PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Hong Kong è la città più costosa

Hong Kong è la città più costosa

Salva
Salva
Condividi
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello

15 Settembre 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • L’Ue ha città come Parigi (50), Milano (47) e Francoforte (76) in calo nella classifica di quest’anno

  • Il Vecchio continente mantiene stabili tre città, fra le più costose al mondo: al 4°c’è Zurigo, seguita da Berna (8), e al 9° Ginevra

Il rapporto: “cost of living survey”, pubblicato dalla società di consulenza statunitense Mercer , analizzando fattori come gli alloggi, i trasporti, il cibo, l’abbigliamento, gli articoli per la casa e l’intrattenimento, è riuscita a stilare una classifica a livello mondiale delle città più costose al mondo

Hong Kong, Tokyo e Zurigo queste le città più costose al mondo.  Il rapporto: “cost of living survey”, pubblicato dalla società di consulenza statunitense Mercer , analizzando fattori come il costo degli alloggi, i trasporti, il cibo, l’abbigliamento, gli articoli per la casa e l’intrattenimento, è riuscita a stilare una classifica a livello mondiale delle città più costose.

“La pandemia Covid-19 ci ricorda che inviare e mantenere i dipendenti su incarichi internazionali è un’enorme responsabilità e un compito difficile da gestire”, ha affermato Ilya Bonic, Career President e Head of Mercer Strategy. “Piuttosto che scommettere su una drammatica ripresa della mobilità, le organizzazioni dovrebbero prepararsi per la ridistribuzione della loro forza lavoro mobile, guidando con empatia e consapevolezza che non tutti gli espatriati saranno pronti o disposti ad andare all’estero”.

Nel medio termine, la priorità sarà riallineare la forza lavoro mobile con nuovi modelli economici incentrati su filiere accorciate, mosse più regionali e una rinnovata necessità di formare i talenti. Oltre a queste preoccupazioni, le informazioni rilevanti sul costo e l’ubicazione degli incarichi in tutto il mondo saranno un fattore critico dopo la crisi.

Le 10 città più costose

Secondo l’indagine, Hong Kong è la prima della classe, seguita da Ashgabat in Turkmenistan. Tokio e Zurigo rimangono stabili al terzo e quarto posto mentre Singapore perde due posizioni scendendo in 5° posizione. New York City in 6° posizione, ri-guadagna tre posizioni rispetto all’anno scorso che si posizionava in 9°. Alla 7° troviamo Shanghai seguito da Berna, Ginevra e Pechino. Dall’altra lato della medaglia troviamo invece le città meno costose: Tunisi (209), Windhoek (208), Tashkent e Bishkek, che si collocano al 206 ° posto.

“La chiusura delle frontiere, le interruzioni dei voli, i confini obbligatori e altre interruzioni a breve termine hanno influenzato non solo il costo di beni e servizi, ma anche la qualità della vita degli assegnatari”, ha affermato Bonic. “Il cambiamento climatico, le questioni legate all’impronta ambientale e le sfide del sistema sanitario hanno spinto le multinazionali a considerare come gli sforzi di una città sulla sostenibilità possano avere un impatto sulle condizioni di vita dei loro lavoratori espatriati. Le città con una forte attenzione alla sostenibilità possono migliorare notevolmente gli standard di vita, il che a sua volta può migliorare il benessere e l’impegno dei dipendenti “. Controllare adeguatamente le posizioni e compensare i dipendenti con incarichi internazionali è tanto importante quanto può essere costoso. L’indagine di Mercer mostra che i costi di beni e servizi cambiano con l’inflazione e la volatilità della valuta, rendendo i costi di assegnazione all’estero a volte maggiori e talvolta minori. “I cambiamenti improvvisi dei tassi di cambio sono stati causati principalmente dall’impatto che Covid-19 sta avendo sull’economia globale”, ha affermato Yvonne Traber, Global mobility product solutions leader di mercer. “Questa volatilità può influenzare i dipendenti mobili in vari modi, da carenze e aggiustamenti dei prezzi di beni e servizi, a interruzioni della catena di approvvigionamento”.

Europa

Spostando il focus sul Vecchio Continente si possono trovare tre città tra le più costose al mondo. Al 4°c’è Zurigo, il primato per la città europea più costosa, seguita da Berna (8), con quattro posizioni in più rispetto allo scorso anno. Al 9° Ginevra, salita di quattro posizioni rispetto allo scorso anno. Con la contrazione delle economie di Francia e Italia alla fine del 2019, la crescita dell’Eurozona si è avvicinata allo zero. Tuttavia, non ci sono segni di crisi quando si parla di inflazione in nessuno dei principali paesi dell’Ue. La regione ha visto città come Parigi (50), Milano (47) e Francoforte (76) in calo nella classifica di quest’anno.

La decisione del Regno Unito di lasciare l’Unione europea non ha però avuto ripercussioni sulla sua valuta locale che rimane forteNel Regno Unito, Londra (19) si è classificata al primo posto, seguita da Birmingham (129), Aberdeen (134), Glasgow (141) e Belfast (149). Anche Londra, Birmingham e Belfast hanno guadagnato rispettivamente quattro, sei e nove posizioni quest’anno.

“La posizione delle città del Regno Unito è rimasta relativamente stabile su base annua poiché la sterlina ha tenuto testa al dollaro Usa”, dichiara Kate Fitzpatrick, Global mobility practice leader di Mercer per il Regno Unito e l’Irlanda.

Commentando l’impatto del Covid-19 sulle aziende e sui loro lavoratori espatriati, Fitzpatrick ha dichiarato come “la maggior parte degli espatriati ha scelto di rimanere nella loro posizione ospitante durante il periodo di blocco della pandemia. Alcuni sono tornati temporaneamente nel loro paese d’origine o hanno viaggiato altrove, ma dove è stato possibile hanno continuato a lavorare a distanza. Pertanto, mentre il dispiegamento degli assegnatari è stato temporaneamente sospeso, le aziende hanno spostato la loro attenzione sul garantire che i dipendenti all’estero siano al sicuro e protetti”.

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: