PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Aifi, Cipolletta: il capitale pubblico non spiazzi quello privato

Aifi, Cipolletta: il capitale pubblico non spiazzi quello privato

Salva
Salva
Condividi
Rita Annunziata
Rita Annunziata

07 Settembre 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • “Occorre che il capitale privato non sia sovrastato da quello pubblico, altrimenti le imprese rischiano di irrigidirsi”, spiega Cipolletta

  • Secondo Anna Gervasoni, direttore generale di Aifi, il capitale umano rappresenta oggi la leva per far crescere le imprese

  • Nel periodo di investimento il numero medio totale di dipendenti è cresciuto dell’89%

Secondo il presidente dell’Aifi intervenuto in occasione del convegno annuale dell’associazione, per la ripresa dell’economia è necessario che il capitale privato sia supportato dal capitale pubblico, senza spiazzarlo. Occhio anche allo sviluppo del capitale umano

“È importante che il capitale privato sia supportato dal capitale pubblico quando è necessario, come in questo momento. Occorre però che il capitale privato non sia sovrastato da quello pubblico, altrimenti le imprese rischiano di irrigidirsi”. Con queste parole Innocenzo Cipolletta, presidente di Aifi, ha aperto il convegno annuale dell’associazione dedicato all’impatto della pandemia sulle operazioni di private capital. Un’occasione anche per sottolineare come l’Italia resti un paese con grandi disponibilità di risparmio che oggi dovrebbe “affluire direttamente alle imprese, in particolare a quelle non quotate”. Ma qual è lo stato di salute del tessuto imprenditoriale italiano e su cosa bisogna puntare affinché si possa parlare realmente di una ripartenza?

Secondo Anna Gervasoni, direttore generale di Aifi, il capitale umano rappresenterebbe oggi la leva per far crescere le imprese. La ricerca Private capital, human capital ha analizzato 127 operazioni di portafoglio al 31 dicembre 2019 o disinvestite nei precedenti tre anni e ha evidenziato un incremento del numero medio di dipendenti delle società target del private equity nel periodo di permanenza dell’investitore dell’89%, con una composizione femminile del 41% e una percentuale media di laureati del 26%. Solo per le operazioni di buy-out si parla complessivamente del +111%, seguite dalle operazioni di replacement con il +54% e dalle operazioni di expansion con il +11%.

Aifi, Cipolletta: il capitale pubblico non spiazzi quello privato
Fonte: Aifi

Nell’78% dei casi, inoltre, sono stati adottati  piani di incentivazione per il management e il 2% risultano in corso, per una media di sette dirigenti (di cui una donna) e di tre nuovi manager. Nel 45% dei casi, invece, sono stati accolti piani di welfare per i dipendenti, in particolare di assistenza sanitaria. Nel 19% sono stati introdotti nuovi comitati a supporto del Consiglio di amministrazione e nel 60% un codice etico. Sul versante della sostenibilità, durante l’holding period sono state implementate politiche esg (environmental, social, governance) nel 32% dei casi, una percentuale che sale al 63% se si considerano unicamente le target oggetto di investimento da parte degli operatori internazionali. Inoltre, in oltre la metà dei casi in cui sono state adottate queste politiche è stato nominato un responsabile esg nel Consiglio di amministrazione.

“Abbiamo distinto l’operatività dei fondi italiani da quelli internazionali, che mostrano una maggiore attenzione all’esg – aggiunge la Gervasoni – Questo perché una cultura sostenibile nei fondi paneuropei è stata introdotta già da tempo, mentre in Italia siamo partiti da poco. Sarà interessante vedere tra qualche anno se ci sarà stato un miglioramento”.

“L’Italia è tra i Paesi europei con il più alto numero di imprese familiari, pesando circa il 70% in termini di occupazione. Se si vuole fare il salto dimensionale, occorre impegnarsi nella crescita delle proprie risorse umane sia in termini di numero sia in termini di professionalità. Guardando i dati si vede come gli operatori spingano su questo punto”, commenta al proposito Cipolletta, poi conclude: “Una migliore governance ha aiutato senz’altro a reagire meglio nel periodo dell’emergenza sanitaria”.

Rita Annunziata
Rita Annunziata
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Venture & Private EquityImpreseAIFI
ALTRI ARTICOLI SU "Venture & Private Equity"
ALTRI ARTICOLI SU "Imprese"
ALTRI ARTICOLI SU "AIFI"