo/legno o di elementi artistici e architettonici.

Qualora però il vostro immobile presenti una o più di queste pregevoli caratteristiche dovrete fare molta attenzione.

Dalla storia raccontata, ahimè simile a molte altre, comprendiamo che l’errore sia stato a monte, proprio all’atto della scelta della polizza. Del resto anche una t-shirt in cotone può vestirci, ma se lo scopo è anche quello di tenerci al caldo e protetti, quindi evitare malanni, tendiamo a sceglierne una in lana o cachemire.

Quindi qualora la vostra abitazione presenti caratteristiche di pregio è bene verificare sempre prima che la polizza sia in grado di riconoscere e risarcire oltre al mero valore di ricostruzione anche il cosiddetto differenziale di pregio.

Ma le insidie non finiscono qui. Date un’occhiata alle limitazioni previste dal vostro contratto per i rischi di terremoto, fenomeni atmosferici e catastrofali. In particolare verificate le franchigie, scoperti e limiti. Se presenti, sappiate che ormai il mercato assicurativo è in grado di offrire queste coperture al 100%, quindi chiedete al vostro broker o assicuratore di adeguarle quanto prima. Fatelo però senza timori, perché nel mondo assicurativo, diversamente da quello dell’abbigliamento, il cachemire costa poco più del cotone.

Simone Strummiello
Simone Strummiello
Simone Strummiello, responsabile per l’Italia della Specialty Fine Arts, Jewellery & Private Clients di Aon, è membro degli Executive Committee di Fine Art e Private Client per l’area Emea. Entra a far parte di Aon S.p.A. Insurance and Reinsurance Brokers nel 2011, dopo un'esperienza manageriale di oltre 10 anni in diversi ambiti, tra i quali l’immobiliare di lusso e i beni culturali. È inoltre co-autore di importanti pubblicazioni di settore e relatore a prestigiose conferenze. A questo accompagna l’attività di docenza, sia presso università, che le più autorevoli Business School internazionali, come Bocconi, Cattolica, Luiss e Il Sole 24 Ore, in corsi e seminari per dirigenti. Nato a Milano, dove mantiene la sua base lavorativa, vive da molti anni a Roma. Dedica gran parte del suo tempo alla famiglia e alle altre sue passioni: il canottaggio, la barca a vela e la montagna.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
Se non vuoi mancare aggiornamenti importanti per te, registrati e segui gli argomenti che ti interessano.