PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Prestiti bancari: si alle famiglie, no alle imprese

Prestiti bancari: si alle famiglie, no alle imprese

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

11 Febbraio 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • A dicembre 2020 i prestiti alle famiglie hanno registrato un’accelerazione del 2,6% annuo

  • I prestiti netti al settore privato sono cresciuti dello 0,1% sui dodici mesi. Frena però la crescita dei depositi del settore privato

L’ultima fotografia di Bankitalia sui prestiti bancari alle famiglie e alle imprese. Con una sorpresa: i tassi leggermente in aumento

Nell’ultimo mese del 2020 i prestiti alle famiglie hanno registrato un’accelerazione del 2,6% annuo. Quelli alle imprese invece non finanziarie sono calati dell’1,9%: dato in lievissimo miglioramento rispetto a novembre, quando il calo era del 2% sull’anno. La fotografia, diramata in data 11 febbraio 2020, è della Banca d’Italia.

I prestiti netti al settore privato sono cresciuti dello 0,1% sui dodici mesi. Frena però la crescita dei depositi del settore privato: a dicembre sono cresciuti del 5,3% sui dodici mesi, contro il 7,6% in novembre. La raccolta obbligazionaria è diminuita dell’1,5% sullo stesso periodo dell’anno precedente contro un aumento del 2,3% in novembre.

Prosegue poi il calo delle sofferenze che a dicembre sono diminuite del 17,3% sui dodici mesi (in novembre la riduzione era stata del 23,5%).

I tassi di interesse si mantengono su livelli bassi. I tassi di interesse sui prestiti erogati nel mese alle famiglie per l’acquisto di abitazioni, comprensivi delle spese accessorie, si sono collocati all’1,78%, in linea con l’1,76% di novembre, mentre quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo al 7,60%. I tassi di interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie sono stati pari all’1,37% (1,29% in novembre).

Invece quelli sui nuovi prestiti di importo fino a un milione di euro sono stati pari all’1,85%, mentre quelli sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia si sono collocati all’1,06%. I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono stati pari allo 0,37%.

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
Se non vuoi mancare aggiornamenti importanti per te, registrati e segui gli argomenti che ti interessano.
ALTRI ARTICOLI SU "Outlook e Previsioni"
ALTRI ARTICOLI SU "Bankitalia"
ALTRI ARTICOLI SU "Imprese"