PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Brent a 60 dollari: la rivalsa dell’ultimo della classe

Brent a 60 dollari: la rivalsa dell’ultimo della classe

Salva
Salva
Condividi
Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani

08 Febbraio 2021
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Il Brent dai minimi di aprile (16 dollari al barile) è stato protagonista di un recupero molto robusto che lo ha portato ai livelli pre covid (60 dollari al barile)

  • Secondo Gaetano Evangelista, amministratore unico di Age Italia, questo rialzo è stato imputabile in un primo momento a importazioni cinesi e acquisti da parte degli hedge fund

  • Storicamente quando un’asset class è l’ultima della classe per due anni consecutivi al terzo consegue dei robusti rimbalzi sovraperformando l’indice generale

Importazioni cinesi, hedge fund ed ora ripresa economica hanno riportato il Brent ai livelli pre-crisi. I 70 dollari a barile non sono un miraggio e, comunque, investire nell’ultimo della classe conviene (quasi) sempre

Dall’inferno non si torna. Eppure il Brent da aprile, quando il prezzo sul future di maggio è sconfinato in territorio negativo, è riuscito nell’impresa tornando a quello che con il senno di poi ed anche di allora è un paradiso. Il Brent a meno di un anno dallo scoppio del covid è ritornato sopra i 60 dollari al barile. Nessuno allora ci avrebbe creduto: all’incertezza circa la ripresa economica si è sommato in autunno la certezza di un futuro ad energia alternativa. Ma sui mercati quando la stampa arriva ad annunciare la morte di un’asset class, spesso è il momento di investirci.

Le due fasi della corsa del petrolio

La corsa del petrolio ai 60 dollari al barile secondo Gaetano Evangelista, amministratore unico di Age Italia e socio di Siat, ha avuto due fasi e tre attori distinti.  A risollevare il prezzo del greggio inizialmente sono state le importazioni cinesi. “Le importazioni cinesi di petrolio tra maggio e luglio sono cresciute del 25% su base annua: il ritmo più sostenuto degli undici anni” osserva Evangelista che spiega che da parte di Pechino ci sia stata, perfettamente in linea con la sua politica anticiclica, un’accumulazione di scorte anche per uso differito. Tant’è che l’accelerazione estiva a buon mercato si è trasformata, man mano che i prezzi salivano, in decelerazione invernale: “il volume di petrolio detenuto da Pechino a fine 2020 è risultato essere del 8% inferiore rispetto a fine 2019”. Anche la componente finanziaria e speculativa è andata a due velocità: investire quando il prezzo è basso per ridurre l’esposizione quando si alza. “Gli hedge fund, pur rimanendo nella parte lunga del mercato,hanno diminuito nelle ultime settimane la loro esposizione al petrolio. La quota di mercato è passata dal 28% al 20,9% nel giro di sei mesi” continua Evangelista. A cosa è dovuto dunque il rialzo del prezzo del petrolio di queste settimane, in aumento da inizio febbraio di quasi il 10%?

Il Brent mette nel mirino i 70 dollari

Essenzialmente all’aumento della domanda globale, riflesso di una ripresa economica più virtuosa del previsto. “Il numero delle economie in condizione di espansione economica – il che significa tecnicamente avere un leading indicator sopra i 100 punti – è aumentato. Ad oggi tra le prime 38 economie dell’OECD 16 sono in espansione” spiega Evangelista che sottolinea che buone notizie dovrebbero arrivare dalle trimestrali americane: il monte utile delle società americane è previsto essere superiore rispetto a quello di fine 2019. “Lo scenario tecnico è dunque confortante. È presumibile già nei prossimi giorni un prezzo del petrolio a 64 dollari che potrebbe superare i 70 dollari per barile con l’inizio della primavera, allorché il ciclo economico dovrebbe conoscere un culmine”

La statistica e i giornali sono dalla parte del petrolio

Oltre alle motivazioni che hanno spinto il petrolio verso i 60 dollari secondo Evangelista ci sono altre considerazioni, statistiche e non, che supportano una visione rialzista. L’Energy nel 2020 è risultato il peggiore per performance degli undici sottoindici S&P, per il terzo anno di fila: con saldi sequenziali del -20.5, +7.6 e -37.3 percento. Lo scostamento nel 2020 fra il primo della classe – la tecnologia – e l’ultimo ha sfiorato gli 80 punti percentuali. Tuttavia la statistica è dalla parte del comparto energetico. Scommettere sull’ultimo della classe dei due anni precedenti l’anno successivo, nel 76% dei casi, permette di guadagnare mediamente il 16,7% annuo. Infine quando il pronunciamento a favore delle fonti di energia rinnovabili riecheggia le copertine drammaticamente scettiche dei giornali, come è capitato in autunno quando l’Economist “ha provato a dare il bacio della morte alle fonti di energie tradizionali”, quest’ultime resuscitano. Era già capitato nel marzo 1999 e nell’ottobre 2003: in entrambi i casi seguirono rialzi pluriennali di prezzo.

Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Outlook e PrevisioniPetrolio