PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

La ricchezza è mobile. Usa e Australia le maggiori calamite

17 Maggio 2019 · Giorgia Pacione Di Bello · 2 min

  • Nel 2017 c’erano 95.000 High net worth individual. Nel 2018 il numero è cresciuto arrivando a 108.000. Il Paese che ha generato più ricchi è la Cina

  • Sono diversi i fattori che portano gli Hnwi a lasciare il proprio paese. Tra questi c’è l’instabilità politica ed economica

L’ultimo studio pubblicato da AfrAsia Bank mostra come si muovono nel mondo gli High net worth individual. Cina e india sono i paesi da cui scappano maggiormente, mentre gli Stati Uniti e l’Australia rimangono le destinazioni preferite

Stati Uniti d’America e Australia sono calamite per gli High net worth individual (Hnwi, persone con una ricchezza superiore al milione di euro). Nel 2018 sono arrivati nei due Paesi rispettivamente 10mila e 12mila nuovi Hnwi. A far compagnia agli Usa e Australia ci sono anche: i Caraibi (+2.000), il Canada (+4.000), la Svizzera (+2.000) la Nuova Zelanda (+1.000), Singapore (+1.000), gli Emirati Arabi Uniti (+2.000), la Grecia (+1.000) e Israele (+1.000). Secondo il report: “Global wealth migration review” (la migrazione globale della ricchezza) pubblicato da AfrAsia Bank, molti High net worth individual hanno lasciato la Cina (15.000), la Russia (7.000), la Turchia (4.000), il Regno Unito (3.000), la Francia (3.000) e il Brasile (2.000). Quando i soggetti ad alto reddito iniziano a lasciare il proprio paese di origine, significa che c’è qualcosa che non va nella giurisdizione in questione.

Il malcontento può essere causato da diversi fattori: l’instabilità politica, economica, un alto tasso di criminalità o un inquinamento eccessivo posso essere fattori determinanti per gli Hnwi. La fuoriuscita di questi individui ad alto reddito non deve però essere sottovalutata, soprattutto quando si parla di paesi che non sono in grado di “generarne” di nuovi. La Cina come l’India sono i paesi che contemporaneamente creano più Hnwi e dai quali ne scappano di più. Per cercare di porre un freno a questa emorragia la Cina, per esempio, sta puntando sulle politiche fiscali, per cercare di coccolare maggiormente i suoi paperoni e magari attrarne di nuovi. Altro Paese da cui fuggono i miliardari è la Turchia. In questo caso i motivi principali sono legati all’instabilità politica ed economica. A differenza della Cina e dell’India, la Turchia perde solo milionari, non producendone di nuovi. I nuovi e vecchi Hnwi guardano dunque a paesi stabili e che offrano vantaggi fiscali anche significativi come la Svizzera, le Cayman, gli Usa (New York, Los Angeles, Miami e San Francisco hanno attirato 1.000 Hnwi) o l’Australia.

Questa giurisdizione, negli ultimi anni sta piacendo sempre di più agli Hnwi perché non ha le tasse di successione (anche l’Italia ha un’imposta di successione molto bassa ma ci sono condizione politico economiche meno favorevoli), ha un costo “ridotto” per l’assistenza sanitaria (vantaggio rispetto agli Usa) ed è percepito come un Paese stabile per far crescere la propria famiglia. Non è dunque un caso che nel 2018 l’Australia ha superato il Canada e la Francia, posizionandosi al settimo posto per quanto riguarda “il mercato della ricchezza”.

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
VUOI LEGGERE ALTRI ARTICOLI SU: