PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Italia, oltre 92mila euro di debito a famiglia

Italia, oltre 92mila euro di debito a famiglia

Salva
Salva
Condividi
Teresa Scarale
Teresa Scarale

16 Febbraio 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Considerando che al primo gennaio 2019 la popolazione dell’Italia era di 60.359.546 unità, è “come se ogni italiano avesse un debito di 39.915 euro”

  • In Italia ci sono 26.081.199 famiglie, il che equivale a dire che “è come se ogni famiglia avesse 92mila euro di debito”

  • Il debito crescente del Paese piace però agli investitori non residenti

Ogni famiglia in Italia ha oltre 92mila euro di debito. Lo rivela il nuovo fascicolo “Finanza pubblica, fabbisogno e debito” di Bankitalia

Duemila miliardi e mezzo (di euro) e non sentirli. A tanto è arrivato il debito pubblico italiano a fine 2019, secondo quanto riportato dalla Banca d’Italia nel suo fascicolo “Finanza pubblica, fabbisogno e debito”.

La nuova soglia record si attesta per la precisione a 2.409,2 miliardi di euro. A fine 2018 invece ammontava a 2.380,6 miliardi, valore pari al 134,8% del Pil.

Il dato, produce due risultati. Considerando che al primo gennaio 2019 la popolazione dell’Italia era di 60.359.546 unità, è “come se ogni italiano avesse un debito di 39.915 euro“. Lo evidenzia Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. Ma non è tutto. In Italia ci sono 26.081.199 famiglie, il che equivale a dire che “è come se ogni famiglia avesse 92 mila euro di debito, 92.375 euro per la precisione”.

Debito Italia, le cose sarebbero potute andare peggio

I conti sarebbero potuti andare ancora peggio. Il fascicolo di Bankitalia spiega infatti che sono stati risparmiati 4,4 miliardi di euro grazie a quattro fattori. Primo, la lieve riduzione delle disponibilità liquide del Tesoro, calate di 2,2 miliardi, a 32,9. Secondo, l’effetto complessivo degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso del debito, poi la rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e infine la variazione del cambio.

Cresce il debito delle amministrazioni centrali, cala quello delle locali

Il debito consolidato delle amministrazioni centrali è cresciuto di 32,1 miliardi, a 2.324,8. Quello delle amministrazioni locali invece è diminuito di 3,4 miliardi, a 84,4. Il debito degli enti di previdenza infine è rimasto sostanzialmente stabile.

Debito Italia, un asset che piace agli stranieri

La crescita del debito italiano lo rende appetitoso agli occhi dei non residenti. E’ infatti aumentata nel 2019 la quota di debito detenuta dagli stranieri, collocandosi alla fine dello scorso novembre al 31,4%, mentre alla fine del 2018 era del 28,6%. La durata media del debito è invece rimasta stabile a 7,3 anni, come alla fine del 2018.

L’Unione Italiana Consumatori però non ci sta. “Peggio di così non si può. Il poco invidiabile record storico fa esprimere a Massimiliano Dona tutto il suo disappunto. La questione è che “non si può fare alcuna riforma fiscale che riduca le tasse fino a che il debito continua a salire“.

Teresa Scarale
Teresa Scarale
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Outlook e Previsioni Bankitalia Italia
ALTRI ARTICOLI SU "Outlook e Previsioni"
ALTRI ARTICOLI SU "Bankitalia"
ALTRI ARTICOLI SU "Italia"