PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Valute: venti di turbolenza fra Usa, Europa, Asia

03 Maggio 2018 · Teresa Scarale

  • Quella che era solo una minaccia del protezionismo americano diventerà presto realtà. Ciò pone secondo Joachim Fels una questione di teoria dei giochi nella partita per il dominio commerciale fra Usa da una parte e Asia ed Europa dall’altra.

  • E’ in atto una guerra fredda delle valute. La Fed è apparentemente determinata a continuare ad alzare i tassi di interesse in risposta allo stimolo fiscale. Le altre banche centrali sono invece più accomodanti.

L’armonia della crescita sincronica sembra già passata. Fra le prime a farne le spese saranno le valute. Ne è convinto l’economista Joachim Fels di PIMCO, il quale a distanza di quattro mesi corregge se stesso.

L’armonia della crescita sincronica parrebbe già passata, e fra le prime a farne le spese saranno le valute. Ne è convinto l’economista Fels di PIMCO, il quale a distanza di quattro mesi corregge se stesso affermando che i recenti sviluppi suggeriscono maggiore cautela.

Fels osserva come ora in realtà quasi tutte le banche centrali del mondo stiano affilando le armi in modo da arroccarsi sulle proprie posizioni.

1 – Gli Stati Uniti sono realmente decisi a imporre sia le tariffe sull’acciaio che sull’alluminio. A ciò si aggiungono le cosiddette tariffe della sezione 301 (proprietà intellettuale) su una vasta gamma di importazioni cinesi. Quella che era solo una minaccia del protezionismo americano diventerà presto realtà. Ciò pone secondo Joachim Fels una questione di teoria dei giochi nella partita per il dominio commerciale fra Usa da una parte e Asia ed Europa dall’altra. Il problema è questo. La strategia di assecondare la minaccia del protezionismo americano evitando di spingere contro l’apprezzamento delle valute nei confronti del dollaro non ha avuto successo. Cosa accadrà allora in risposta alla vera attuazione delle tariffe commerciali Usa? Si indebolirà il tasso di cambio delle valute, disattendendo le (ormai ex) aspettative di aumento dei tassi. Questo, per attutire i colpi dei dazi americani alle proprie esportazioni.

2 . Secondo Fels, la politica interna in Giappone e in Europa è diventata più probematica negli ultimi mesi. Ciò probabilmente renderà Bce e Bank of Japan ancora più cauti nell’invertire la rotta delle loro politiche accomodanti. In Giappone, recenti scandali politici hanno indebolito il consenso nei confronti di Abe. Gli investitori temono per questo che un eventuale cambio di governo possa seriamente mettere alla prova la Abenomics con le sue riforme strutturali e i suoi bassissimi tassi di interesse monetari. Questi timori hanno già portato lo yen ad apprezzarsi. Il governatore della BoJ Kuroda dal canto suo cerca di scongiurarli in ogni sua dichiarazione ufficiale.

Per quanto riguarda l’Europa, le speranze di un significativo progresso nel senso di un’unione bancaria e fiscale guidata da Germania e Francia si sono smorzate. Sia Macron che la Merkel sono impegnati sul fronte dei conflitti politici interni ai loro paesi. E minori sono i passi avanti che l’Europa compie verso l’unione bancaria e fiscale, maggiore sarà la pressione che la Bce si troverà a fronteggiare.

3 – I cicli di crescita in Europa e in gran parte dell’Asia hanno iniziato a chiudersi. Ciò sia a causa del passato apprezzamento delle valute che della politica commerciale degli Usa. Senza dimenticare il recente aumento dei prezzi dell’energia. Dopo un periodo di crescita sincrona dunque, saranno le divergenze cicliche a essere il motore dei trend delle valute.

In conclusione, contrariamente a quanto aveva affermato tre mesi fa, Fels dichiara che è in atto una guerra fredda delle valute. La Fed è apparentemente determinata a continuare ad alzare i tassi di interesse in risposta allo stimolo fiscale. Le altre banche centrali sono invece più accomodanti. In questo scenario, si potrebbe verificare un rafforzamento del dollaro. Sarà allora da vedere la reazione della Fed.

Teresa Scarale
Teresa Scarale
VUOI LEGGERE ALTRI ARTICOLI SU:
Se non vuoi mancare aggiornamenti importanti per te, registrati e segui gli argomenti che ti interessano.