PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Pnr Gualtieri: investimenti strutturali e nessun condono

Pnr Gualtieri: investimenti strutturali e nessun condono

Salva
Salva
Condividi
Teresa Scarale
Teresa Scarale

06 Luglio 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • All’Italia spetterebbero 172,7 miliardi di euro dal recovery fund. Il condizionale è però d’obbligo, perché il Paese deve presentare a Bruxelles un progetto credibile di riforme strutturali

  • Non vi è tempo da perdere, e le notevoli risorse che l’Unione europea ha messo in campo devono essere utilizzate al meglio”, dichiara Gualtieri

  • Il piano mira a un tasso di investimenti pubblici superiore al 3% del Pil (nel 2019 era il 2,3%). In particolare, saranno rafforzati gli investimenti in telecomunicazioni, ferrovie, strade, ponti, aeroporti, porti e inter modalità

Il piano nazionale di riforme (Pnr) del ministro dell’economia Roberto Gualtieri disegna il fondo di ripresa italiano, quello che il governo presenterà all’Ue per ottenere gli aiuti del Next generation Ue. Quasi 173 miliardi, di cui 82 (forse) a fondo perduto. Ma per ottenerli serve un programma credibile di rimessa a nuovo dell’Italia

Recovery fund, Next generation Ue, dove eravamo rimasti? Al punto che all’Italia spetterebbero 172,7 miliardi di euro, la quota più alta rispetto a tutti gli altri membri Ue. Il condizionale però è d’obbligo: non c’è accordo unanime in sede europea. E affinché si approvi il fondo di ripresa (ribattezzato da Ursula Von der Leyen Next generation Ue) serve l’unanimità. In gioco, c’è il futuro stesso del senso dell’Ue. La sfida è quella di creare una capacità fiscale (e non più solo monetaria) europea, per battere gli effetti della crisi pandemica. Prima ancora di arrivare alla votazione finale però, è necessario che l’Italia presenti un piano economico di risanamento e investimenti strategici. “Perché è cruciale che la prossima volta l’Italia sia in grado di rispondere a una crisi da sola”, per dirla con le parole del premier olandese Mark Rutte.

La necessità di un piano nazionale di riforma (Pnr) per essere credibili agli occhi dell’Europa

Lo sa bene Gualtieri, per il quale è “assolutamente necessario evitare che la crisi pandemica sia seguita da una depressione economica. Non vi è tempo da perdere, e le notevoli risorse che l’Unione europea ha messo in campo devono essere utilizzate al meglio”. Lo scrive il Corriere della Sera, riferendo le parole del ministro sul suo programma nazionale di riforma (Pnr), 138 pagine allegate al Def (documento di economia e finanza, in tempi “normali” emesso ad aprile).

È a ottobre che Roberto Gualtieri vuole presentare a Bruxelles la versione italiana del piano di ripresa. Ma cosa contiene il piano? L’obiettivo di un tasso di investimenti pubblici superiore al 3% del Pil (nel 2019 era il 2,3%). In particolare, saranno rafforzati gli investimenti in telecomunicazioni, ferrovie, strade, ponti, aeroporti, porti e inter modalità. L’ambizione è quella di collegare Roma a tutte le parti del Paese in non più di quattro ore e mezza di viaggio. Un capitolo importante sembra destinato all’incremento della spesa per ricerca e istruzione, con l’introduzione, entro due anni, della fibra ottica in tutte le scuole statali. Per aumentare competitività, equità, sostenibilità.

Le linee strategiche del Pnr passano da modernizzazione, transizione ecologica, inclusione sociale e territoriale, parità di genere. Tra gli obiettivi del piano vi è la realizzazione di “un Paese completamente digitale”. A tal fine, si prevede un contributo fra 200 e 500 euro alle famiglie per le connessioni veloci e l’acquisto di tablet e pc. La quota di 500 euro è destinata a nuclei con reddito inferiore a 20.000 euro; con Isee superiore, il contributo scende a 200.

Il Mes, capienza perfetta per le spese sanitarie

Per quanto riguarda il potenziamento della sanità, il fabbisogno è stimato in 32 miliardi di euro. Poco meno dei 36 miliardi offerti dal Mes (Meccanismo europeo di stabilità). A tal proposito Gualtieri afferma che il governo valuterà tutte le “opzioni di finanziamento” Ue “alla luce di considerazioni di merito e di impatto finanziario”. Dalle pagine di Repubblica, il segretario generale del fondo salva-Stati, Nicola Giammarioli, ricorda che, con gli attuali tassi di interesse sotto zero, l’Italia si troverebbe a restituire una cifra inferiore a quella presa a prestito.

Green Ilva, nessun condono fiscale. E spunta una stretta sulla quota 100

Gualtieri conferma poi il “rilancio” dell’Ilva in salsa verde, “decarbonizzata”. Ci sarà inoltre “una riforma complessiva della tassazione diretta e indiretta” (Irpef e Iva), con la riduzione delle aliquote effettive sui redditi da lavoro” e favorendo “i ceti medi e le famiglie con figli”.

Non sono però previsti condoni. Il ministro poi specifica che le risorse per sostenere gli investimenti del settore pubblico arriveranno anche dalla lotta all’evasione, nonché da una revisione della spesa pubblica. A tal proposito, sui prepensionamenti con quota 100, in scadenza a fine 2021, il governo “valuterà le scelte in materia alla luce della sostenibilità anche di lungo periodo del sistema previdenziale e del debito pubblico”.

La riuscita degli scopi prefissi nel Pnr di Gualtieri dipenderà però dalle riforme strutturali che l’Italia saprà mettere in campo. Per questo motivo, il Consiglio dei ministri ha approvato nella notte fra il 6 e il 7 luglio il decreto legge Semplificazioni, “salvo intese”.

Teresa Scarale
Teresa Scarale
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Outlook e Previsioni coronavirus Italia
ALTRI ARTICOLI SU "Outlook e Previsioni"
ALTRI ARTICOLI SU "coronavirus"
ALTRI ARTICOLI SU "Italia"