PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

I nodi aperti del decreto liquidità (e i dubbi sul private equity)

I nodi aperti del decreto liquidità (e i dubbi sul private equity)

Salva
Salva
Condividi
Gianmarco Di Stasio
Gianmarco Di Stasio

25 Maggio 2020
Tempo di lettura: 7 min
Tempo di lettura: 7 min
Salva

Gli interventi governativi a sostegno delle imprese presentano alcune criticità. Il salvataggio del tessuto imprenditoriale è affidato, in sostanza, al sistema bancario. E rimangono alcuni aspetti da chiarire

A qualche settimana dall’entrata in vigore dei decreti “cura Italia” e “liquidità”, si può iniziare a fare qualche considerazione a freddo sulle misure di sostegno all’economia adottate durante il lockdown. Semplificando, si può affermare che è stato affidato alle banche il tentativo di salvare un’economia italiana messa alle corde da un blocco che in oltre due mesi ha colpito duramente il nostro Paese in settori vitali come il turismo, la cultura, la manifattura, la moda, la ristorazione e il loro diffusissimo indotto.

Le altre misure, in particolare quelle fiscali, hanno ben poco momento e, pertanto, si può concludere che, a fronte di un sostanziale azzeramento del fatturato di così tanti settori nevralgici per la nostra economia, si sono perseguite, per carenza di risorse dovuta a vincoli di finanza pubblica, le strade della moratoria bancaria e delle garanzie al credito alle imprese colpite dal lockdown. La soluzione dell’intervento diretto, tramite un indennizzo statale alle imprese, si sarebbe evidentemente rivelata troppo costosa per il nostro Paese. Il settore privato rappresentato dalle banche è stato anche forse ritenuto il più adatto alla gravosa funzione di filtro di meritevolezza delle domande. E anche questo fa riflettere. In sostanza, quindi, per ripartire si è deciso di far leva su un maggiore indebitamento delle imprese. Le domande di finanziamento saranno sottoposte a istruttoria, più o meno semplificata rispetto alla percentuale di copertura della garanzia statale. Ma il ceto bancario non ha alcun obbligo a erogare le somme richieste e il contributo sistemico delle banche rimane affidato all’interpretazione individuale. Le prime reazioni sono comunque incoraggianti, vista la collaborazione tra Confindustria e Abi nel predisporre modulistica e istruzioni operative.

Resta la perplessità, a fronte di un fabbisogno finanziario enorme, delle limitate risorse pubbliche allocate, facendo affidamento sull’effetto leva. Inoltre, la ricaduta per professionisti e imprese rischia di essere beffarda: vi è infatti il rischio di prendere i soldi a prestito per restituirli allo Stato in tasse. Oltre a consentire nuovo indebitamento rimborsabile in sei anni, si sarebbe potuto pensare di “spalmare” la tassazione 2019 su un periodo di analoga durata.

Ciò detto, analizzando de iure condito le misure, come noto gli strumenti individuati sono due e sono disponibili fino alla fine dell’anno 2020:
– il primo, che per brevità chiameremo “liquidità Sace” (art. 1 decreto cosiddetto liquidità), è del tutto originale e riguarda l’erogazione di nuova finanza finalizzata a investimenti, a coprire le esigenze del capitale circolante e del costo del lavoro, garantiti da Sace;
– il secondo, noto come “Fondo centrale di garanzia Pmi”, istituito nel lontano 1996 e incrementato per l’occasione (art. 13 Liquidità, che abroga e sostituisce l’art. 49 del Cura Italia), è un tradizionale strumento di accesso al credito per le micro, piccole e medie imprese, con finanziamenti concessi per tranche, a seconda dei casi, fino a massimi venticinque mila, massimi ottocento mila o di importi superiori, ma garantiti solo fino a cinque milioni, con gradi decrescenti di copertura statale per le banche.

Con entrambi gli strumenti, il finanziamento potrà essere richiesto con ammortamento (posticipabile fino a ventiquattro mesi, il cosiddetto pre-ammortamento) o senza ammortamento (finanza bullet) con scadenza finale massima di sei anni e per importi non superiori a:

  • 25% del fatturato nel 2019 (in caso di mancanza di bilancio, la cui approvazione è stata posticipata fino al 30 giugno 2020, si potrà fornire una autodichiarazione);
  •  il doppio del costo del lavoro nel 2019 (incluse tutte le voci di conto economico relative al personale).

Con l’accesso al Fondo centrale di garanzia Pmi, è anche prevista la possibilità di ottenere finanziamenti pari agli investimenti previsti da un business plan nei 18 mesi (per le Pmi) e per 12 mesi (per le imprese non Pmi con meno di cinquecento dipendenti), sempre con garanzia massima pari a cinque milioni.

Il grande dubbio sull’applicazione dello strumento è se le società in cui hanno investito fondi di investimento chiuso di private equity abbiano accesso ai finanziamenti ex art. 13 del Decreto Liquidità. Come noto, ai fini della qualificazione come Pmi (come definiti dalla Raccomandazione della Commissione Europea del 6 maggio 2003), si considerano imprese associate e collegate tutte le imprese cui partecipino per almeno il 25%, direttamente o indirettamente, Sgr che gestiscono fondi di private equity. La valutazione aggregata di fatturato, totale di bilancio e numero di dipendenti porterebbe ad escludere, generalmente, la possibilità per le società nel portafoglio dei fondi di essere considerate Pmi. Con specifico riferimento alla possibilità di fare ricorso a finanziamenti garantiti dal Fondo centrale di garanzia Pmi, Abi conferma tuttavia che le banche interpreteranno il criterio dimensionale di “imprese con numero di dipendenti non superiore a 499” come esclusivamente riferito alla singola entità giuridica e sulla base del bilancio civilistico 2019, disapplicando i criteri di calcolo per la definizione di Pmi e l’eventuale bilancio consolidato. Questa è una ottima notizia per il settore del private equity, strumento vitale per agevolare la modernizzazione, l’internazionalizzazione ed il passaggio generazionale delle imprese familiari italiane.

Gianmarco Di Stasio
Gianmarco Di Stasio
Socio responsabile del team legale dello Studio Russo De Rosa Associati. E' specializzato nella consulenza ai clienti imprenditori e alle loro famiglie nella gestione di passaggi generazionali d'azienda, nell'apertura o cessione del capitale a terzi e nella trasmissione e protezione del patrimonio familiare. Nell'ambito di operazioni di acquisizione di pacchetti societari, con particolare focus sulle PMI, assiste importanti gruppi industriali internazionali e fondi di private equity.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Venture & Private Equity Italia