PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Novembre premia gli asset manager tradizionali

Novembre premia gli asset manager tradizionali

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

01 Dicembre 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

In Europa novembre ha sorriso al mondo del risparmio gestito. Per Goldman Sachs i migliori asset manager sono stati quelli a maggiore esposizione sull’equity e centrati su strategie tradizionali

Tra elezioni americane e annuncio dei vaccini la traiettoria dei mercati, gravati a inizio mese di tutta l’incertezza legata alla seconda ondata, ha cambiato direzione. Il rally di novembre è stato uno dei più persistenti della storia: i principali listini europei e americani hanno guadagnato più del 10%. Lato risparmio gestito come sono andate le cose?

I migliori? I tradizionali con esposizione sull’equity

Stando ai dati riportati da Goldman Sachs, nel report “Europe Asset Manager: November rally drives earning growth for the traditional AM”, si direbbe bene. Soprattutto per gli asset manager “tradizionali” che hanno registrato in media un +19% a fronte del +12% registrato dai colleghi “alternativi”. Tra i primi, inoltre una maggiore esposizione sull’azionario è stata premiante, alla luce delle performance molto positive di tutti i principali listini europei. I migliori asset manager del mese sono italiani con Banca Mediolanum a circa il +30% e Azimut al +23%, grazie proprio all’esposizione all’equity rispettivamente pari al 50% e al 38%. Il forte momentum sui mercati emergenti ha invece supportato Ashmore al +20%. Secondo Goldman Sachs gli asset manager faranno bene anche nei prossimi mesi, in linea con le previsioni macro per le quali lo S&P 500 e lo STOXX 600 renderanno rispettivamente il 3% and il 4% nei prossimi tre mesi.

asset manager
Performance dei listini e dei principali gestori europei. Fonte: Goldman Sachs

Aspettando il ripristino dei dividendi

Il giudizio positivo sconta anche il fatto che Goldman Sachs si aspetta che il 10 dicembre prossimo, quando la Bce aggiornerà il mercato circa lo stacco dei dividendi delle banche, l’annuncio più probabile sarà il ripristino almeno parziale del pagamento dei dividendi (Amundi, Banca Generali, Banca Mediolanum e FB Financial Corp avevano sospeso il pagamento dei dividendi nel 2020). Secondo Goldman Sachs il pagamento del 2021 sarà in linea con gli anni precedenti con un rendimento medio dei dividendi di questi titoli del 4,6%.

Rischio al ribasso e indicazioni di acquisto/vendita

I principali rischi al ribasso includono un potenziale deterioramento del contesto macro globale, deflussi di capitale (soprattutto in relazione alle attività di vendita al dettaglio), una compressione del margine delle commissioni superiore alle aspettative e una performance di mercato peggiore del previsto. Per alcuni gestori sarà importare monitorare crescita del Regno Unito e deprezzamento sterlina (Ashmore, Fineco, Man Group) per altri accordi M&A di tipo diluitivo (Anima, Banca Mediolanum). Al netto dei rischi che gravano su ogni singolo gestore l’indicazione di Goldaman Sachs è di tipo “buy” per: Anima, Ashmore, Banca Generali, Dws group, Fineco Bank e Standard Life Aberdeen; di tipo “neutral” per: Amundi, Azimut, Banca Mediolanum, Man Group; infine di tipo “sell” per: Schroders

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Risparmio GestitoEuropaAzimut