PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Venture capital, finalmente l'Italia fa sistema

Venture capital, finalmente l'Italia fa sistema

Salva
Salva
Condividi
Teresa Scarale
Teresa Scarale

13 Febbraio 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Le masse rappresentate dai soci fondatori di Vc Hub Italia sono più di un miliardo di euro

  • “L’hub intende costruire una cultura italiana del venture capital, che finora in Italia è stato limitato nel proprio sviluppo anche perché ancora non sufficientemente noto”

Il deficit congenito del venture capital in Italia è quello di non sapere fare sistema. Ma adesso i più importanti fondi di Vc del Paese hanno fatto un concreto passo in avanti

L’Italia che cresce ha imparato a fare sistema? La risposta di Vc Hub Italia è si. Che cosa è Vc Hub Italia? Si tratta di una nuova associazione di gestori italiani di fondi di venture capital. Il suo scopo è quello di fare sistema per il finanziamento delle startup innovative.

Ecco i fondi fondatori

360 Capital, Indaco Venture Partners, P101, Panakès Partners, PrimoMiglio, United Ventures, include anche LVenture, Sofinnova Partners, Milano Investment Partners, Oltre Ventures, Endeavor Italia, Embed Capital, Aurora-TT, Genextra, Gaia Capital, Bheroes, A11 Venture, Lumen Ventures, RedSeed Venture, Biovalley Investment Partners. Fra i fondatori, anche alcuni dei più importanti fondi di corporate venture attivi in Italia. Gli asset under management dei fondi riuniti nell’associazione superano il miliardo di euro. E ad oggi sono oltre 250 le società innovative italiane nel portfolio dei soci.

Ecco come l’Italia del venture capital fa sistema

L’obiettivo dell’associazione è diffondere la conoscenza del capitale di rischio. In concreto si tratterà di realizzare azioni di sensibilizzazione e di supporto istituzionale all’ecosistema italiano dell’innovazione. “L’hub intende costruire una cultura italiana del venture capital, che finora in Italia è stato limitato nel proprio sviluppo anche perché ancora non sufficientemente noto”. Sono parole del presidente Fausto Boni.

Lo startup act (2012) è condizione necessaria ma non sufficiente

L’ecosistema italiano delle imprese innovative è stato profondamente influenzato delle misure introdotte dallo startup act (2012). Ma politiche iniziali di supporto alle startup non sono sufficienti perché le imprese abbiano successo. Occorre che i primi risultati ottenuti siano corroborati da azioni complementari, utili per realizzare appieno il potenziale delle imprese innovative italiane.

Vc Hub Italia intende presentare ai principali portatori di interesse proposte finalizzate a rendere possibile anche in Italia una dotazione di capitali paragonabile a quella che hanno le startup degli altri paesi Ue. per poter competere e scalare, poi, ad un livello internazionale.

Teresa Scarale
Teresa Scarale
Condividi l'articolo
Se non vuoi mancare aggiornamenti importanti per te, registrati e segui gli argomenti che ti interessano.
ALTRI ARTICOLI SU "Venture & Private Equity"
ALTRI ARTICOLI SU "Imprese"
ALTRI ARTICOLI SU "Italia"