PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Il valore sociale del consulente finanziario

Il valore sociale del consulente finanziario

Salva
Salva
Condividi
Massimo Giacomelli
Massimo Giacomelli

04 Novembre 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Qual è il valore sociale del consulente finanziario? È sufficiente dire che il consulente finanziario tutela il patrimonio delle famiglie e delle imprese e tenta di erudire i propri clienti con una sana educazione finanziaria?

Tutte le professioni hanno un valore sociale importante: il medico salva le vite a prescindere da chi è, l’avvocato tutela i cittadini utilizzando le nostre leggi, il commercialista aiuta i contribuenti ad agire nel rispetto delle norme in maniera preventiva, supportando anche le casse dello stato e via dicendo. E il consulente finanziario? È sufficiente dire che il consulente finanziario tutela il patrimonio delle famiglie e delle imprese e tenta di erudire i propri clienti con una sana educazione finanziaria? Direi proprio di no, o meglio è una risposta parziale perché il consulente finanziario ha un valore sociale ben più importante e profondo vista la materia che tratta “il risparmio degli italiani”.

Ho da poco partecipato a un evento straordinario con relatori eccezionali che parlavano dell’Italia come il Paese a maggior potenziale di sviluppo economico, facendo considerazioni molto semplici (che sono sempre le migliori): “L’Italia è da sempre la nazione con la migliore manifattura al mondo su molti settori (agricoltura, tessile, alimentare, componentistica, mobiliare etc) e, a prescindere da manovre restrittive di nazioni competitor, grazie alla qualità dei nostri prodotti, è destinata a triplicare le esportazioni nei prossimi 10 anni”.

E non è tutto, guardando al turismo, “il 70% dei beni culturali storici mondiali è nel nostro Paese oltre a una posizione e a una conformazione geografica unica (clima, spiagge, campagne, colline, montagne) che farà raddoppiare le visite di stranieri in futuro. Tutto questo a beneficio del nostro tessuto economico, fatto principalmente da piccole e medie imprese, alcune ancora a conduzione familiare e molte altre palesemente sottodimensionate”.

Altro aspetto fondamentale per le nostre riflessioni è che “il nostro bel paese è composto da circa 60 milioni di abitanti e vanta un altro record: è la nazione che risparmia di più al mondo (60 milioni di persone hanno, infatti, 4.500 miliardi di risparmi in strumenti finanziari, di cui purtroppo il 30% sui conti correnti)”.

Unendo tutte queste informazioni appare lampante quale deve essere il nostro vero ruolo di consulenti finanziari italiani. E dobbiamo essere orgogliosi di esserlo! Noi dobbiamo diventare il veicolo di trasmissione dei risparmi degli italiani verso aziende italiane, per accelerare il processo di sviluppo sopra rappresentato, senza andare ad arricchire aziende straniere che a malapena conosciamo. Molto spesso ci facciamo trascinare da rendimenti precedenti o da ottimi sales manager di Sgr estere o anche italiane che per lanciare nuove iniziative o uscire dalla monotonia propongono prodotti che portano lontano i risparmi dei nostri clienti. Dovremmo invece parlare con i veri gestori o affidarci a loro se ben conosciuti dedicando una percentuale dei risparmi dei nostri clienti alle piccole e medie imprese italiane, magari diminuendo quella costosa quota di miliardi sui famigerati conti correnti.

Oggi, grazie ad alcune società del nostro settore molto lungimiranti, abbiamo già la possibilità di drenare risparmi da chi li ha e la possibilità di allocarli a chi ne ha bisogno per crescere. Operando in tal senso saremo i protagonisti di uno sviluppo della nostra economia senza precedenti:  pensiamo a cosa potrebbe fare il solo 10% dei risparmi che sono oggi sui conti correnti (150 miliardi) immesso nelle nostre aziende sotto forma di private debt o private equity. A quante manovre finanziarie equivarrebbe? Aiuterebbe anche a far diminuire il cuneo fiscale?

Quando facciamo la raccolta differenziata ci sentiamo bene perché sappiamo che il nostro sacchetto di plastica, buttato nel posto giusto, aiuta a salvare il mondo. Nello stesso modo, anche il singolo milione di tutto il portafoglio clienti che gestiamo deve avere lo stesso valore: il valore sociale di contribuire allo sviluppo della nostra nazione e dare valide soluzioni di investimento ai nostri clienti. Anche questa è educazione e cultura finanziaria.

Massimo Giacomelli
Massimo Giacomelli
Entra nel mondo bancario nel 1983, con esperienza da remisier di agenti di cambio e responsabile clienti istituzionali, per poi creare la prima rete di promotori finanziari per Banca del Salento con il ruolo prima di manager e poi di direttore commerciale. Dopo l'esperienza quindicinale in MPS, sempre come direttore commerciale della rete dei consulenti finanziari, nel 2014 contribuisce alla nascita di banca Widiba, la prima banca che fonde in maniera nativa una rete di consulenti finanziari con una piattaforma online all’avanguardia, ricoprendo il ruolo di responsabile nazionale rete. Oggi è partner ed executive manager di Azimut Global Advisory.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Risparmio Gestito Consulenti Italia
ALTRI ARTICOLI SU "Risparmio Gestito"
ALTRI ARTICOLI SU "Consulenti"
ALTRI ARTICOLI SU "Italia"