PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Ipo Europa 2021, uno dei migliori inizi anno di sempre

Ipo Europa 2021, uno dei migliori inizi anno di sempre

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

15 Febbraio 2021
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Fra gli effetti (insperatamente) benefici del lockdown c’è la quotazione delle aziende europee che hanno spostato il loro business online. E che nelle prime settimane del nuovo anno hanno deciso di capitalizzare la loro ricchezza

Una raffica di quotazioni di imprese tech e di e-commerce ha regalato all’Europa (incluso il Regno Unito) il miglior inizio d’anno dal 2015, il secondo dal 1998. I dati sono di Refinitiv. Le ipo delle prime settimane dell’anno mostrano che i vincitori del lockdown stanno capitalizzando i loro guadagni dalle vendite online.

Di «movimenti tettonici» nel mondo delle ipo come conseguenza del covid racconta al Ft James Fleming, global co-head of equity capital markets di Citigroup.

Gli analisti delle banche d’affari globali rilevano che si tratta di società tech di «grande qualità», in precedenza scarse in Europa, se raffrontate agli Usa.

L’Europa da sempre soffre una debole cultura della quotazione in Borsa rispetto ad altri paesi. Ma nel primo mese e mezzo del 2021 ha visto superare la domanda di quotazioni di 26 volte rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Il primato delle ipo – a dispetto dei deflussi di capitale – spetta ancora a Londra. Al secondo posto di classifica Oslo, poi ancora Londra, con l’alternative investment market. Seguono Euronext Parigi e Amsterdam. Poi Francoforte, Varsavia, Stoccolma.

Molti dei nuovi deal hanno coinvolto i cosiddetti “investitori primari” (cornerstone investors), coloro che acconsentono prima della quotazione ad acquistare un certo numero di azioni. Blackrock, con le sue partecipazioni in Dr. Martens e Moonpig, ne è un esempio.

Dicono alcuni analisti che gli investitori primari possono fare la differenza nel successo iniziale di una Ipo, potendone innescare il momentum. Esiste però l’altro lato della medaglia: un investitore di dimensioni consistenti rende difficile per gli investitori più piccoli accedere a Ipo attraenti.

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
ALTRI ARTICOLI SU "Ipo & Spac"
ALTRI ARTICOLI SU "Imprese"
ALTRI ARTICOLI SU "Digital transformation"