PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Italia, Paese di formiche. Nel 2019 solo il 24% investirà

08 Gennaio 2019 · Giorgia Pacione Di Bello · 2 min

  • Bitcoin, gioielli, opere d’arte, immobili e prodotti finanziari saranno gli investimenti per il 2019

  • La maggior parte degli italiani ha dichiarato che cercherà di risparmiare fino al 5% del reddito

Secondo l’Osservatorio mensile di Findomestic il 53% degli italiani ha un unico obiettivo nel 2019: risparmiare. Chi investirà lo farà in prodotti ben definiti

Il 2019 non sarà un anno all’insegna degli investimenti. Il 53% degli italiani, secondo l’Osservatorio mensile di Findomestic, non pensa infatti di effettuare investimenti o non ha ancora deciso (20%). Chi invece ha intenzione di farli (24%) punterà maggiormente sui prodotti finanziari (14%) e sugli immobili (10%).
Secondo i dati di Findomestic, i prodotti finanziari attirano l’interesse, in particolare, dei pensionati (23%); mentre il mattone risulta essere invece la forma di investimento preferita nel sud e soprattutto nelle isole (14%), con una netta prevalenza degli under 35: più di uno su tre (34%) è pronto a scommettere sull’immobiliare.

Oltre ai classici prodotti finanziari e agli immobili, seppure in percentuali più ridotte, alcuni degli intervistati da Findomestic intendono affidarsi a forme di investimento più particolari come i gioielli (4%), le criptovalute (4%) e le opere d’arte (3%). In particolare le valute digitali risultano essere le preferite da parte di studenti universitari, vicini alla laurea, o da giovani professionisti vicino ai 30 anni. L’arte, invece, è considerata un bene rifugio soprattutto dai cittadini del nord ovest con una percentuale di investitori doppia rispetto alla media.

Ma non finisce qua perché il 14% degli intervistati da Findomestic pensa di sottoscrivere nel 2019 un mutuo o un leasing: il 2% fino a 5.000 euro, il 3% da 5 a 15.000 euro, il 2% da 15 a 30.000 euro, il 2% da 30 a 50.000 euro e il 4% oltre 50.000 euro. A richiedere mutui o leasing saranno soprattutto cittadini del nord ovest (oltre il 30%).Risulta però esserci anche un 15% di italiani che ha intenzione di richiedere un prestito. Nel dettaglio: il 4% fino a 5.000 euro, il 5% da 5 a 15.000 euro, il 3% da 15 a 30.000 euro, il 2% da 30 a 50.000 euro e l’1% oltre 50.000 euro.

In linea generale, secondo Findomestic, l’anno nuovo porta con sé maggiori risparmi e per alcuni anche più consumi. Se nell’anno appena concluso 4 su 10 non hanno accantonato nulla, per il 2019 quasi si dimezza (26%) la quota di coloro che prevedono di non riuscire a risparmiare, mentre uno su tre (33%) si aspetta di mettere da parte fino al 10% del proprio reddito. E anche sul fronte dei consumi la spesa aumenterà per oltre un italiano su cinque (21%), anche se calerà per uno su sette (14%).

Entrando nel dettaglio. Il 12% degli intervistati intende risparmiare fino al 5% del proprio reddito, il 21% pensa che risparmierà tra il 5 e il 10%, il 14% tra il 10 e il 20% e il 9% tra il 20 e il 30%. E c’è anche un 6% che ritiene di poter risparmiare oltre il 30% dei propri guadagni. Infine per il 2019 il 57% degli intervistati da Findomestic non si aspetta variazioni nei propri consumi, il 21% ipotizza un aumento mentre solo il 14% pensa ad una riduzione. Tra coloro (21% del campione) che si aspettano una crescita delle spese, uno su quattro (24%) stima un incremento fino al 5%, il 29% tra il 5 e il 10% e il 21% tra il 10 e il 20%. Uno su dieci, inoltre, prevede di spendere anche più del 20% rispetto al 2017. Tra chi si attende (14% del campione) una diminuzione dei consumi, la maggior parte (29%) stima di ridurli tra il 5 e il 10% mentre il 12% pronostica un calo superiore al 20%.

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
VUOI LEGGERE ALTRI ARTICOLI SU: