PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Allarme di S&P global ratings: i default in Europa possono raddoppiare

Allarme di S&P global ratings: i default in Europa possono raddoppiare

Salva
Salva
Condividi
Virginia Bizzarri
Virginia Bizzarri

20 Agosto 2020
Tempo di lettura: 7 min
Tempo di lettura: 7 min
Salva
  • Debito societario: secondo le stime di S&P,  il tasso di default delle società speculative-grade in Europa potrebbe più che raddoppiare a causa della pandemia

  • Lo shock pandemico ha portato gli analisti di S&P ad abbassare ancora una volta le loro aspettative sulla performance economica europea per il 2020 e 2021

  • I 3 scenari delineati (ottimistico, base e pessimistico) e l’incognita di un vaccino

Secondo gli economisti di S&P Global, il tasso di insolvenza delle società con rating speculativo a 12 mesi potrebbe salire in Europa all’8,5% entro giugno 2021. Oggi è al 3,35%

S&P lancia l’allarme sulla tenuta delle società europee a basso rating. Nello scenario base, delineato in un report dal titolo “Credit And Economic Deterioration Signals A Rising European Speculative-Grade Default Rate Despite Market Optimism”,  gli economisti dell’agenzia di rating statunitense prevedono che il tasso di insolvenza corporate speculative-grade a 12 mesi nel Vecchio continente salirà all’8,5% entro giugno 2021 dal 3,35% di giugno 2020. Una percentuale più che raddoppiata, che, tradotta in numeri, implicherebbe il default di 62 aziende.

Lo shock pandemico ha portato gli analisti di S&P ad abbassare ancora una volta le loro aspettative sulla performance economica europea per il 2020 e 2021. “Abbiamo inoltre assistito a un aumento del tasso di insolvenza (default) che ha raggiunto il livello più alto da diversi anni e al contestuale deterioramento della qualità del credito, probabilmente il più pronunciato di sempre” scrivono gli esperti, sottolineando che, tuttavia, “di recente il ritmo della discesa sul fronte economico e creditizio sta rallentando, mentre la Bce ha ampliato il Peep (Pandemic Emergency Purchase Program) e l’UE ha presentato un nuovo, massiccio piano di stimolo fiscale per il debito, che include l’emissione congiunta di debito tra i sovrani e una grande quantità di prestiti a fondo perduto”.

I 3 scenari e l’incognita del vaccino

Allo scenario base, in cui è previsto un tasso di default all’8,5% (l’equivalente di 62 società insolventi) se ne affiancano altri due agli estremi (Grafico 1). Da un lato, nello scenario ottimistico, gli economisti di S&P prevedono una lieve crescita del tasso di default, a quota 3,5% entro giugno 2021 (equivalente a 26 default). Al contrario, nello scenario pessimistico, il tasso di default è atteso all’11,5% (pari a 84 default).

European Speculative-Grade Default Rate - 3 scenari
Grafico 1. European Speculative-Grade Default Rate - 3 scenari (Fonte: S&P Global Ratings Research)

Ma la variabile decisiva nel determinare lo scenario rimane quella  legata alla tempistica di un vaccino. “Sebbene il contesto economico e di mercato sia in qualche modo migliorato, i rischi prevarranno finché non si troverà un vaccino contro il Covid-19, il che porta ancora una volta ad un’ampia gamma di possibili risultati” scrivono gli analisti,  aggiungendo che “l’ampio sostegno monetario e fiscale potrebbe ridurre i default nel breve termine ma, con i ricavi in calo, la percentuale di emittenti CCC/C è aumentata notevolmente, accrescendo il rischio di default” e “se combinato con un sostegno continuo, questo potrebbe portare ad un periodo prolungato di tassi di default superiori alla media, piuttosto che al tipico comportamento ciclico”.

Virginia Bizzarri
Virginia Bizzarri
Condividi l'articolo