PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Outlook Bli: Pe ratio in salita, attenzione

Salva
Salva
Condividi
Teresa Scarale
Teresa Scarale

30 Aprile 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • All’inizio di aprile l’Msci World index in euro ha superato il picco che aveva raggiunto a fine settembre 2018. Ma i volumi sono stati bassi

  • I mercati azionari ed obbligazionari stanno dando segnali opposti circa l’andamento prossimo futuro dell’economia. Chi vincerà?

  • Le politiche delle banche centrali dicono che un aumento dei tassi non è in agenda. Bisogna allora guardare agli utili attesi per capire lo stato di salute del mercato azionario

  • La “bacchettata” a Etf e fondi indicizzati: è da preferire la gestione attiva, ecco perché

Il severo outlook trimestrale di Bli (Banque de Luxembourg Investments S.A.) evidenzia le incongruenze dello scenario macroeconomico e di mercato attuale. Nuvolosità che potrebbero portare alla tempesta?

Il rally dei mercati azionari nel primo trimestre? Dovuto alla svolta accomodante della Fed. In realtà l’attuale divergenza fra prezzi delle azioni in salita e utili al ribasso non potrà che avere esiti spicevoli. Non è tenero l’outlook trimestrale di Bli, Banque de Luxembourg Investments S.A.

L’outlook di Bli, foschia all’orizzonte

I mercati

Il balzo del primo trimestre 2019 ha pareggiato in toto le perdite di fine 2018 (superiori al 20%). All’inizio di aprile poi l’Msci World index in euro ha superato il picco che aveva raggiunto a fine settembre 2018. Ma i volumi sono stati bassi. Il che suggerisce che la maggior parte degli investitori non ha preso parte all’euforia degli scambi. Si è inoltre assistito alla prolungata sottoperformance dei finanziari, mentre quella dei difensivi e dei titoli di qualità è stata maggiore.

Il tempismo della Fed

La determinante principale del sobbalzo azionario è stata però la modifica di rotta della Fed. I fatti dimostrano sempre più che la soglia di tolleranza delle banche centrali agli stress di mercato è bassissima. Così, le precedenti mosse aggressive della Fed avevano suscitato nel 2018 un forte ritorno della volatilità, causando poi “l’inversione ad U” della banca centrale americana e convincendo gli operatori di mercato della sua efficace capacità d’azione. Il consenso ora è convinto che la Fed procederà con l’abbassamento dei tassi, anche se non tutti sono d’accordo.

outlook bli

Azioni e obbligazioni in “disaccordo”

L’aumento degli indici azionari sembra suggerire un aumento dell’inclinazione al rischio da parte degli investitori, non essendo supportato dalla performance delle altre asset class. Secondo l’outlook di Bli, il mercato azionario suggerisce una stabilizzazione della crescita se non addirittura un’accelerazione. Dal canto loro, i rendimenti delle obbligazioni governative di qualità hanno continuato a premere verso il basso e lo spread fra bond sovrani e corporate ha smesso di assottigliarsi, suggerendo un aumentato rischio di credito per le imprese. Aspetti che secondo gli analisti sono collegati a un deteriorarsi del contesto economico. La storia però suggerisce che “quando queste due asset class sono in disaccordo, sono le obbligazioni generalmente ad avere ragione”.

outlook bli

Il punto chiave dell’outlook Bli: la divergenza fra prezzi delle azioni e utili attesi

La divergenza attuale è marcata. Le politiche delle banche centrali mostrano che un aumento dei tassi non è in agenda. Bisogna allora guardare agli utili attesi per capire lo stato di salute del mercato azionario. Di nuovo, la storia insegna che ai cicli di restringimento monetario Usa ha fatto sempre seguito
un periodo di contrazione degli utili. La crescita degli utili infatti è una funzione dell’aumento dei ricavi di vendita e dei margini di profitto. Ma l’espansione delle vendite sembra limitata dalla debole crescita globale, come del resto i profitti, ormai a livelli troppo elevati per poter crescere ancora.

I fondi indicizzati: meglio la gestione attiva (Esg)

Continua il successo dei fondi passivi, anche se non sarebbe proprio il momento indicato per sceglierli. Il motivo è che molto spesso questi fondi sovrappesano le azioni costose e sottopesano quelle con valutazioni più convenienti a causa dei loro indici basati sulla capitalizzazione di mercato. Secondo gli analisti che hanno redatto l’outlook di Bli, i fondi indicizzati in tal modo sarebbero dunque da scegliere alla fine di una fase di mercato bearish. Non l’attuale, quindi. Solo l’approccio attivo nel contesto attuale potrebbe fornire le risposte più remunerative. Inoltre, molti dei fondi indicizzati investono in attività controverse quali la produzione delle mine anti-uomo, società coinvolte nella violazione dei diritti umani, ecc.

outlook bli esg

L’outlook macroeconomico

Bli ribadisce il rallentamento in atto nell’economia globale e lo imputa alle tensioni CinaUsa. Gli Stati Uniti stanno però vivendo il record del decimo anno consecutivo di espansione dal Dopoguerra, con il mercato del lavoro che non è mai stato così in salute da almeno 40 anni a questa parte. Inoltre i bassi tassi di interesse sui mutui dovrebbero favorire il mercato immobiliare. L’atteggiamento dovish della Fed pare allora una risposta ai rischi che pure gravano sul futuro dell’economia locomotiva del mondo: il disastroso stato delle finanze pubbliche, il debito record del settore corporate, le crescenti disuguaglianze sociali, l’atmosfera politica avvelenata e le spinose relazioni internazionali.

In Europa si segnala invece la debolezza industriale dovuta alla dipendenza dalla domanda estera. Il mercato del lavoro però non è ha risentito. Molto dipenderà dall’esito dei negoziati fra Cina e Usa e sulle successive mosse di questi ultimi nei confronti del continente europeo. Ad ogni modo, sarà la Germania per prima a fare le spese del rallentamento globale degli scambi.

outlook bli
Teresa Scarale
Teresa Scarale
caporedattore
Condividi l'articolo
Se non vuoi mancare aggiornamenti importanti per te, registrati e segui gli argomenti che ti interessano.
ALTRI ARTICOLI SU "Outlook e Previsioni"
ALTRI ARTICOLI SU "Azionari internazionali"
ALTRI ARTICOLI SU "Obbligazionari Governativi"