PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

La via della seta, un antidoto alle guerre commerciali

10 Ottobre 2019 · Riccardo Sabbatini · 10 min

Le guerre commerciali potrebbero indurre la Cina a impegnarsi ancora di più nella Belt&Road Initiative, la nuova via della seta. È probabile che il Paese aumenti i suoi scambi con paesi selezionati nella regione, per mitigare gli effetti negativi derivanti da minori scambi con gli Usa. Ecco l’intervista a Ken Hu, gestore dell’Invesco Belt and Road Debt Fund

Le guerre commerciali e la nuova via della seta

Nella “via della seta” i gestori iniziano a correre per battere le guerre commerciali. Da quando Invesco ha lanciato il Belt and Road Dept Fund, nel dicembre dello scorso anno, l’iniziativa ha raccolto capitali per 300 milioni di dollari provenienti da investitori europei e medioorientali. I risultati, finora, sono stati lusinghieri con una performance di oltre il 9 per cento. Ma più i mesi passano più iniziano ad emergere anche i risvolti strategici del gigantesco piano ventennale di investimenti infrastrutturali deciso dal governo di Pechino.

Nell’attuale scenario geopolitico la Belt and Road Iniziative (Bri) si sta rivelando come un efficace strumento di contrasto alla “guerra dei dazi” tra Usa e Cina, avviata nei mesi scorsi dall’amministrazione americana. Quelle rotte di comunicazione, nei cui cantieri già si sta alacremente lavorando, rappresentano le future rotte commerciali dell’economia globale e difficilmente potranno essere recise. È in fondo il mistero della seta, l’essere soffice e resistente ad un tempo.

L’intervista a Ken Hu, gestore dell’Invesco Belt and Road Debt Fund, su guerre commerciali e nuova via della seta

We Wealth ne ha parlato con Ken Hu, gestore di Invesco Belt and Road Debt Fund. Vincitore per due anni di seguito (2012 e 2013) dell’award come miglior gestore in Asia, operativo con il suo team da Hong Kong, Hu incarna anche con la sua storia personale – una laurea nell’università del Wisconsin ed un master in quella di Hong Kong – la volontà di comunicazione tra mondi e culture differenti.

La “Via della seta” resisterà alle tensioni sui dazi?

“La guerra commerciale potrebbe indurre la Cina a impegnarsi ancora di più nella Belt&Road Initiative. È probabile che la Cina aumenti i suoi scambi con paesi selezionati nella regione B&R per mitigare gli effetti negativi derivanti da una minore attività commerciale con gli Stati Uniti. Con il miglioramento delle infrastrutture, i paesi selezionati beneficeranno sempre più del trasferimento delle catene di approvvigionamento e delle fabbriche dalla Cina.

Pertanto, il nostro fondo ha una sovraesposizione per i paesi che intrattengono buoni rapporti diplomatici sia con la Cina che con i paesi occidentali, in modo da avere maggiori fonti di afflusso di capitali, non solo dalla Cina, ma anche dalle economie occidentali. Il fondo non ha alcuna esposizione sugli esportatori cinesi e sui TMT cinesi, che sono i più esposti alla guerra
commerciale USA-Cina”

Quali paesi sono maggiormente coinvolti?

Le principali alternative alla supply chain cinese all’interno della regione BRI includono India, Tailandia, Vietnam, Filippine, Indonesia, Malesia e Cambogia, ecc. I paesi del Sud-est asiatico hanno un vantaggio unico dato il loro favorevole partenariato commerciale con la Cina. Il Vietnam, ad esempio, è una destinazione preferita per le aziende che stanno cercando di spostare parte delle loro operazioni al di fuori della Cina dati alcuni vantaggi, tra cui:

1) accordi commerciali bilaterali con paesi di tutto il mondo;

2) stretta vicinanza alla Cina;

3) Basso costo del lavoro;

4) reti di trasporto;

5) Governo relativamente stabile.

E dal punto di vista finanziario, investire nei paesi della BRI può aiutare a diversificare il rischio conseguente all’applicazione dei dazi commerciali?

È corretto. Vediamo che molte aziende stanno iniziando a trasferire le loro supply chain. Tuttavia, tale attività è soggetta ad altre incertezze e riteniamo che possa essere un processo
lungo e con molti ostacoli da superare. Il trasferimento della produzione fuori dalla Cina sarà costoso e richiederà tempo. Quando in precedenza le catene di approvvigionamento
si erano trasferite in Cina, i risparmi potevano facilmente coprire i costi di localizzazione.
Ma è più probabile che ciò non avvenga quando la catena di approvvigionamento si sposta al di fuori della Cina verso paesi come il Vietnam. Materiali più costosi, nuova formazione in materia di manodopera e gestione, nonché costi più elevati derivanti da una perdita di economie di scala porterebbero probabilmente a inefficienza della produzione.

