PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

La ricchezza è sinonimo di benessere e tranquillità

La ricchezza è sinonimo di benessere e tranquillità

Salva
Salva
Condividi
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello

27 Luglio 2018
Salva
  • Il 63% degli intervistati identifica la ricchezza con la tranquillità, mentre il 54% con la felicità

  • Molti intervistati hanno dichiarato come la loro “definizione” di ricchezza si sia evoluta con il passare degli anni

Secondo la ricerca “The why of wealth” pubblicato dal Boston private, i baby boomer, la generazione X e i millennials associano la ricchezza alla tranquillità

Baby boomer (nati tra il 1945 e il 1964), generazione X (nati tra il 1960 e il 1980) e millennials (nati tra il 1989 e il 2000), con un reddito annuo netto che oscilla tra uno e 20 milioni associano la ricchezza alla tranquillità e alla felicità. A dirlo è il rapporto “The why of wealth” pubblicato dal Boston private, società che lavora nella gestione patrimoniale e nel private banking.

Nel dettaglio il report evidenzia come il 63% degli intervistati identifica la ricchezza con la tranquillità, mentre il 54% con la felicità (nell’indagine si dava la possibilità di dare delle risposte multiple). “Gli individui perseguono la ricchezza per raggiungere il benessere emotivo” si legge nel report.

Se dunque la ricchezza è associata, in modo comune a tutte e tre le generazioni, con la tranquillità. Esiste però una differenza, nella percezione stessa del benessere. I millennials considerano infatti la ricchezza come “una via d’accesso alla felicità” mentre per le generazioni più anziane è importante “la pace della mente”. Altra percezione ancora per i baby boomer. Questa generazione da più importanza alla ricchezza come capitale finanziario piuttosto che associarlo alla felicità.

Il rapporto sostiene dunque che la generazione “old” collega la ricchezza alla sicurezza e dunque alla pace e alla tranquillità. Mentre i più giovani associano la ricchezza alla felicità. Più si è ricchi più si ha successo e più si è felici. Queste diverse percezioni della ricchezza spiegano anche gli altri dati del report. Il 46% dei millennial percepisce infatti la ricchezza come potere e influenza. Dato nettamente superiore alla Generazione X, dove solo il 26% ha questa percezione. Percezione che si ritrova solo nel 12% dei baby boomer.

La ricchezza viene però percepita in modo diverso anche dagli uomini e dalle donne. Per il 44% degli uomini la ricchezza è sinonimo di successo, potere e influenza. Dato che rappresenta solo il 20% delle intervistate di sesso femminile. Mentre per il 72% delle donne la ricchezza è un mezzo per avere una bella casa e una vita agiata. Aspetto che caratterizza il 62% degli intervistati di sesso maschile. Il rapporto sottolinea dunque come “gli uomini sono più preoccupati di come la ricchezza possa elevare il loro status sociale e rafforzare la loro influenza rispetto alle donne”.

Aspetto interessate è il cambio di percezione nel corso della vita. Molti intervistati hanno dichiarato come la loro “definizione” di ricchezza si sia evoluta con il passare degli anni. Non escludono dunque che potrebbero ancora cambiare la loro percezione, nel futuro. Questo va a sottolineare il fatto che nelle diverse fasi della vita ci sono priorità differenti che fanno vedere la ricchezza da una prospettiva diversa di volta in volta.

 

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Outlook e Previsioni Millennials Liquidità
ALTRI ARTICOLI SU "Outlook e Previsioni"
ALTRI ARTICOLI SU "Millennials"
ALTRI ARTICOLI SU "Liquidità"