PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Rapporto Oxfam: ricchezza privata e bene pubblico

21 Gennaio 2019 · Teresa Scarale · 3 min

  • Nel solo 2018, la ricchezza dei ricchissimi è aumentata di oltre 900 miliardi di dollari, ossia 2,5 miliardi al giorno

  • Nel 2018 26 persone detenevano lo stesso ammontare di ricchezza dei 3 miliardi e 800 milioni di persone meno abbienti del pianeta

  • Il valore del lavoro femminile non pagato è pari a 43 volte il turnover annuale di una società come Apple

Mentre Davos apre i battenti, il rapporto Oxfam sciorina i dati sulla sempre maggiore polarizzazione della ricchezza mondiale, fra disuguaglianze geografiche, di genere e fiscali

Rapporto Oxfam
Fonte Oxfam Report

Negli ormai più di dieci anni che ci separano dalla crisi del 2008, il numero di UHNWI (Ultra High Net Worth Individuals) è quasi raddoppiato. Nel solo 2018, la ricchezza dei ricchissimi è aumentata di oltre 900 miliardi di dollari, ossia 2,5 miliardi al giorno. E il periodo 2017/2018 ha visto la “nascita” di un nuovo ultra miliardario ogni due giorni. Contestualmente, il patrimonio del 50% più povero dell’umanità è calato dell’11%. Sono i primi dati che colpiscono del rapporto Oxfam, appena pubblicato.

La polarizzazione della ricchezza nei numeri del rapporto Oxfam

La concentrazione dei patrimoni è in aumento. Basti pensare che nel 2018 meno di 30 persone (26, per l’esattezza) detenevano lo stesso ammontare di asset dei 3 miliardi e 800 milioni di persone che costituiscono la metà più povera dell’umanità. E si tratta di un trend crescente di concentrazione: l’anno prima, nel 2017, la punta “dell’iceberg d’oro” era pari a 46 persone. Il rapporto Oxfam cita, a titolo di esempio, il caso di Jeff Bezos, il proprietario di Amazon, il cui conto in banca è aumentato di 112 miliardi di dollari. Basterebbero l’1% dei suoi denari per coprire l’intero budget sanitario per l’Etiopia.

Donne e uomini

La concentrazione mondiale della ricchezza però non ha solo il colore della geografia e delle nazionalità, ma anche quello del genere sessuale. Negli Usa, per esempio, un uomo bianco ricco possiede 100 volte di più rispetto ad una donna di origini ispaniche. A livello globale, le donne guadagnano il 23% in meno rispetto alla controparte maschile e gli uomini possiedono il 50% in più della ricchezza globale rispetto all’altra metà del cielo. Secondo i calcoli del rapporto, se il lavoro femminile prestato gratuitamente fosse invece fornito da una sola impresa, questa avrebbe un turnover annuale pari a 43 volte quello della Apple.

In Italia

A giugno 2018 il 20% più ricco tra gli italiani possedeva all’incirca il 72% dell’intera ricchezza del Belpaese. Scalando ulteriormente la classifica, il 5% più ricco possedeva da solo della stessa quota di ricchezza posseduta dal 90% più povero.

Le disparità fiscali
Il Royal Nairobi Golf Club di fianco alla baraccopoli Kibera
Teresa Scarale
Teresa Scarale
VUOI LEGGERE ALTRI ARTICOLI SU: