PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Mercati, a ottobre equity in spolvero e bond in stand by

Mercati, a ottobre equity in spolvero e bond in stand by

Salva
Salva
Condividi
Luca Lodi
Luca Lodi

22 Novembre 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Il mese di ottobre si archivia con due importanti eventi: il passaggio di testimone al vertice della Bce e la sforbiciata ai tassi Usa. Sui mercati, l’azionario porta a casa risultati talvolta anche importanti, mentre sulle porzioni di obbligazionario qualche ritracciamento contribuisce a raffreddare la febbre dei mercati

La cronaca racconta di un ottobre relativamente tranquillo e privo di scossoni, in linea con il mese precedente e che, congiuntamente, permette di concludere un bimestre complessivamente positivo per i portafogli diversificati. Mentre le principali asset class azionarie portano a casa risultati talvolta anche importanti, sulle porzioni di obbligazionario qualche ritracciamento contribuisce a raffreddare la febbre dei mercati.

Interessanti le dinamiche sul forex, che contribuiscono in misura significativa a disegnare le classifiche del mese. Gli attivi esposti alla sterlina inglese, infatti, registrano allunghi diffusi, così come quelli coperti in euro.

Dal punto di vista geografico, le aree interessate dai risultati migliori sono il Brasile, che trascina tutti i comparti esposti al Sudamerica, l’Europa dell’est e il Giappone.

Top 10 categorie azionarie per perf. 1 mese – Dati al 31/10/2019
Top 10 categorie azionarie per perf. 1 mese – Dati al 31/10/2019

L’overview per temi e settori evidenzia il ritorno delle biotecnologie e del farmaceutico tra i comparti maggiormente performanti, dopo un trimestre contrassegnato da gravi affondi. I titoli finanziari europei proseguono spediti sulla scia già tracciata, mentre per gli energetici e le utility si sta verificando un ritracciamento successivamente al boom degli ultimi mesi.

Mercati, a ottobre equity in spolvero e bond in stand by
Top 10 categorie azionarie settoriali per perf. 1 mese – Dati al 31/10/2019

Il confronto tra gli indici di borsa e quelli di categoria consente di rilevare le variazioni più contenute registrate dal gestito e permette di individuare una lieve sovraperformance delle large cap.

La quota obbligazionaria potrebbe aver subito qualche storno nel corso di ottobre, soprattutto per quella quota esposta a valute diverse dall’euro. Buoni i ritorni sul debito degli emergenti, cinese in primis. Le scadenze brevi e i rendimenti elevati, in ogni caso, danno soddisfazioni.

Mercati, a ottobre equity in spolvero e bond in stand by
Top 10 categorie obbligazionarie per perf. 1 mese – Dati al 31/10/2019

Ottobre si archivia con due importanti eventi

Il 1° riguarda passaggio di testimone al vertice della Bce, dove Mario Draghi, dopo otto anni di servizio, cede il passo a Christine Lagarde. Si chiude un’era contraddistinta da un personaggio forte, oggetto di giudizi piuttosto variegati, a cui va comunque riconosciuto un ruolo in prima linea sulla scena dell’ultimo decennio, quantomeno per aver sdoganato misure di politica monetaria decisamente fuori dall’ordinario. Strumenti, questi, che se da un lato hanno impatto incerto sull’economia reale, dall’altro è inconfutabile il risvolto in termini di sostegno ai mercati. Il mandato della Lagarde pare avere la strada già tracciata grazie alle manovre poste in essere da Draghi al novantesimo minuto.

Il 2° fatto concerne invece la sforbiciata ai tassi Usa – la terza dell’anno – che ora si collocano tra l’1,5% e l’1,75%. È ora possibile, però, che la serie di tagli sia giunta alla fine: dalla documentazione ufficiale è infatti sparito il proposito di sostenere l’espansione economica e, confermata la diagnosi di crescita moderata, l’assetto attuale pare indicato fino a nuovi mutamenti di scenario.

Novembre, pur non ancora concluso, pare procedere su basi solide e ha tutte le carte in regola per avviarsi alla fine con successo. Le analisi parziali sul gestito fanno apprezzare allunghi diffusi su quasi tutte le principali asset class, e questo nonostante il complessivo indebolimento in atto sulla moneta unica. La gestione attiva sta consentendo, infatti, di ottenere performance frequentemente superiori all’indice di mercato di riferimento, soprattutto grazie all’investimento sulle small cap. Sui comparti obbligazionari si rilevano recuperi sparsi che coinvolgono i convertibili, i mercati Usa in generale, short term e gli high yield.

Luca Lodi
Luca Lodi
Head of R&D di Fida-Finanza Dati Analisi, coordina le attività di ricerca, sviluppo e formazione del gruppo ed è consigliere di amministrazione. Sviluppa metodologie quantitative per l’analisi di portafoglio, strumenti e mercati finanziari. Negli anni precedenti presso Adb ha gestito il settore banche dati e poi l’ufficio studi. Giornalista pubblicista scrive in particolare di mercati e strumenti finanziari, analisi di portafoglio e fintech.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Outlook e Previsioni