PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Fondi azionari, negli ultimi 10 anni sopravvissuti meno della metà

Fondi azionari, negli ultimi 10 anni sopravvissuti meno della metà

Salva
Salva
Condividi
Livia Caivano
Livia Caivano

03 Settembre 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Poco meno del 46% dei 542 fondi azionari globali denominati in sterline che esistevano un decennio fa oggi è ancora attivo

  • Nel caso dei fondi denominati in euro, resiste il 45% dei 1.402 prodotti lanciati sul mercato nel 2009

Un numero elevato di fondi attivi non riesce a spegnere le candeline del decimo compleanno. Scarse prestazioni e concorrenza degli strumenti a gestione passiva: gli strumenti di lungo termine deludono gli investitori sia in Europa che negli Stati Uniti

Meno della metà dei fondi azionari attivi lanciati agli inizi del 2009 nel Regno Unito è sopravvissuta nel decennio successivo, secondo l’indice S&P Dow Jones. L’alto tasso di ‘mortalità’ riguarda in generale gli equity fund venduti in tutta Europa e negli Stati Uniti. Poco meno del 46% dei 542 fondi azionari globali denominati in sterline che esistevano un decennio fa oggi sopravvive. Nel caso dei fondi denominati invece in euro, resiste il 45% dei 1.402 prodotti lanciati sul mercato nel 2009.

Gli investitori americani si trovano ad affrontare problemi simili: secondo lo studio S&P solo il 57,6% dei 2.987 fondi azionari domestici degli Stati Uniti sono stati in grado di festeggiare il decimo anniversario. Va meglio sul fronte dei Paesi Emergenti: qui i fondi azionari hanno goduto di tassi di sopravvivenza migliori, soprattutto perché si tratta di una classe di attività meno efficiente che offre maggiori chance di scegliere società vincenti ai suoi investitori.

Gli asset manager sono spesso riluttanti a dire addio a fondi in cui hanno investito tempo e denaro per svilupparsi. Ma se i rendimenti del mercato azionario nel prossimo decennio dovessero essere inferiori a quelli conseguiti negli ultimi 10 anni, non sarebbe una sorpresa vedere crescere il tasso di mortalità dei fondi a gestione attiva.

Ma dove sono andate le risorse?

Secondo i dati Morningstar negli Stati Uniti i fondi a gestione passiva oggi rappresentano il 37,5% del mercato complessivo dei fondi comuni. In Europa questa percentuale nei primi cinque mesi del 2019 è cresciuta dal 16,6% al 18,3%. Nello stesso periodo sono stati ritirati dai fondi comuni di investimento a gestione attiva in Europa 20,9 miliardi di euro e negli Stati Uniti 12,9 miliardi di dollari.

 

Livia Caivano
Livia Caivano
Condividi l'articolo
ALTRI ARTICOLI SU "Risparmio Gestito"
ALTRI ARTICOLI SU "Azionari Europa"
ALTRI ARTICOLI SU "Azionari internazionali"