PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Lo spettro di marzo aleggia sui mercati: borse a rischio contagio?

Lo spettro di marzo aleggia sui mercati: borse a rischio contagio?

Salva
Salva
Condividi
Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani

29 Ottobre 2020
Tempo di lettura: 5 min
Tempo di lettura: 5 min
Salva
  • In Europa e negli Stati Uniti si è entrati nella seconda ondata. I governi che non hanno già optato per nuovi lockdown lo stanno per fare

  • I mercati stanno scontando quest’ipotesi, con i principali indici sia statunitensi che europei che in due settimane hanno perso circa l’8% del loro valore. Corrono invece i mercati emergenti, in particolare Cina, Corea e Taiwan

  • Gli investitori si devono preparare al peggio? Secondo Mauro Vicini e Filippo Diodovich non si assisterà ai crolli di marzo

I casi di covid-19 aumentano giorno per giorno e impongono alle autorità di almeno considerare l’ipotesi di nuovi lockdown. I mercati resisterebbero a una nuova stretta o sarebbero trascinati giù insieme all’economia?

La seconda ondata è arrivata e nuovi lockdown da lontana ipotesi stanno diventando realtà. Se i più non hanno un buon ricordo di quei mesi, ancora meno lo devono avere gli investitori, allorché i loro portafogli, sulla falsa riga dei mercati, perdevano dal 20% al 40% in pochi giorni. In queste settimane di ansia per salute e lavoro su molti aleggia dunque anche lo spettro di dovere sperimentare nuovamente quella tremenda ansia borsistica. Guardando ai ribassi degli ultimi giorni c’è da credere che molti siano di questa opinione e stiano smobilizzando le proprie posizioni prima che sia troppo tardi. Ma è davvero possibile che gli attuali ribassi autunnali assumano l’entità dei tonfi di inizio primavera?

Panoramica sui mercati

A confermare che i ribassi siano originati dalla paura epidemica è Mauro Vicini, responsabile operativo di The Intermonte Eye. (A parte la Cina) nessuno si salva. Negli Stati Uniti dai massimi di inizio ottobre il Dow Jones ha perso l’8%, lo S&P500 il 7,5%, e il Nasdaq il 7,3%. Lo stoxx 600 in contrazione del 8,2%. Piazza affari del 9,2%, seguita da Cac 40 (-8,2%),  Ftse 100 (-7,2%). Il dax 30 subisce le perdite più pesanti (-12%). Perdite molto più contenute sui listini asiatici. Lo SSE composite perde il 2,7%, lo Hsi guadagna addiritura lo 0,1%. Come nota Vicini l’andamento borsistico sta rispecchiando quello epidemico. Nelle parti del mondo in cui l’epidemia è sotto controllo, gli indici azionari stanno crescendo “nella giornata di mercoledì Il MSCI Emerging Markets ha segnato un -1,1%, mentre il MSCI World era in contrazione del 2,9%. Si sta assistendo dunque ad uno scollamento tra i listini europei e quelli asiatici” afferma Vicini che analizza: “si esce dai mercati europei dove il rischio di nuovi lockdown è concreto e ci si ripara in direzione oriente, soprattutto in Cina, mentre negli Stati Uniti i mercati aspettano di capire cosa accadrà il 3 novembre e nel caso di vittoria dei democratici se arriveranno i 2000 miliardi promessi da Biden”.

Anche allargando l’orizzonte temporale il quadro non cambia. “Da inizio anno le performance dei mercati europei sono negative, con l’euro Stoxx che ha perso circa il 20%. Mercati come Cina e Taiwan sono invece ampiamente in territorio positivo. Si tratta di un fatto epocale” aggiunge Vicini che sottolinea, ad evidenza dell’ingente liquidità che circola nella terra del dragone, come il 5 novembre ci sarà l’IPO di Ant Group, il braccio dei pagamenti digitali di Alibaba, preannunciata come la più grande quotazione della storia. Infine con riguardo alle materie prime, secondo Vicini, il petrolio, sebbene ritornato ai livelli di tre mesi fa, non è destinato a subire le contrazioni conosciute a marzo, quando il prezzo del Brent scese del 55%. Sull’oro invece, sceso in questi giorni nonostante i ribassi azionari, ci si inizia a chiedere se il prezzo è più su livelli di vendita che di acquisto.

Crollo in vista?

Cosa aspettarsi dunque per i prossimi mesi? Si rischia una situazione come quella di marzo? Secondo Vicini la risposta è no. Sebbene c’è da mettere in conto che si va verso l’inverno e quindi c’è il pericolo di una maggiore diffusione del virus, passi avanti sono stati fatti nel trattamento dei casi più severi e, secondo molti, un vaccino è in dirittura d’arrivo. Senza trascurare che c’è un presidio molto forte delle autorità, pronte a stanziare nuove misure a protezione dell’economia. Del medesimo parere è Filippo Diodovich, senior strategist di Ig Italia.  “Le principali differenze rispetto a marzo sono basate sul fatto che conosciamo molto meglio il covid-19 rispetto a 9 mesi fa, che la corsa al vaccino sembra essere vicina a una conclusione e che da un punto di vista economico le banche centrali e i governi hanno lanciato delle misure di difesa e di protezione della stabilità finanziaria (ad esempio il piano PEPP della Bce). Per queste ragioni i mercati dovrebbero evidenziare delle performance migliore rispetto al passato”.

Intanto a conferma dell’analisi di Vicini, anche oggi le borse europee hanno chiuso il loro quarto giorno consecutivo in territorio negativo. Le perdite sono minime rispetto al giorno precedente e sono prossime allo zero per cento. Segno di ripresa per gli indici americani. S&P500 e Nasdaq sopra il 2% a metà giornata di contrattazione.

Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani
Condividi l'articolo