PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Strategie e mercati, sguardo sereno sulla fine dell’anno

Strategie e mercati, sguardo sereno sulla fine dell’anno

Salva
Salva
Condividi
Luca Lodi
Luca Lodi

19 Dicembre 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Novembre si è rivelato un mese davvero gratificante per i mercati e il risparmio gestito ne ha cavalcato l’andamento. Da evidenziare il rally del biotech, che ha sfiorato il 12%, seguito a distanza dal pharma

Quello da poco concluso si è rivelato un mese davvero gratificante per i mercati, nonostante non siano mancate flessioni diffuse, ma prontamente recuperate. In linea di massima, i migliori risultati hanno interessato l’Europa continentale e gli Usa, ma anche l’Europa mediterranea, Italia in primis, non ha deluso. Mentre le piazze scandinave si sono mosse in prossimità dalla parità, sono stati invece i listini asiatici a cedere.

Il risparmio gestito ha ricalcato e cavalcato l’andamento dei mercati e ne ha intensificato i movimenti. La gestione attiva ha permesso infatti di ottenere ritorni sistematicamente superiori a quelli del mercato di riferimento, anche con riferimento alle aree esposte a valute diverse dall’euro, nonostante si sia deprezzato.

Top 10 categorie azionarie per perf. 1 mese – Dati al 29/11/2019

Nonostante la lira turca si sia rafforzata di circa 50 bp contro la moneta unica, l’indice di categoria del mercato turco ha messo a segno il 9,80%. Dai ranking è emerso che, a prescindere dall’area geografica, le società a medio-piccola capitalizzazione hanno sovraperformato le large cap.

Top 10 categorie azionarie settoriali per perf. 1 mese – Dati al 29/11/2019

L’overview ha mostrato un momento particolarmente positivo per la quasi totalità dei comparti focalizzati su specifici temi o settori, con variazioni anche superiori al mese precedente. Salta immediatamente all’occhio il rally del biotech, che ha sfiorato il 12%, seguito a distanza dal pharma, probabilmente interessato da dinamiche simili. IT, finanza, industria e consumi, tipicamente ciclici, figurano tra i top ten. In flessione, invece, i metalli preziosi, trascinati dall’oro che si sta raffreddando dopo mesi di corsa.

Top 10 categorie obbligazionarie per perf. 1 mese – Dati al 29/11/2019

Degne di nota anche le performance delle principali asset class obbligazionarie, in miglioramento. Il debito Usa cresce mediamente più di quello europeo e anche i comparti focalizzati sul debito cinese allungano in modo sensibile. A cedere sono stati principalmente i bond governativi a lunga scadenza dell’Eurozona. L’elevato rendimento e gli short term si sono rivelati fattori di successo.

Non si rilevano particolari novità sul fronte delle politiche monetarie, principale driver dei mercati. Negli Usa non sono previsti ritocchi ai tassi per il prossimo anno, mentre da questo lato dell’oceano il primo intervento della Lagarde si è rivelato perfettamente in linea con lo stile pacato ed accomodante del suo predecessore.

Luca Lodi
Luca Lodi
Head of R&D di Fida-Finanza Dati Analisi, coordina le attività di ricerca, sviluppo e formazione del gruppo ed è consigliere di amministrazione. Sviluppa metodologie quantitative per l’analisi di portafoglio, strumenti e mercati finanziari. Negli anni precedenti presso Adb ha gestito il settore banche dati e poi l’ufficio studi. Giornalista pubblicista scrive in particolare di mercati e strumenti finanziari, analisi di portafoglio e fintech.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Outlook e Previsioni