La dimensione della BRI è gigantesca, fa apparire piccolo il piano Marshall. Quali ostacoli intravede e quali i principali benefici?

A mio avviso, date le enormi dimensioni della BRI, i principali ostacoli potrebbero essere questioni legate alla governance, alla trasparenza di alcuni progetti, nonché all’aumento del debito e ai problemi ambientali. Questo è il motivo per cui il nostro fondo si è concentrato sui
fattori ESG per aiutare a evitare paesi e aziende che potrebbero incorrere in trappole del debito, grave corruzione, problemi sociali e ambientali. Dall’altro lato, vediamo che il governo
cinese presta sempre più attenzione a questi problemi e proviamo ad affrontarli.

Ad esempio, uno dei temi chiave del secondo Belt and Road Forum tenutosi a Pechino a fine aprile 2019, è la sostenibilità. La Cina ha introdotto un quadro di sostenibilità del debito
per i paesi partecipanti per migliorare congiuntamente la capacità di gestione del debito e promuovere finanziamenti sostenibili. C’è stato un lancio ufficiale della BRI Environmental Big Data Platform e un impegno di “tolleranza zero sulla corruzione” da parte del presidente Xi.

Uno dei vantaggi inaspettati è l’infrastruttura digitale, più sviluppata nei paesi in via di sviluppo all’interno della regione BRI. Mentre BRI punta su costruire più ferrovie, autostrade e porti, l’iniziativa ha permesso alle aziende cinesi di portare le loro competenze e finanziamenti per aiutare a lavorare sull’infrastruttura digitale in quei paesi BRI con infrastrutture digitali sottosviluppate e bassi tassi di penetrazione di Internet. La Via della Seta digitale potrebbe potenzialmente portare nuove ondate di opportunità tecnologiche per le economie emergenti nella regione BRI. Se in questo modo si attenua il rischio dazi commerciali vi sono tuttavia rischi geopolitici da considerare.

Guerre commerciali e non solo: l’esempio dell’India

Un piccolo esempio: l’India sta minacciando un intervento militare nelle isole Maldive il cui debito pubblico (assai cresciuto negli ultimi anni) è per metà posseduto dalla Cina che sta anche costruendo il nuovo aereoporto della capitale. Corretto, ed è per questo che è molto importante analizzare ciasun paese /compagnia quando facciamo i nostril investimenti. Crediamo fortemente nei fattori ESG come strumento di selezione del portafoglio. In questo
modo miriamo a mitigare il rischio dell’investimento nei mercati del fixed income. Scartando i “peggiori della classe” ci proponiamo di evitare paesi e società che rischiano di imbattersi
nelle “trappole del debito”, nella corruzione, in problemi sociali ed ambientali.

Le proteste a Hong Kong che hanno assunto rilevanza globale negli ultimi mesi. Il coinvolgimento della Cina è diventato sempre più forte e inevitabile. Quali potrebbero essere le reazioni di altri Paesi? E questo potrebbe rallentare o accelerare la BRI?

Annunciata nel 2013, Belt and Road Initiative è stata inserita nella costituzione del Partito comunista cinese nell’ottobre 2017 per garantire un impegno a lungo termine da parte del governo cinese. È molto importante capire perché la Cina è così impegnata nella BRI. Riteniamo che la BRI sia la componente chiave del nuovo modello di crescita economica della Cina.

La Cina ha avuto molto successo con il suo modello di crescita economica trainato dalle esportazioni da quando ha iniziato ad aprire la sua economia nel 1978. Questo modello richiedeva al paese di importare grandi quantità di materie prime come i minerali di ferro attraverso rotte marittime da luoghi lontani come l’America Latina per rifornire le sue fabbriche concentrate nelle province costiere orientali e meridionali. I manufatti furono
quindi esportati nel resto del mondo. Questo modello di crescita economica trainato dalle
esportazioni non funziona più bene per la Cina per diversi motivi. In primo luogo, ha provocato gravi squilibri economici, con disparità di ricchezza e reddito tra le sue province
occidentali, sud-occidentali, nord-orientali e costiere.

