PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Terzo trimestre 2019, cresce il risparmio degli italiani

Terzo trimestre 2019, cresce il risparmio degli italiani

Salva
Salva
Condividi
Teresa Scarale
Teresa Scarale

20 Novembre 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Nel terzo trimestre 2019 il sistema ha messo a segno una raccolta netta per 9,5 miliardi di euro. Il secondo trimestre è decisamente alle spalle

  • Le masse investite nelle gestioni collettive totalizzano quasi 1.107 miliardi, pari al 48,5% degli aum

  • Brindano i primi cinque gruppi, tranne uno

La consueta mappa di Assogestioni fotografa il terzo trimestre 2019, evidenziando il risparmio in crescita degli italiani, giunto a un nuovo massimo storico

La mappa trimestrale di Assogestioni evidenzia che nel terzo trimestre 2019 il sistema ha messo a segno una raccolta netta per 9,5 miliardi di euro. Questo, grazie alla crescita di 58,6 miliardi da inizio anno. Le gestioni collettive totalizzano sottoscrizioni per 4,5 miliardi di euro. Il risultato si deve tanto ai fondi aperti (in salita di tre miliardi e 984 milioni) che a quelli chiusi (in crescita di 523 milioni). I flussi delle gestioni di portafoglio invece ammontano a 5 miliardi: in quest’ambito, sono i prodotti assicurativi ad apportare i maggiori flussi, pari a 3,9 miliardi. Il secondo trimestre 2019 è dunque ormai alle spalle (si registravano allora -2,5 miliardi per le gestioni collettive e -3,8 per quelle di portafoglio).

Terzo trimestre 2019: risparmio gestito ai massimi storici

Gli asset gestiti dall’industria sfiorano i 2.284 miliardi di euro mettendo a segno un nuovo massimo storico. Le masse investite nelle gestioni collettive totalizzano quasi 1.107 miliardi, pari al 48,5% degli asset under management (masse gestite). Quelle impiegate nelle gestioni di portafoglio invece raggiungono i 1.177 miliardi, pari quindi al 51,5% degli aum.

Le vendite nette dei fondi aperti sono invece pari a 4 miliardi di euro. Le macrocategorie favorite dai sottoscrittori nel trimestre sono gli obbligazionari, su di 4,3 miliardi, i bilanciati, in crescita di 1,8 miliardi, e infine i monetari e gli azionari, in salita rispettivamente di 1,7 miliardi e 127 milioni di euro.

I fondi aperti pir compliant riportano invece deflussi per -354 milioni di euro. Il loro patrimonio promosso a fine settembre 2019 ammonta a 18,5 miliardi.

Dati positivi per tutti i maggiori gruppi. Il gruppo Generali registra un aumento netto di 2,22 miliardi. Il gruppo Intesa Sanpaolo invece registra un brillante incremento netto di 4,86 miliardi di euro di masse, con Eurizon a farla da padrone (4,35 miliardi). Fideuram contribuisce al risultato di gruppo con 516,5 milioni. Bene anche Anima Holding (+274 milioni) e Poste Italiane (+936 milioni). Si segnala invece la contrazione di Amundi Group, pari a -804 milioni.

Teresa Scarale
Teresa Scarale
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Risparmio Gestito Assogestioni Italia
ALTRI ARTICOLI SU "Risparmio Gestito"
ALTRI ARTICOLI SU "Assogestioni"
ALTRI ARTICOLI SU "Italia"