PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Investimenti, alla scoperta dei temi vincenti per il 2021

Investimenti, alla scoperta dei temi vincenti per il 2021

Salva
Salva
Condividi
Teresa Scarale
Teresa Scarale

10 Dicembre 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • C’è ancora molta necessità dell’impalcatura statale per uscire dalla crisi. L’unico paese che potrebbe uscire bene dal 2020 è la Cina. Il Dragone quest’anno «potrebbe registrare una crescita economica positiva, nell’ordine del 2%, forse anche più»

  • Gli anni a venire potrebbero vedere un passaggio di consegne fra Usa e Cina. Per questo il Paese di Mezzo «diventerà sempre più importante nei portafogli», come «gli emergenti in generale»

  • Il dollaro continuerà a perdere forza come valuta e «il diluvio di debito pubblico (e non solo di quello pubblico…) costringerà le banche centrali a mantenere bassissimi i tassi di interesse»

Dalla decade asiatica alle terapie geniche, passando per il green e un mondo più pulito (con dollaro debole). A ConsulenTia 2020, Jp Morgan dà le dritte sui temi per gli investimenti del 2021 e oltre

Il principale market mover del 2020 è stato il vaccino, lo conferma anche un’esperta come Maria Paola Toschi, executive director, global market strategist di J.P. Morgan Asset Management Italia. L’occasione è quella di ConsulenTia2020, la conferenza è “Mercati e temi di investimento nella nuova normalità post pandemia”. Partendo da una situazione di crollo dell’economia dovuta al lockdown (i servizi i più penalizzati), «il risultato delle misure dei deficit è stato potente. Alla fine della chiusura però gli indicatori sono ripartiti grazie alle misure pubbliche di sostegno». Perciò «il supporto non deve terminare adesso»: c’è ancora molta necessità dell’impalcatura statale per uscire dalla crisi. L’unico paese che potrebbe uscire bene dal 2020 è la Cina. Il Dragone quest’anno «potrebbe registrare una crescita economica positiva, nell’ordine del 2%, forse anche più».

Prospettive sugli investimenti Usa 2021

Gli anni a venire potrebbero vedere un passaggio di consegne fra Usa e Cina. Per questo il Paese di Mezzo «diventerà sempre più importante nei portafogli», come «gli emergenti in generale». Anche negli Usa, come in Europa, il ruolo del governo è stato fondamentale per attutire gli effetti della pandemia. «Il pacchetto di stimoli a stelle e strisce però adesso è terminato, e la politica non ha ancora trovato un accordo per rinnovarlo. Un parlamento diviso potrebbe portare a un approccio più morbido, più graduale negli stimoli», osserva la Toschi.

Con Joe Biden, ci sarà maggior attenzione al verde, ai temi Esg. Inoltre, «la Fed col nuovo presidente sarà molto più indipendente dalla politica rispetto a quanto accaduto con Trump». Il dollaro continuerà a perdere forza come valuta e «il diluvio di debito pubblico (e non solo di quello pubblico…) costringerà le banche centrali a mantenere bassissimi i tassi di interesse.» Attualmente, prosegue la strategist, circa il 90% delle obbligazioni rende meno dell’1%, con il 30% a rendere meno dello 05. E la quota è in espansione.

I settori vincenti per i temi di investimento 2021: portafogli, obbligazioni, azioni

La classica logica di investimento di portafoglio 60:40 (azionario – obbligazionario) nel contesto attuale è da ripensare. Negli anni, questo approccio ha condotto a rendimenti medi del 7-8%. Ma al momento i tassi obbligazionari sono così bassi che anche un rialzo dei rendimenti azionari in portafoglio non basterebbe a compensarli. «Il ruolo che potranno svolgere le obbligazioni nei portafogli sarà diverso rispetto al passato», dovranno occupare una quota in portafoglio intorno al 10%. I bond high yield e gli emergenti aumentano il rendimento ma anche il rischio. Così, si viene a perdere il ruolo di decorrelazione delle obbligazioni. Ci sarà quindi sempre più spazio per asset alternativi come l’immobiliare, gli hedge fund, le strategie global macro, la ricerca di decorrelazione.

E le azioni? Nei primi dieci mesi del 2020 – come noto – hanno funzionato i settori “crescita”, come la tecnologia, a dispetto del comparto “valore” (in ripresa da quando è stato annunciato il vaccino). Secondo l’esperta, nel 2021 i temi vincenti fra gli investimenti potrebbero essere – oltre che al tech e all’healthcare – anche le terapie geniche, le A-Shares e le obbligazioni cinesi, le azioni Asia Pacifico, le soluzioni sostenibili. La decade asiatica è appena iniziata: sarà green in tutto il mondo, e (auspicabilmente) più sana ovunque.

Teresa Scarale
Teresa Scarale
caporedattore
Condividi l'articolo
Se non vuoi mancare aggiornamenti importanti per te, registrati e segui gli argomenti che ti interessano.
ALTRI ARTICOLI SU "Outlook e Previsioni"
ALTRI ARTICOLI SU "Azionari internazionali"
ALTRI ARTICOLI SU "Azionari Paesi Emergenti"