PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

La gestione patrimoniale non ha più segreti con Zwei

La gestione patrimoniale non ha più segreti con Zwei

Salva
Salva
Condividi
Salva
  • Dopo Zurigo, Ginevra e Tel Aviv Zwei arriva a Milano

  • Zwei basa la sua attività su una banca dati proprietaria, alimentata da informazioni fornite da varie banche e asset manager

Zwei mette a confronto l’offerta dei servizi di gestione patrimoniale nel private banking per aiutare i detentori di patrimoni a scegliere i migliori gestori

Poca trasparenza e asimmetria informativa. Questo il binomio che caratterizza il mercato della gestione patrimoniale. Zwei Wealth Experts, società di consulenza svizzera arrivata ad inizio anno in Italia, prova a sbrogliare la matassa offrendo servizi di gestione patrimoniale nel private banking. Gli obiettivi di Zwei sono due. Aiutare gli investitori a scegliere la soluzione migliore in base alle loro esigenze e contribuire alla trasparenza del mercato. Zwei è l’unica nel suo genere in Europa. Riesce infatti a far comunicare banche e clienti, in modo indipendente.

Le proposte fatte si basano dunque su dati, forniti dalle banche, elaborati in modo oggettivo attraverso un algoritmo. Gli istituiti di credito partecipano volentieri alla piattaforma creata da Zwei dato che non gli vengono richiesti costi di gestione, hanno feedback sul mercato dei loro concorrenti e nuovi clienti quanto risultano essere i migliori.

logo zwei

A gennaio Zwei è dunque arrivata in Italia, il decimo paese a livello mondiale per la ricchezza privata. E il terzo in Europa, dopo la Germania e il Regno Unito. Il mercato italiano, oltre che essere uno sbocco naturale per Zwei, nata a Zurigo, rappresenta dunque anche un paese interessante per la gestione patrimoniale.

La sede italiana è gestita da Peter Conrad, ex Credit Suisse e Ubs, affiancato da Mauro Costa, manager con 35 anni di esperienza nella gestione patrimoniale e nel private banking.

Ad oggi le banche che hanno aderito alla piattaforma di Zwei – spiega Conrad– sono 25. Numero che non regge il confronto con Zurigo, dove Zwei conta 300 banche e asset manager. In Italia non si potrà mai arrivare ad una tale quantità di istituti di credito, per la natura stessa del mercato. Basti infatti pensare che la Svizzera e Singapore, da sole, racchiudono l’80% del Wealth management mondiale.

Come opera Zwei?

Zwei basa la sua attività su una banca dati proprietaria, alimentata da informazioni fornite da varie banche e asset manager. Questi dati possono essere le performance reali e certificate delle linee di gestione patrimoniale, le spese di commissione oppure la composizione e la rischiosità dei portafogli.

Zwei è dunque riuscita a dar vita ad un’arena competitiva dove le banche si sfidano proponendo la loro migliore offerta, in base alle richieste fatte dal cliente. L’intermediazione di Zwei è una parte fondamentale dello schema perché attraverso un’analisi quantitativa (e in parte qualitativa) delle proposte ricevute viene stilata una classifica delle banche, dalla migliore alla peggiore. Le prime classificate verranno poi proposte al cliente finale.

L’obiettivo di Zwei è dunque riuscire a proporre una rosa di candidati, selezionati in base a criteri prettamente oggettivi. La parte soggettiva entrerà nell’analisi, solo quando il cliente incontrerà le tre banche e sceglierà la proposta che più lo convince. L’obiettivo di Zwei è cercare di “ridurre la soggettività ad un 20%” aumentando invece la parte oggettiva dell’analisi della proposta.

I risultati

Zwei è sul mercato svizzero da tre anni e fino ad ora ha elaborato proposte di investimento per circa un miliardo e mezzo. Ultimamente – spiega Conrad – stanno chiedendo il supporto della Zwei anche soggetti che hanno un patrimonio che oscillano tra i 30 e i 50 milioni di euro. All’inizio la clientela, che chiedeva la consulenza di Zwei, aveva un patrimonio tra uno e cinque milioni di euro.

Dove arriverà Zwei è presto dirlo. Ma il futuro potrebbe essere Singapore e Monaco. “Sono dei mercati perfetti” dichiara Peter Conrad. “Per il momento dobbiamo però stabilizzare la struttura in Italia”.

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo
ALTRI ARTICOLI SU "Venture & Private Equity"
ALTRI ARTICOLI SU "Italia"
ALTRI ARTICOLI SU "Patrimonio"