PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Generali lancia il suo primo green bond

Generali lancia il suo primo green bond

Salva
Salva
Condividi
Francesca Conti
Francesca Conti

16 Settembre 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Il gruppo Generali annuncia l’emissione di un bond Tier 2 con struttura bullet e di tipo green

  • Il green bond, emesso con scadenza 2030 ai sensi del proprio Euro Medium Term Note programme, è destinato a investitori qualificati ed è conforme al Green Bond Framework

  • L’operazione di riacquisto dei propri titoli dovrebbe consentire al gruppo Generali di ridurre l’indebitamento finanziario esterno di circa 250 milioni

Il mercato è pronto alla nascita del primo green bond targato Generali. Lo strumento, con scadenza 2030, è destinato a investitori qualificati. Intanto il Leone annuncia il riacquisto di propri titoli fino a 1 miliardo di euro

Il mercato è pronto a ricevere il primo green bond targato Generali. Il Leone di Trieste ha infatti annunciato l’emissione di un bond Tier 2 con struttura bullet e di tipo green. Un passo significativo per il gruppo, nell’ottica di una sempre crescente attenzione per i temi legati alla sostenibilità.

L’emissione del green bond sarà preceduta da un’altra importante operazione in casa Generali: il riacquisto per cassa entro il 20 settembre dei propri titoli aventi prima data di call nel 2022, per un importo target nominale aggregato fino a 1 miliardo di euro.

Il primo green bond targato Generali

Il green bond di Generali, emesso con scadenza 2030 ai sensi del proprio Euro Medium Term Note programme, è destinato a investitori qualificati ed è conforme al Green Bond Framework recentemente definito dal gruppo Generali e oggetto di una second party opinione messa da Sustainalytics.

Tale emissione – sottolinea una nota del gruppo – rappresenta un altro passo importante verso il raggiungimento degli obiettivi sulla sostenibilità ambientale del gruppo, il cui progresso è stato anche riconosciuto dalla recente inclusione del gruppo Generali nell’indice Dow Jones Sustainability Europe Index, dopo la già nota presenza nell’indice Dow Jones Sustainability World Index.

Il riacquisto di 1 miliardo di bond

L’operazione di riacquisto dei propri titoli dovrebbe consentire al gruppo Generali di:

  1. Ridurre l’indebitamento finanziario esterno di circa 250 milioni di euro;
  2. Ridurre gli interessi passivi negli anni futuri;
  3. Raggiungere un profilo di scadenze del debito più equilibrato e ottimizzare al tempo stesso la struttura del capitale regolamentare.

Il riacquisto rientra nella gestione proattiva dell’indebitamento di Generali e mira a rifinanziare in modo efficiente gli strumenti finanziari subordinati aventi prime date di call comprese tra febbraio 2022 e dicembre 2022. Tale rifinanziamento consentirà al gruppo di progredire verso il raggiungimento degli obiettivi previsti dalla strategia Generali 2021 annunciata nel novembre 2018.

Francesca Conti
Francesca Conti
Condividi l'articolo
Se non vuoi mancare aggiornamenti importanti per te, registrati e segui gli argomenti che ti interessano.
ALTRI ARTICOLI SU "Risparmio Gestito"
ALTRI ARTICOLI SU "Gruppo Generali"
ALTRI ARTICOLI SU "Esg"