PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Obbligazioni, ultima frontiera 2019. Parla Gam Investments

08 Gennaio 2019 · Teresa Scarale · 3 min

  • L’unica cosa che conta è il premio al rischio

  • Gli emergenti vedranno un nuovo balzo nei flussi dei capitali

  • Opportunità anche nel real estate, ma con prudenza

La questione dei picchi e degli avvallamenti dei mercati non interessa Gam Investments, che investe sistematicamente. Così, fra tassi in aumento e dollaro con meno slancio ecco una mappa per orientarsi fra le obbligazioni nel 2019

Obbligazioni 2019

Dopo il picco, un premio?

Quello che conta, secondo Gam, è solo il premio al rischio. Un paesaggio di picchi e avvallamenti dei mercati non interessa a chi, come loro, si occupa di investimenti sistematici. Ciò che conta sono i dati e le informazioni. A ribadirlo è Lars Jaeger, head of Alternative risk premia di Gam Investments. “Noi traiamo rendimento dai mercati finanziari indipendentemente dalla direzione delle asset class tradizionali. Ci mettiamo dunque di fronte al 2019 nello stesso modo in cui attendevamo il 2018, chiedendoci dove sono i nostri premi per il rischio. Continuano a essere presenti sul mercato, e probabilmente sarà ancora così in futuro. E noi ne beneficeremo”.

Le obbligazioni emergenti nel 2019

La non rilevanza del picco di mercato riguarda pure i mercati emerging. Lo afferma Paul McNamara, direttore degli investimenti per le strategie Local bond emerging markets di Gam Investments. Il gestore dice che il concetto di picco attiene più ai mercati sviluppati che a quelli emergenti e di frontiera, caratterizzati da maggiore volatilità. Per i mercati emergenti, non ci si aspetta un rialzo dei tassi nel 2019, come ci si aspetta (o ci si aspettava…) per i mercati sviluppati. Ricomincerà invece auspicabilmente un afflusso di capitali, dato che gli emergenti secondo alcuni non hanno mai vissuto due anni consecutivi di perdite.

Il real estate: pronti per l’eventuale recessione

Gli Mbs (mortgage backed securities), i titoli garantiti da ipoteca, presentano prospettive al momento positive. L’esposizione di Gam nel credito resta comunque su livelli di sicurezza, in vista del potenziale rallentamento dell’economia. Gary Singleterry, responsabile delle strategie Mbs total return di Gam Investments ritiene che il mercato immobiliare e il mercato del credito ipotecario sopravvivranno molto bene. Il motivo è che si è imparata la lezione dalla crisi del 2008. Per lo meno, non sarà il settore dei mutui ipotecari la causa scatenante della prossima.

Le Banche Centali

Il 2018 è stato un anno piuttosto difficile per la maggior parte delle asset class.Il motivo è il rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve. “In futuro credo che le prospettive dei mercati saranno influenzate dall’operato
delle principali banche centrali. Crediamo che la crescita abbia raggiunto il picco, ma la disoccupazione e la capacità inutilizzata sono contenute”.  Ad affermarlo è Adrian Owens Investment Director obbligazioni e valute di Gam Investments.  Le banche centrali punteranno in genere alla stretta monetaria, lasciandosi alle spalle gli approcci accomodanti. In tale contesto il gestore prevede che il 2019 “sarà un altro anno difficile per molte asset class tradizionali”.

 

Teresa Scarale
Teresa Scarale
Se non vuoi mancare aggiornamenti importanti per te, registrati e segui gli argomenti che ti interessano.