In secondo luogo, ci sono molte fabbriche scadenti nel paese, che sono causa di un significativo inquinamento. In terzo luogo, l’eccesso di capacità in alcuni settori come l’acciaio
e i metalli ha portato a tensioni commerciali con gli Stati Uniti e altri paesi sviluppati. Inoltre, la Cina deve fare molto affidamento sulle spedizioni via rotte marittime sia per l’importazione
di materie prime che per l’esportazione di merci, rendendola soggetta a rischi legati alla sicurezza delle rotte marittime.

L’invecchiamento della popolazione cinese ha anche reso meno sostenibile l’economia guidata
dalla produzione ad alta intensità di manodopera, spingendo il governo cinese a cambiare il suo modello di crescita economica.  In un mondo che ha disperato bisogno di investimenti
in infrastrutture, la BRI appare come ossigeno.

Qual è a suo parere il “secondo livello” di infrastrutture che la realizzazione della BRI potrà innescare, includendo quindi anche educazione e sanità?

1) Lo sviluppo di ferrovie, autostrade, porti, aeroporti e telecomunicazioni più effi cienti nella regione B&R faciliterà il trasporto di merci e traffi co passeggeri.
2) Il BRI crea una relazione reciprocamente complementare che facilita la produzione e le esportazioni di energia e materie prime all’interno della regione.
3) Gli affl ussi di capitale persistenti nella regione BRI signifi cano maggiori opportunità di lavoro.

Secondo un ex alto funzionario cinese, la BRI ha creato oltre 200.000 posti di lavoro per coloro che vivono nei paesi BRI tra il 2014 e il 2017. Con il miglioramento dei mercati del lavoro e l’aumento dei redditi delle famiglie, la domanda di beni e servizi di consumo nella
regione è strutturale trend rialzista. In generale, la BRI contribuirebbe a migliorare la qualità della vita delle persone in molti modi, tra cui l’istruzione e la salute come lei ha citato.

In quali società è investito il suo fondo e quali sono le ragioni della sua selezione?

Abbiamo identifi cato 5 temi di investimento nell’ambito della BRI: migliorare la solidità finanziaria; infrastruttura in espansione; aumento di energia, materie prime e prodotti agricoli; aumentare il consumo locale; modernizzare i corridoi economici. Investiamo in paesi e società che si adattano a questi temi e benefi ciano direttamente o indirettamente della BRI. Per fare un esempio, la continua espansione delle reti di trasporto è una buona notizia per società di trasporto selezionate, esportatori, produttori, sviluppatori immobiliari e governi nella regione B&R.

L’iniziativa andrà inoltre a beneficio indiretto di società di settori correlati, quali banche locali e compagnie assicurative che si occupano di finanziamenti commerciali e assicurazioni contro gli infortuni.

Qual’è la consistenza attuale del “Belt andRoad Debt Fund”? E’ sempre rivolto ad investitori retail o, com’era nelle vostre intenzioni, stanno entrando anche investitori professionali?

Invesco Belt and Road Debt Fund è stato lanciato a novembre 2018. Ora ha una dimensione di oltre 300 milioni di dollari ed è in crescita. Il fondo è pensato sia per investitori professionali
che per investitori retail. Riteniamo che BRI sia uno sviluppo strategico a lungo termine e che il fondo sia ben posizionato per benefi ciare di una crescita sostenibile da queste opportunità nella mediana a lungo termine. L’attuale contesto di bassi tassi d’interesse dovrebbe
favorire il successo del fondo. Come sapete, BRI è un concetto molto nuovo. Siamo molto orgogliosi in Invesco di essere i primi ad essersi mossi in questo ambito e prevediamo che ci saranno nuovi partecipanti che contribuiranno a migliorare le nostre prestazioni.

Attualmente non esiste un benchmark comparabile per BRI, quindi il nostro fondo persegue un obiettivo total-return. Poiché investiamo solo in obbligazioni denominate in USD, ci proponiamo di off rire il 5% annuo over cash (Libor da 3 milioni di dollari). La performance
sin dall’inizio del fondo è del 9,55% a partire dal 17 settembre 2018. La performance YTD del fondo è del 9,46% a partire da 17 Sept 2018.

Da dove proviene la platea dei vostri investitori?

Invesco Belt and Road Debt Fund si rivolge a investitori europei e mediorientali. Tutti i $ 300 milioni provengono da queste regioni. Tuttavia, abbiamo anche un altro fondo domiciliato ad Hong Kong (Invesco Belt and Road Bond Fund) e alcuni mandati istituzionali con la strategia di investimento Belt and Road gestito per clienti asiatici, tra cui banche private di Singapore e Hong Kong oltre a clienti istituzionali cinesi.

Riccardo Sabbatini
Riccardo Sabbatini
VUOI LEGGERE ALTRI ARTICOLI SU: